Search
  • Redazione

«Canadian wheat contains glyphosate, eat 100% Sicilian pasta»

The "war" of wheat between Sicily and Canada. "Eat Sicilian pasta, it may cost a little more but it's healthy." The appeal comes from Margherita Tomasello, president of the Sicilian Pasta Academy, a company that aims to be a reference point in the world of organic and certified zero kilometer products.



The appeal is not dictated by marketing reasons, but by important considerations. "The Sicilian wheat - Tomasello says - is trying to give battle to the Canadian wheat, which contains glyphosate, the most widespread herbicide on the market against brushwood, which the Agency for Cancer Research of the World Health Organization includes among the potentially carcinogenic substances that we find in most of the pasta on supermarket shelves". For Tomasello, in fact, "many companies, linked to large retailers, prefer to buy from abroad rather than enhance the local wheat that, never as this year, is superior to all the others. In Sicily - says Tomasello - the protein content of durum wheat, present around 15%, comes exclusively from water and sun, while additives such as glyphosate are added to obtain the same concentration in wheat from abroad".


Tomasello points the finger at the Canadian wheat that invades our markets. "Canadian wheat is quoted between 32 and 33 cents per kilo against the 24-26 cents per kilo of Sicilian wheat, due to the large ships that have recently unloaded huge quantities of goods in the ports of the island. A move - he explains - that has had the effect of lowering the price of Sicilian wheat again, despite the current production has been one of the best in the last ten years. Between June and July the Canadian wheat fluctuates between 322 and 325 euros per ton while the one that is harvested in Sicily has fallen to 257 euros per ton, in the square of Catania at about 262 euros, the indicator for negotiations on the market in Palermo".


"But it seems - adds Tomasello - that there has already been a further decrease so that in a few days the price has fallen to 247 euros per ton. The ships that arrived in Sicily with their cargo have certainly had a negative influence on our production, making it depreciate". A lower price, however, if on the one hand it pays little to farmers by discouraging cultivation, on the other hand it could be attractive for the processing industry.



(ITA) «Il grano canadese contiene glifosato, mangiate pasta 100% siciliana»


La "guerra" del grano tra Sicilia e Canada. «Mangiate pasta siciliana, magari costa un po' di più ma è salutare». L'appello viene da Margherita Tomasello, presidente dell'Accademia siciliana della pasta, azienda che punta ad essere un punto di riferimento sul mondo dei prodotti biologici e certificati a chilometro zero.


L'appello non è dettato da motivi di marketing. ma da considerazioni di rilievo. «Il grano siciliano - dice Tomasello - sta provando a dare battaglia a quello canadese, che contiene glifosato, il diserbante più diffuso in commercio contro le sterpaglie, che l'Agenzia per la ricerca sul cancro dell'Organizzazione Mondiale della sanità inserisce tra le sostanze potenzialmente cancerogene che ritroviamo nella maggior parte della pasta presente sugli scaffali dei supermercati». per Tomasello, infatti, «molte aziende, legate alla grande distribuzione, preferiscono acquistare dall'estero piuttosto che valorizzare il grano locale che, mai come quest'anno, è superiore a tutti gli altri. In Sicilia - afferma Tomasello - l'apporto proteico del grano duro, presente attorno al 15%, deriva esclusivamente dall'acqua e dal sole mentre, per ottenere la stessa concentrazione nel grano di provenienza straniera, vengono aggiunti additivi come il glifosato».


Tomasello punta il dito contro il grano canadese che invade i nostri mercati. «Il grano canadese è quotato tra i 32 e i 33 centesimi al chilo contro i 24-26 del grano siciliano, a causa delle grandi navi che hanno scaricato di recente enormi quantità di merce nei porti dell'Isola. Una mossa - spiega - che ha avuto l'effetto di far scendere ancora il prezzo del grano siciliano ,nonostante la produzione attuale sia stata una delle migliori degli ultimi dieci anni. Tra giugno e luglio il grano canadese oscilla tra i 322 e i 325 euro a tonnellata mentre quello che viene raccolto in Sicilia è crollato a 257 euro a tonnellata, nella piazza di Catania a circa 262 euro, l'indicatore per le trattative sul mercato di Palermo».


«Ma sembra - aggiunge Tomasello - che già ci sia stata un'ulteriore diminuzione tanto che in pochi giorni il prezzo è sceso a 247 euro a tonnellata. Le navi arrivate in Sicilia con il loro carico hanno certamente influito in maniera negativa facendo deprezzare la nostra produzione». Un prezzo più basso, però, se da un lato remunera poco gli agricoltori disincentivando la coltivazione, dall'altro potrebbe essere appetibile per l'industria di trasformazione.