Search
  • Gianluca Reale

Catania, Corso dei Martiri plan slowed down? «No, we are ready to start again»

The "machine" of the Corso dei Martiri redevelopment project (the "new" San Berillo) is restarted, even if the green areas already built seem to languish in a state of neglect, full of wild bushes and with the low lights all now vandalized and uprooted. Blame for the lockdown and the health emergency? «The maintenance is entrusted to Multiservizi - the councilor for Public Works, Enrico Trantino, explains - but the company has only been able to operate with two teams, one for emergencies and another for improverable works, the deck is short, but gradually we will also restore these areas». Will the vandalized lights be restored? We'll see.


(the state of neglect of the built areas in first urbanization works)


Meanwhile, the assessor himself confirms that he is trying to make up for the delay on the scheduled timing. «At the beginning of March - Trantino continues - we should have sent to Urega the tender for the construction of the underground parking and the green area in Piazza della Repubblica (amount of about 14 ml of euro), but there were two delay factors: on the one hand, the health emergency which prevented some office activities, on the other, and above all, the Prefecture's request to update the legality protocol, a not so immediate fulfillment. We have also scheduled the reactivation of the service conference on May 26th and upon the outcome of this we plan to send the tender to Urega. In the meantime, we hope that the Prefecture will return the protocol of legality, without asking for further changes».


The services conference was convened on line in recent weeks, but without success. Now the difficulties would be overcome, everything would be ready to start again. The last inspection, however, had been made on January 31st. Then the outbreak of the health emergency basically paralyzed everything. The objective of the services conference is to verify compliance with the agreement signed by the Municipality and Istica-Cecos and update "the original project, also in light of small remodulations", Trantino adds. In particular, the services conference will face some steps. First of all, there is to be activated definitively the fountain of the "mineral square" built in the open space along via Luigi Castiglione and via Maddem as part of the first urbanization works: a dedicated electricity line was required by Enel, the works would be have been carried out and final testing should now take place to finally see it in operation.


Changes relating to the location of the hotel already envisaged by the masterplan will also be examined. Investors would not have liked the position too close to the railways station, so it will be moved to the so-called Umi3 area, between the school and the church of the Crucifix of Good Death, where a multiplex theater structure will also be built. There will be no changes in the cubature, assure the designers, nor in the skyline already drawn in the masterplan by Mario Cucinella. Just Mario Cucinella' studio has already drawn up the preliminary project of the hotel, a project «very beautiful and of great architectural quality». Meanwhile, on the Istica-.Cecos front, they are looking for investors hand in hand with the design of the buildings that will have to be built on the north side of Corso dei Martiri.


Finally, the destination of the areas north of Piazza della Repubblica is also discussed between the Municipality and Istica. There was talk of a municipal office tower in the parking spaces now managed by Sostare, initially indicated to make an indoor market.

The knot of the small area, right next to Piazza della Repubblica, where once there were the famous chalets, remains. Land that has never entered into the agreement for the redevelopment of Corso dei Martiri, since the owner company has not signed the agreement with the Municipality. Another solution will have to be sought.


(ITA) Il piano per Corso dei Martiri ha rallentato? «No, siamo pronti a ripartire»


Si rimette in moto la “macchina” del progetto di riqualificazione di corso dei Martiri (il “nuovo” San Berillo), anche se le aree a verde attrezzato già realizzate sembrano languire in uno stato di incuria, piene di cespugli selvatici e con le luci basse tutte ormai vandalizzate e divelte. Colpa del lockdown e dell’emergenza sanitaria? «La manutenzione è affidata alla Multiservizi – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Enrico Trantino – ma l’azienda ha potuto operare solo con due squadre, una per le emergenze e un’altra per i lavori improcrastinabili, la coperta è corta, ma pian piano rimetteremo in sesto anche queste aree». Le luci vandalizzate saranno ripristinate? Vedremo.


Intanto, lo stesso assessore conferma che si prova a recuperare il ritardo sul cammino preventivato. «Ai primi di marzo – continua Trantino – avremmo dovuto inviare all’Urega il bando di gara per la realizzazione del parcheggio sotterraneo e del verde attrezzato in piazza della Repubblica (importo di circa 14 ml di euro, ndr), ma ci sono stati due fattori di ritardo: da un lato l’emergenza sanitaria che ha impedito alcune attività di ufficio, dall’altro, e soprattutto, la richiesta della Prefettura di aggiornare il protocollo di legalità, un adempimento non così immediato. Abbiamo anche programmato la riattivazione della conferenza di servizi nei prossimi giorni, intorno al 25 maggio e all’esito di questa contiamo di inviare il bando all’Urega. Nel frattempo ci auguriamo che la Prefettura ci restituisca il protocollo di legalità, senza chiedere ulteriori modifiche».


La conferenza di servizi si era tentato di convocarla anche in via telematica nelle scorse settimane, ma senza successo. Adesso le difficoltà sarebbero superate, tutto sarebbe pronto a ripartire. L’ultimo sopralluogo, d’altronde, era stato fatto il 31 gennaio. Poi lo scoppio dell’emergenza sanitaria ha sostanzialmente paralizzato tutto. L’obiettivo della conferenza di servizi è verificare il rispetto della convenzione sottoscritta dal Comune e da Istica-Cecos e aggiornare «il progetto originario, anche alla luce di piccole rimodulazioni», aggiunge Trantino. In particolare, la conferenza di servizi dovrà affrontare alcuni passaggi. Innanzitutto, c’è da attivare definitivamente la fontana a zampilli della “piazzetta minerale” realizzata nello slargo lungo via Luigi Castiglione e via Maddem nell’ambito delle prime opere di urbanizzazione: serviva una linea elettrica dedicata da parte dell’Enel, i lavori sarebbero stati atti e si dovrebbe adesso procedere al collaudo definitivo per vederla finalmente in funzione.


Saranno passate al vaglio anche le modifiche relative all’ubicazione dell’albergo già previsto dal masterplan. Gli investitori non avrebbero gradito la posizione troppo a ridosso della stazione, perciò sarà spostato nell’area cosiddetta Umi3, tra la scuola e la chiesa del Crocifisso della Buona Morte, dove sorgerà anche una struttura teatrale multisala. Non ci saranno mutamenti nella cubatura, assicurano i progettisti, né nello skyline già disegnato nel masterplan di Mario Cucinella. Proprio lo studio di Mario Cucinella ha già redatto il progetto preliminare dell’albergo, un progetto «molto bello e di grande qualità architettonica». Intanto, sul fronte Istica-.Cecos si procede nella ricerca di investitori di pari passo con la progettazione degli edifici che dovranno nascere sul lato nord di corso dei Martiri.


Infine, si discute tra Comune e privati anche della destinazione delle aree a nord di piazza della Repubblica. Si era parlato di una torre di uffici comunali negli spazi del parcheggio oggi gestito da Sostare, in un primo tempo indicata per farvi un mercato al coperto.

Resta il nodo della piccola area, proprio a ridosso di piazza della Repubblica, dove un tempo c’erano i famosi chalet. Terreno che non è mai entrato nella convenzione per la riqualificazione di corso dei Martiri, non avendo la società proprietaria, sottoscritto l’accordo con il Comune. Andrà ricercata un’altra soluzione.