Search
  • Redazione

Bribes and corruption in contracts of Public Health Departments in Sicily


Storm on Sicilian Health. The operation conducted by the Guardia di Finanza of Palermo on the delegation of the Prosecutor of the Republic of Palermo is called "Sister Health", which led to precautionary measures for 12 people, investigated in various capacities for corruption for acts contrary to office duties, induction to give or promise utility, instigation to corruption, disclosure of office secrecy and disturbed freedom of tenders. A complex system of bribes that has polluted the tenders called by the Central Commission of the Sicilian Region and by the ASP 6 of Palermo. the investigations revealed "the existence of a center of power made up of unfaithful businessmen, entrepreneurs and public officials who would have enslaved the public function to private interests, so as to allow them to gain undue and substantial economic advantages in the public health sector". The bribes averaged around 5% of the tender amount.


Arrests and precautionary measures


Two people were subjected to pre-trial detention in prison: F. D. (1965, from Palermo) and S. M. (1976, from Agrigento - reference businessman for D.); another 8 are under house arrest: among them the name of A.C. (1965, from Palermo), Coordinator of the regional structure for the Covid-19 emergency, former Extraordinary Commissioner and General Manager of the APS 6 in Palermo; G.T. (1973, from Palermo - businessman), Between. Z. (1964, from Rome), R. S. (cl. 70 from Cagliari), A. M. (1969, from Palermo), C. D. S. (1971, from Naples), I. T. (1980, from Milan), S. N. (1973, from Caltanissetta).


Instead, the measure of the temporary prohibition to exercise professional, entrepreneurial and public offices was applied to G.T. (1959, Catania) and G.D.M. (1957, originally from Polizzi Generosa (PA) - engineer and member of the tender commission) .


For the preliminary investigations, the judge also ordered the preventive seizure of 7 companies, based in Sicily and Lombardy, of financial resources for 160,000 euros which would be the bribes ascertained and already paid, while the bribes promised to public officials would reach a figure equal to at least 1,800,000 euros.


Investigations and tenders at the center of the investigation


The investigations carried out by the Economic Police - Financial Department of the Guardia di Finanza of Palermo - were carried out through telephone and environmental interceptions, stakeouts, stalking, video footage, documentary and financial flows examinations. The picture that emerged hypothesizes the existence of a center of power made up of unfaithful businessmen, entrepreneurs and public officials who would have enslaved the public function to private interests, so as to allow them to gain undue and substantial economic advantages in the public health sector.

The articulated phases of the corruption system revolved around the tenders called by the Central Commission of the Sicilian Region and by the ASP 6 of Palermo. The officers of Guardia di Finanza have revealed "the plots for the hoarding of millionaire contracts in the Sicilian health sector".

Specifically, 4 public tender procedures were analyzed, awarded starting from 2016, the overall value of which is close to € 600 million: the management and maintenance of electromedical equipment, tender launched by ASP 6 with a value of € 17,635,000; the tender for integrated electromedical equipment maintenance services, announced by the CUC for a value of 202,400,000 euros; the tender for the supply of energy carriers, management and maintenance of technological systems, announced by ASP 6 for a value of 126,490,000 euros; the tender for cleaning services for regional health service entities, announced by the CUC for a value of € 227,686,423.


Tangent of 5% of the contract value


"The unscrupulous illegal conduct - the note released by the Guardia di Finanza says - guaranteed the personal enrichment of unfaithful public officials and their intermediaries, by applying a tariff that was around 5% of the value of the contract awarded. The winners of the tenders, important national-level companies, were aware of and involved in the criminal dynamics ". In any case, "they took advantage of the payment of the bribes over time".


Here's how the corruption mechanism worked


Here is the "consolidated" scheme of the corruption system, according to the reconstruction of the anti-corruption specialists of the Public Spending Protection Group of the Economic - Financial Police Unit:

1) the contractor interested in the contract approaches the businessman, known interface of the corrupt public official;

2) the contractor, in agreement with the public official, agrees with the corrupting company the criminal strategies to favor the award of the tender;

3) the company, having received detailed and confidential information, presents its "guided offer", which will then be adequately followed until the desired illegal result is obtained.


From here, the investigation reveals the misconduct that emerged during the course of the troubled procedures, namely: the attribution of discretionary scores, not reflecting the merit of the submitted project; the replacement of the envelopes containing the economic offers; the payment of work progress reports even in the absence of the necessary supporting documentation; the dissemination of confidential information, covered by professional secrecy.


The payments of bribes in some cases were made with the classic delivery of cash during confidential meetings, but much more often they were instead camouflaged with complex accounting operations between the companies awarded the contract and a galaxy of other companies, headed by nominees, but in fact referable to reference fixers for corrupt public officials.



(ITA) Tangenti e corruzione, bufera sulle gare della Sanità in Sicilia


Bufera sulla Sanità siciliana. Si chiama "Sorella Sanità" l'operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Palermo su delega della Procura della Repubblica di Palermo, che ha portato all'arresto di 12 persone, indagate a vario titolo per corruzione per atto contrario ai doveri di ufficio, induzione indebita a dare o promettere utilità, istigazione alla corruzione, rivelazione di segreto di ufficio e turbata libertà degli incanti. Un complesso sistema di tangenti che ha inquinato le gare indette dalla Centrale Unica di Committenza della Regione Siciliana e dall’ASP 6 di Palermo. le indagini hanno rivelato «l'esistenza di un centro di potere composto da faccendieri, imprenditori e pubblici ufficiali infedeli che avrebbero asservito la funzione pubblica agli interessi privati, in modo da consentire di lucrare indebiti e cospicui vantaggi economici nel settore della sanità pubblica». Le tangenti mediamente si aggiravano su un valore pari al 5% dell'importo della gara d'appalto.


