Search
  • Gianluca Reale

Budget Law, 900 amendments, clash over spending coverage


Around 900 amendments to the stability law are being discussed at the Sicilian regional Assembly. The deadline for tabling amendments expired at 4pm. To assess this large number of rules, the president of the Ars, Gianfranco Miccichè, explained that the offices of Palazzo dei Normanni will work tonight. The stability law will be examined tomorrow in the classroom, starting at 11 am. Meanwhile, the political debate is on, above all on spending coverage. The PD group leader Giuseppe Lupo, speaking during the general discussion on the economic maneuver, said that «in parliamentary committees we have had firm but constructive behavior, contributing overall to improving the maneuver. At this point the government no longer has alibis: once the stability law has been approved, it will have the tools to respond to the economic crisis». But, warns Lupo, the government must be responsible for «financial coverage. We are concerned about the insufficiency of some measures: I am thinking, for example, of sport, the weakest subjects, school, university, the world of culture and the health sector. There is also the need to clarify what is meant by the expression "extra-regional funds", because a vague and generic reference within the maneuver can frustrate what has been done so far». Antonello Cracolici defined the financial "proposed by the Musumeci government as a 'financial press release". Much of the promised resources are to be remodeled with the State through rules that are unlikely to be consistent with the methods envisaged by the maneuver proposed by the regional government». Nello Dipasquale, another Democrat, called «President Musumeci's absence to work in the Chamber shameful», while Baldo Gucciardi pointed out that the PD had made «a responsible opposition, but the regional government accepted our proposals».


The majority reply is entrusted to a note by Vincenzo Figuccia, UDC regional deputy. "From the opposition and the Democratic Party - said Figuccia - too many hypocrisies on the regional financial law. Democratic Party MPs in the budget committee shared and helped draft the rules of the stability law. Too easy to point out the majority on real coverages when they know that these are certain to the extent that their national government does not prey on Sicily as it is, both in terms of the use of extra-regional and POC funds, and on the reduction of the contribution to finance public, the latter's true theme of economic liberation from Rome. The finance law contains 1.5 billion resources that will help restart the economy after the Covid-19 health crisis. There are funds for families, businesses, production activities, school, training and work with hiring support».



(ITA) Finanziaria, 900 emendamenti, scontro sulle coperture di spesa


Sono circa 900 gli emendamenti presentati alla legge di stabilità in discussione all'Assemblea parlamentare siciliana. ll termine per presentare gli emendamenti è scaduto alle 16. Per valutare questo gran numero di norme, il presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè, ha spiegato che gli uffici di Palazzo dei Normanni lavoreranno questa sera. La legge di stabilità sarà esaminata domani in aula, a partire dalle 11.


Intanto si accende il dibattito politico, soprattutto sulle coperture di spesa. Il capogruppo PD Giuseppe Lupo, intervenendo nel corso della discussione generale sulla manovra economica, ha detto che «nelle commissioni parlamentari abbiamo avuto un comportamento fermo ma costruttivo, contribuendo complessivamente a migliorare la manovra. A questo punto il governo non ha più alibi: approvata la legge di stabilità, potrà avere gli strumenti per rispondere alla crisi economica». Però, avverte Lupo, il governo deve essere responsabile sulle «coperture finanziarie. Siamo preoccupati per l’insufficienza di alcune misure: penso ad esempio allo sport, ai soggetti più deboli, alla scuola, all’università, al mondo della cultura ed al settore della sanità. C’è inoltre l’esigenza di precisare cosa si intende con l’espressione ‘fondi extraregionali’, perché un riferimento vago e generico all’interno della manovra può vanificare quanto fatto fino ad ora».

Antonello Cracolici ha definito la finanziaria «proposta dal governo Musumeci una ‘finanziaria-comunicato stampa". Gran parte delle risorse promesse sono da rimodulare con lo Stato attraverso regole che difficilmente potranno essere coerenti con le modalità previste dalla manovra proposta dal governo regionale». Nello Dipasquale, altro democratico, ha definito «vergognosa l’assenza del presidente Musumeci ai lavori d'Aula», mentre Baldo Gucciardi ha rilevato come il PD abbia fatto una «opposizione responsabile, ma il governo regionale accolga le nostre proposte».


La replica della maggioranza è affidata a una nota di Vincenzo Figuccia, deputato regionale dell’Udc. «Dalle opposizioni e dal Pd - ha detto Figuccia - troppe ipocrisie sulla legge finanziaria regionale. I parlamentari del Partito Democratico in commissione bilancio hanno condiviso e contribuito a redigere le norme della legge di stabilità. Troppo facile additare la maggioranza sulle reali coperture quando sanno che queste sono certe nella misura in cui il loro governo nazionale non depredi la Sicilia di quanto le spetta, sia in ordine all’utilizzo dei fondi extraregionali e Poc, sia sulla riduzione del concorso alla finanza pubblica, vero tema quest’ultimo di affrancamento economico da Roma. La legge finanziaria contiene 1,5 miliardi di risorse che serviranno a far ripartire l’economia dopo la crisi sanitaria da Covid-19. Ci sono fondi per famiglie, imprese, attività produttive, scuola, formazione e lavoro con sostegni per le assunzioni».