Search
  • Redazione

Catania, 85 projects for the new judicial Citadel


There are 85 project proposals received by the Region for the first phase of the design competition for the new judicial Citadel of Catania. The work, worth over 40 million euros, will be built in place of the former Post Office building in viale Africa, which is currently being demolished. The process of the work goes on, therefore, despite the doubts expressed by some civic associations of Catania on the legitimacy of the new construction, since the area should provide for public green spaces according to the provisions of the current regulatory plan, dating back to the 1960s, «Another step forward, respecting the times we had set ourselves, despite the ongoing epidemic - the Governor Nello Musumeci highlights with satisfaction -. We proceed quickly to restore prestige to an important area of ​​Catania, regenerating it from an urbanistic point of view, and to deliver a new courthouse to the city. It is the result of a synergistic work with the Municipality and the judicial administration, thanks, also, to the great commitment of the offices of the regional Technical department and the civil engineering of Etna, which are following the procedure step by step. For this I want to send a thank you to the general manager Salvo Lizzio ». «Within this month - adds the Councilor for Infrastructures Marco Falcone - the Technical Department and the Civil Engineer of Catania together with the jury will complete the "phase two" of the competition, identifying the five best project proposals. We are in compliance with the roadmap, despite the coronavirus emergency and the general slowdown imposed on the proceedings. In June, then, the winner will be chosen while, subsequently, all 85 proposals will be presented to the city through a specific initiative sponsored by the Region. The Musumeci government - concludes Councilor Falcone - by starting the urban regeneration of an essential part of the Catania waterfront, turned to an audience of professionals as wide as possible so that the best assorted Plan, in terms of architecture, was put in place. urban planning and landscaping».



(ITA) Catania, presentati 85 progetti per la Cittadella giudiziaria


Sono ben 85 le proposte progettuali pervenute alla Regione per la prima fase del concorso di progettazione della nuova Cittadella giudiziaria di Catania. L'opera, dal valore di oltre 40 milioni di euro, sorgerà al posto dell'ex Palazzo delle Poste di viale Africa, in corso di demolizione. L'iter dell'opera va avanti, dunque, nonostante i dubbi espressi da alcune associazioni civiche di Catania sulla legittimità della nuova costruzione, poiché l'area dovrebbe prevedere verde pubblico secondo. quanto previsto dal piano regolatore vigente, risalente agi anni Sessanta,


«Un altro passo in avanti, rispettando i tempi che ci eravamo prefissi, nonostante l'epidemia in corso – evidenzia con soddisfazione il governatore Nello Musumeci -. Procediamo con celerità per restituire lustro a una zona importante di Catania, rigenerandola dal punto di vista urbanistico, e per consegnare alla città un nuovo Palazzo di giustizia. E' il risultato di un lavoro sinergico con il Comune e l'amministrazione giudiziaria, grazie, anche, al grande impegno degli uffici del dipartimento regionale Tecnico e del Genio civile etneo, che stanno seguendo, passo dopo passo, la procedura. Voglio per questo rivolgere un ringraziamento al dirigente generale Salvo Lizzio».


«Entro questo mese - aggiunge l'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone - il dipartimento Tecnico e il Genio civile di Catania assieme alla commissione giudicatrice completeranno la “fase due” del concorso, individuando le cinque migliori proposte progettuali. Siamo in regola con la tabella di marcia, malgrado l'emergenza coronavirus e il generale rallentamento imposto ai procedimenti. A giugno, poi, verrà scelto il vincitore mentre, successivamente, tutte le 85 proposte verranno presentate alla città attraverso una specifica iniziativa patrocinata dalla Regione. Il governo Musumeci - conclude l'assessore Falcone - avviando la rigenerazione urbana di una parte essenziale del lungomare di Catania, si è rivolto a una platea di professionisti il più ampia possibile affinché venga messo in campo il Piano meglio assortito, sotto il profilo architettonico, urbanistico e paesaggistico».