Search
  • Redazione

Assoturismo: «Tourist voucher, involve tour operators and confirm coverage»

From Messina to Messina. in the sense that the national president of Assoturismo, Vittorio Messina, writes to the regional councilor for Tourism, Manlio Messina.



Without using too many words, Vittorio Messina ask «to involve the most representative associations in the sector in drafting the implementing decrees of the measures to support tourism provided for in the Stability Law». Not only. But also to insert «a selection of packages already created and organized by tour operators and travel agencies» in the platform that the Department is building - not without controversy for the task entrusted to the engineer Carmelo Indelicato, whose contract has ben renewed - precisely to promote the famous vouchers in which the Region gives tourists one night out of three in stays in Sicilian accommodation.


Assoturismo Confesercenti Sicilia therefore writes to the councilor Messina: «The promotion plan provided by the government to offer free nights and packages to those who choose Sicily for the holidays - the national president of Assoturismo, Vittorio Messina, says - is a good project that must now find a concrete realization and deal with the stringent rules imposed by Europe. Our fear is that in the face of the facts, the expected benefits for the companies may be not very incisive and that a large part of the supply chain can remain outside». The document is also signed by the regional coordinator of Assoturismo, Salvo Basile.


The letter also asks to agree with the Department of Productive Activities on access to businesses in the tourism sector to «a part of the 150 million euro credit line destined for the provision of non-repayable resources to cover the fixed management costs and to cover the budget losses generated by the lockdown».

For Assoturismo Confesercenti, in fact, on the ceiling of 75 million envisaged by the Stability law for vouchers «it is essential to have certain answers and guarantees, starting from the real availability of economies on extra-regional funds and the POC 2014 2020, on which the coverage depends of the measures provided by the stability law».


The fact remains that these are not direct aids to businesses in a supply chain made up of «hotel and non-hotel accommodation facilities, campsites, renters with bus and car drivers, tour guides and guides, restaurants, bathing establishments, travel agencies, tour operators. incoming and outgoing. A «long and varied supply chain that risks breaking up without immediate liquidity injections».


Hence also the operational proposal to simplify the allocation procedures on the market of services purchased by the Tourism Department to entice tourists to choose Sicily as a destination for their holidays. «We think - Messina and Basile write - that the government's project can be more effective by inserting on the Region portal a selection of packages already created and organized by Tour operators and Travel agencies. The packages could be collected and organized by location and / or by theme». A «simpler finished product to be marketed» would be obtained which «would allow the promotion of areas of our island that would otherwise be certainly excluded».


(ITA) Assoturismo: «Voucher turistimo, coinvolgere gli operatori turistici e confermare le coperture»


Da Messina a Messina. nel senso che il presidente nazionale di Assoturismo Vittorio Messina, scrive all'assessore regionale al Turismo, Manlio Messina. Chiedendo senza tanti giri di parole di «coinvolgere le associazioni datoriali più rappresentative del settore nella stesura dei decreti attuativi delle misure a sostegno del turismo previste nella Legge di Stabilità». Non solo. Ma anche di inserire «una selezione di pacchetti già creati e organizzati da Tour operator e Agenzie di viaggio» nella piattaforma che l'assessorato sta costruendo - non senza polemiche per l'incarico affidato all'ingegnere Carmelo Indelicato, il cui contratto è stato rinnovato - proprio per promuovere i famosi "voucher" in cui la Regione regala ai turisti una notte su tre nei soggiorni nelle strutture ricettive della Sicilia.


Assoturismo Confesercenti Sicilia dunque scrive all'assessore: «II piano di promozione previsto dal governo per offrire notti e pacchetti gratis a chi sceglie la Sicilia per le vacanze – dice il presidente nazionale di Assoturismo, Vittorio Messina – è un buon progetto che deve ora trovare una realizzazione concreta e fare i conti con le regole stringenti imposte dall’Europa. Il nostro timore è che alla prova dei fatti, i benefici sperati per le aziende possano essere poco incisivi e che gran parte della filiera possa restare fuori». Il documento è firmato anche dal coordinatore regionale di Assoturismo, Salvo Basile.


Nella lettera si chiede anche di concordare con l'assessorato alle Attività produttive l'accesso alle imprese del settore turistico a «una parte del plafond da 150 milioni di euro destinato all’erogazione di risorse a fondo perduto a copertura dei costi fissi di gestioni e alla copertura delle perdite di bilancio generate dal lockdown».

Per Assoturismo Confesercenti, infatti, sul plafond di 75 milioni previsto dalla legge di Stabilità per i voucher «è indispensabile avere risposte certe e garanzie, a partire dalla reale disponibilità delle economie su fondi extra regionali e del POC 2014 2020, da cui dipende la copertura delle misure previste dalla legge di stabilità».

Resta il fatto che non si tratta di aiuti diretti alle imprese di una filiera fatta di «strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, campeggi, noleggiatori con conducente di bus e autovetture, accompagnatori e guide turistiche, ristorazione, stabilimenti balneari, agenzie di viaggio, tour operator incoming e outgoing.». Filiera «lunga e variegata che rischia di frantumarsi senza immediate iniezioni di liquidità».


Da qui anche la proposta operativa per semplificare le procedure di allocazione sul mercato dei servizi acquistati dall’Assessorato del turismo per invogliare i turisti a scegliere la Sicilia come meta per le proprie vacanze. «Pensiamo - scrivono Messina e Basile - che il progetto del governo possa essere più efficace inserendo sul portale della Regione una selezione di pacchetti già creati e organizzati da Tour operator e Agenzie di viaggio. I pacchetti potrebbero essere raccolti e organizzati per località e/o per tema». Si otterrebbe un « prodotto finito più semplice da commercializzare» che «consentirebbe la promozione di aree della nostra isola che altrimenti verrebbero sicuramente escluse».