Search
  • Redazione

Aeolian Islands, a sperm whale victim of an illegal fishing net in Lipari has been freed

A sperm whale trapped in the grip of an illegal fishing net off the island of Lipari, Sicily, was freed thanks to the report of the volunteers of Filicudi Wildlife Conservation, partner of the Life Delphi project, who promptly alerted the Coast Guard.


During a water monitoring trip, the team of the Sicilian association immediately alerted the rescue machine and, to save the sperm whale, the soldiers of the Lipari Coast Guard intervened. A first attempt to free the cetacean by cutting the nets that blocked the caudal fin was not resolutive, only later with the support of Lipari Diving club the sperm whale was freed from the illegal net used for tuna and swordfish, whose use is strictly prohibited.

«The other members of the group were remotely watching the sperm whale Spike in the hope of seeing him move and dive. After about an hour or so they disappeared», said Monica Blasi, president of Filicudi Wildlife Conservation, who was present at the intervention. «The trapped sperm whale - she said - had a breath with regular intervals of about two minutes, after his release his breathing improved. We believe he needs a lot of rest before diving. We don't know for sure that he's going to be all right, unfortunately. The drift net is a death trap for cetaceans and sea turtles. It holds the animal underwater without allowing it to surface to breathe. We thank all those who helped to save this life, the Lipari Coast Guard and Lipari Diving in the first place, a great teamwork».


The main objective of the European project Life Delphi, coordinated by CNR (National Research Council) and among the partners there is Legambiente, is precisely to reduce the interactions between cetaceans, in particular coastal dolphins (Tursiops truncatus) and professional fishing. Often these individuals are victims of accidental catches with very serious consequences. According to the data collected, an average of 200 dolphins are stranded each year in Italy.



(ITA) Isole Eolie, liberato un capodoglio vittima di una rete da pesca illegale a Lipari

Un capodoglio rimasto intrappolato nella morsa di una rete da pesca illegale al largo dell'isola di Lipari, in Sicilia, è stato liberato grazie alla segnalazione dei volontari di Filicudi Wildlife Conservation, partner del progetto Life Delfi, che prontamente hanno allertato la Guardia Costiera.

Nel corso di una uscite di monitoraggio delle acque, il team dell'associazione siciliana ha subito allertato la macchina dei soccorsi, e per salvare il capodoglio sono intervenuti i militari della Guardia Costiera di Lipari. Un primo tentativo di liberare il cetaceo tagliando le reti che bloccavano la pinna caudale non è stato risolutivo, solo successivamente con il supporto del Lipari Diving il capodoglio è stato liberato dalla rete illegale usata per la pesca del tonno e del pesce spada, il cui utilizzo è vietato severamente.

«Gli altri membri del gruppo sorvegliavano a distanza il capodoglio Spike nella speranza di vederlo muoversi e immergersi. Dopo circa un'ora sono spariti - dichiara Monica Blasi, presidente di Filicudi Wildlife Conservation, presente all'intervento -. Il capodoglio intrappolato aveva un respiro con intervalli regolari di circa due minuti, dopo la sua liberazione la respirazione è migliorata. Crediamo abbia bisogno di riposare parecchio a galla prima di immergersi. Non abbiamo la certezza che se la caverà purtroppo. La rete derivante è una trappola mortale per cetacei e tartarughe marine. Trattiene l'animale sott'acqua senza consentirgli di venire a galla a respirare. Si ringraziano tutti quelli che hanno contribuito a salvare questa vita, la Guardia Costiera di Lipari e Lipari Diving in primis, un grandissimo lavoro di squadra».


L'obiettivo principale del progetto europeo Life Delfi, coordinato dal CNR (Consiglio Nazionale Ricerca) e tra cui i partner c'è Legambiente, è proprio quello di ridurre le interazioni tra i cetacei, in particolare i delfini costieri (Tursiops truncatus) e la pesca professionale. Spesso questi esemplari restano vittime di catture accidentali con gravissime conseguenze. Dai dati raccolti sono in media 200 i delfini spiaggiati ogni anno in Italia.

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com