Search
  • Redazione

Anti-Covid-19 measures, here is how Palermo Airport will reopen


Mandatory routes for arriving and departing passengers, sanitisations, individual protection tools and serological tests for airport staff, thermal scanners and signs. These are just a few measures of an articulated plan implemented by Palermo Falcone Borsellino airport to contain the risk of contagion from Covid-19, in view of the potential distribution of air traffic. Gesap, the management company of the Palermo airport, has provided for the massive use of cleaning and sanitizing operations, with a greater frequency of intervention in the areas of the terminal and in those dedicated to personnel. In addition, they will increase the installation for the delivery of hand sanitizers, before and after each point of contact with and between passengers. Great attention will be paid to physical spacing. Passengers and visitors will be guided by the signs to the mandatory routes in and out of the airport. The stickers on the floor indicate the shift waiting points, while the dividing panels and codometers will delimit the areas. The sound announcements communicate to all the rules on social distancing.


In addition, physical barriers will be installed to limit and control, with the help of electronic tools, the maximum number of passengers in shared spaces (gates, shops, for example), in order to prevent overcrowding. Departing and arriving passengers must use masks and gloves. Airport staff will wear plexiglass visual screens and personal protective equipment. The passage from the airport, for the flows of passengers, carers, workers entering and leaving, will involve well-defined routes. In each entrance / exit from the terminal a thermoscanner will be installed to control body temperature under the monitoring of health personnel. «In a few days, in view of the resumption of flights, we will develop all the necessary measures to accommodate a greater flow of passengers and better contain the risk from Covid-19 - says Giovanni Scalia, CEO of Gesap - In these hours, several companies are contacting us to schedule the restart. To the containment measures already in place, we thus add further filters and measures to distance passengers and facilitate health checks. Furthermore, at the national table with Assaeroporti - concludes Scalia - work is being carried out on the application of health protocols for the containment of the spread of the virus in the check-in, boarding and passport control phases; health screening for passengers, sustainable measures of social distancing, also respecting European rules».



(ITA) Misure anti-Covid-19, l'aeroporto di Palermo riaprirà così


Percorsi obbligatori per i passeggeri in arrivo e in partenza, sanificazioni, strumenti di protezione individuale e test sierologici per il personale aeroportuale, termoscanner e segnaletica.  Sono solo alcune misure di un piano articolato messo in campo dall’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino per contenere il rischio contagio da Covid-19, in vista della potenziale ripartenza del traffico aereo.


Gesap, la società di gestione dello scalo palermitano, ha previsto il ricorso massiccio delle operazioni di pulizia e sanificazione, con una frequenza maggiore di intervento nelle aree del terminal e in quelle dedicate al personale. Inoltre, aumenteranno le installazione per l’erogazione dei disinfettanti per le mani, prima e dopo ogni punto di contatto con e tra i passeggeri.


Si farà molta attenzione sul distanziamento fisico. Passeggeri e visitatori saranno guidati dalla segnaletica verso i percorsi obbligatori in entrata e in uscita dallo scalo aereo. Gli adesivi sul pavimento indicheranno i punti di attesa turno, mentre i pannelli divisori e i codometri delimiteranno le aree. Gli annunci sonori comunicheranno a tutti le regole sul distanziamento sociale. 


Inoltre, saranno installate barriere fisiche per limitare e controllare, con l’ausilio di strumenti elettronici, il numero massimo di passeggeri negli spazi condivisi (gate, negozi, per esempio), al fine di prevenire il sovraffollamento. 


I passeggeri in partenza e in arrivo dovranno utilizzare le mascherine e i guanti. Il personale aeroportuale indosserà schermi visivi in plexiglass e dispositivi di protezione individuale.

Il passaggio dall’aerostazione, per i flussi di passeggeri, accompagnatori, lavoratori in entrata e in uscita, comporterà dei percorsi ben definiti. In ogni ingresso/uscita dal terminal verrà installato un termoscanner per il controllo della temperatura corporea sotto il monitoraggio del personale sanitario.


«Nel giro di pochi giorni, in vista della ripresa dei voli, metteremo a punto tutti gli accorgimenti necessari per accogliere un flusso maggiore di passeggeri e contenere al meglio il rischio da Covid-19 - dice Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap - In queste ore, diverse compagnie ci stanno contattando per programmare la ripartenza. Alle misure di contenimento già in atto, aggiungiamo così ulteriori filtri e accorgimenti per distanziare i passeggeri e agevolare i controlli sanitari. Inoltre, al tavolo nazionale con Assaeroporti - conclude Scalia - si lavora sull’applicazione dei protocolli sanitari per il contenimento della diffusione del virus nelle fasi di check-in, imbarchi e controllo passaporti; screening sanitari per i passeggeri, misure sostenibili di distanziamento sociale nel rispetto anche delle regole europee».