Gli arresti e le misure cautelari

Due persone sono state sottoposte a custodia cautelare in carcere: F. D. (cl. 65 di Palermo ) e S. M. (cl. 76 originario di Agrigento – faccendiere di riferimento per il D.); altri 8 sono agli arresti domiciliari: A. C. (cl. 65 di Palermo – Coordinatore della struttura regionale per l’emergenza Covid-19, già Commissario Straordinario e Direttore generale dell’APS 6 di Palermo), G. T. (cl. 73 di Palermo - faccendiere di riferimento per il .), Fra. Z. (cl. 64 di Roma ), R. S. (cl. 70 di Cagliari), A. M. (cl. 69 di Palermo), C. D. S. (cl. 71 di Napoli), I. T. (cl. 80 di Milano), S. N. (cl. 73 di Caltanissetta).


Nei confronti di G. T. (cl. 59 di Catania) e di G. D. M. (cl. 57, originario di Polizzi Generosa (PA) - ingegnere e membro di commissione di gara) è stata invece applicata la misura del divieto temporaneo di esercitare attività professionali, imprenditoriale e pubblici uffici.


Il Giudice per le indagini preliminari ha disposto anche il sequestro preventivo di 7 società, con sede in Sicilia e Lombardia, di disponibilità finanziarie per 160.000 euro che sarebbero le tangenti accertate e già versate, mentre le tangenti promesse ai pubblici ufficiali raggiungerebbero una cifra pari ad almeno 1.800.000 euro.


Le indagini e le gare d'appalto al centro dell'inchiesta


Le indagini eseguite dal Nucleo di Polizia Economico - Finanziaria delle fiamme gialle palermitane – sono state svolte tramite intercettazioni telefoniche e ambientali, appostamenti, pedinamenti, videoriprese, esami documentali e dei flussi finanziari. Il quadro che ne è venuto fuori ipotizza l’esistenza di un centro di potere composto da faccendieri, imprenditori e pubblici ufficiali infedeli che avrebbero asservito la funzione pubblica agli interessi privati, in modo da consentire di lucrare indebiti e cospicui vantaggi economici nel settore della sanità pubblica.

Le articolate fasi del sistema di corruzione ruotavano intorno alle gare indette dalla Centrale Unica di Committenza della Regione Siciliana e dall’ASP 6 di Palermo. I finanziari hanno svelato «le trame per l’accaparramento di appalti milionari del settore sanitario siciliano».

Nello specifico sono state analizzate 4 procedure ad evidenza pubblica, aggiudicate a partire dal 2016, il cui valore complessivo sfiora i 600 milioni di euro: la gestione e manutenzione apparecchiature elettromedicali, gara bandita dalla ASP 6 del valore di 17.635.000 euro; la gara per servizi integrati manutenzione apparecchiature elettromedicali, bandita dalla CUC del valore di 202.400.000 euro; la gara per la fornitura di vettori energetici, conduzione e manutenzione impianti tecnologici, bandita dalla ASP 6 del valore di 126.490.000 euro; la gara per i servizi di pulizia per gli enti del servizio sanitario regionale, bandita dalla CUC del valore di 227.686.423 euro.


Tangente del 5% del valore dell'appalto


«Le spregiudicate condotte illecite - si legge nella nota diffusa dalla Guardia di Finanza - garantivano l’arricchimento personale dei pubblici ufficiali infedeli e dei loro intermediari, mediante l’applicazione di un tariffario che si aggirava intorno al 5 % del valore della commessa aggiudicata. I vincitori delle gare, importanti società di livello nazionale, erano consapevoli e partecipi delle dinamiche criminali». In ogni caso «traevano un vantaggio che avrebbe remunerato nel tempo il pagamento delle tangenti».


Ecco come funzionava il meccanismo di corruzione


Ecco lo schema, «consolidato», del sistema corruttivo, secondo la ricostruzione degli specialisti anticorruzione del Gruppo Tutela Spesa Pubblica del Nucleo di Polizia Economico - Finanziaria:

1) l’imprenditore interessato all’appalto avvicina il faccendiere, noto interfaccia del pubblico ufficiale corrotto;

2) il faccendiere, d’intesa con il pubblico ufficiale, concorda con l’impresa corruttrice le strategie criminali per favorire l’aggiudicazione della gara;

3) la società, ricevute notizie dettagliate e riservate, presenta la propria “offerta guidata”, che sarà poi adeguatamente seguita fino all’ottenimento del risultato illecito ricercato.


Da qui, l'indagine rivela le condotte scorrette emerse nel corso dello svolgimento delle procedure turbate, ovvero: l’attribuzione di punteggi discrezionali, non riflettenti il merito del progetto presentato; la sostituzione delle buste contenenti le offerte economiche; il pagamento di stati avanzamenti lavoro anche in mancanza della documentazione giustificativa necessaria; la diffusione di informazioni riservate, coperte da segreto di ufficio.

I pagamenti delle tangenti in alcuni casi avvenivano con la classica consegna di denaro contante nel corso di incontri riservati, ma molto più spesso venivano invece mimetizzati con complesse operazioni contabili tra le società aggiudicatarie dell’appalto e una galassia di altre imprese, intestate a prestanomi, ma di fatto riconducibili ai faccendieri di riferimento per i pubblici ufficiali corrotti.