Search
  • Redazione

Catania Calcio, the mayor Pogliese: «Full support for the Pellegrino consortium»


Mayor Salvo Pogliese and councilor Sergio Parisi received the former Catania football player and coach Maurizio Pellegrino today in the town hall. Pellegrino represents the consortium of entrepreneurs who will set up the S.p.A. tomorrow, simultaneously presenting an offer to take over the Catania club. After acknowledging that the one on the consortium is the only concrete proposal, the first citizen wanted to encourage the courageous path taken to save the original serial number 11700 of the foundation of Calcio Catania in 1946.


«I reaffirmed my personal and the Administration's concrete closeness - the mayor said at the end of the meeting - to this project to save the history of the "rossazzurra" society from a failure that would be a serious loss for the City. I found in Maurizio Pellegrino, to whom I am linked by an old friendship, the passion and enthusiasm necessary to save in extremis the club serial number who for 74 years has nourished the passion of generations of people from Catania. I realize, however, that it is necessary to assume responsibility for the other part to define in a very short time a negotiation for the transfer of ownership which, together with the councilor Parisi, we have been hoping for several months».


«To Maurizio Pellegrino - the mayor adds - I reiterated that not only do I share and also personally support the idea of ​​widespread shareholding, but that I will help corporate strengthening by seeking the support of entrepreneurs available for an investment, which I consider not only for the team but for the revitalization of the whole city. Catania must remain in professional football and project itself into the highest level and as I have done on other occasions, I will make available as much as I can in terms of relationships and credibility to save the serial number and remove the specter of failure that would be an outrage towards the fans, who represent the true owners of the city's football passion».



(ITA) Catania Calcio, il sindaco Pogliese: «Pieno sostegno a cordata Pellegrino»


Il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore Sergio Parisi hanno ricevuto oggi in Municipio l’ex giocatore e allenatore del Calcio Catania Maurizio Pellegrino, in rappresentanza della cordata di imprenditori che domani costituirà la SpA presentando contestualmente un’offerta per rilevare la società rossazzurra. Dopo aver preso atto che quella in campo è l’unica proposta concreta, il primo cittadino ha voluto incoraggiare il coraggioso percorso intrapreso per salvare la matricola 11700 originaria della fondazione del Calcio Catania nel 1946.


“Ho ribadito concreta vicinanza mia personale e dell’Amministrazione – ha detto il sindaco a conclusione dell’incontro – a questo progetto per salvare la storia della società rossazzurra da un fallimento che sarebbe una grave perdita per la Città. Ho ritrovato in Maurizio Pellegrino, a cui mi lega una vecchia amicizia, la passione e l’entusiasmo necessari per salvare in extremis la matricola rossazzurra che da 74 anni alimenta la passione di generazioni di catanesi. Mi rendo conto, tuttavia che è necessaria un’assunzione di responsabilità della controparte per definire in tempi brevissimi una trattativa per il passaggio di proprietà che insieme all’assessore Parisi auspichiamo ormai da parecchi mesi».


«A Maurizio Pellegrino - aggiunge il sindaco - ho ribadito che non solo condivido e sostengo anche personalmente l’idea dell’azionariato diffuso, ma che aiuterò il rafforzamento societario ricercando il supporto di imprenditori disponibili a un investimento, che considero non solo per la squadra ma per il rilancio della Città tutta. Catania deve rimanere nel calcio professionistico e proiettarsi in quello di più alto livello e come ho fatto in altre occasioni, metterò a disposizione quanto nelle mie possibilità in termini di relazioni e credibilità per salvare la matricola e allontanare lo spettro del fallimento che sarebbe un’oltraggio verso i tifosi, che rappresentano i veri titolari della passione calcistica della città”.