Search
  • Redazione

Catania, the energy of Street Art

From Librino disctrict to downtown, a route through the murals


Catania is a city with a long history, the cradle of an original and native style of baroque architecture, and also a suggestive location and source of inspiration for contemporary art. Proceeding from the airport towards the historical centre, there are countless places and “non-places” – which thanks to the creative genius of national and international artists – that have given rise to a process of cultural renewal and social redemption.


LIBRINO CELEBRATES REAL “BELLEZZA” (BEAUTY) Our itinerary starts from the gates of the city, the neighbourhood of Librino. Originally designed by the Japanese architect Kenzo Tange, thanks to the patronage of Antonio Presti this area has now become the backdrop for commercials, performances, and photo shoots, with the neighbourhood’s people as undisputed protagonists. Presti’s operation culminated in the realization of the Porta della Bellezza (Beauty’s Gateway): a reinforced concrete wall, a traffic dividing line between two large streets, Viale Castagnola and Viale Librino, which acts as a support for huge reliefs inspired by the theme of the Great Mother. The sculptures were made by twelve Italian artists with the contribution of nine primary schools of Librino, two oratories, and ten thousand children and students of the Academy of Fine Arts in Catania. The nine thousand terracotta tiles on the wall were created and signed by the students. Still in Librino, in Viale Moncada, on the facade of the Istituto Case Popolari (Institute for Government Housing) stands “a volcano that erupts lava, representing the city, made of forces and energy, ready to destroy all the evil that is here”. This is how BLU, the famous street artist and author of the work, describes this piece. Emerging fiery red from the magma river painted on the façade, we find an elephant, the symbol of Catania and a hare – from which the name of the neighbourhood originates – that chase a crowd of frightened black and white figures. Among these people, we can see unscrupulous men in suits and ties, and an octopus with the face of a skull, a clear reference to the mafia. Supporting the building, there are pillars, including one with the figures of Penelope and Ulysses looking at the surrounding landscape, reciting: “Love supports the family” and “The family supports the world”. This representation is the work of the collective known as Res Publica Temporanea.


GRAIN SILO MURALS AT THE PORT As we enter the city from the south, the colossal works of eight internationally renowned street artists stand out against the Catania’s main port. A thousand kilos of paint and seven hundred spray cans have given rise to a contemporary story of myths and legends from local tradition on these grain silos: Triskelion and Ulysses escaping from Polyphemus by InteresniKazki (a Ukrainian duo), The unwritten history of Colapesce by Bo130 (Italy) highlighting tolerance through the myth of Colapesce, Bellini’s Beauty by Okuda (Spain) that pays tribute to the composer from Catania, Perpetual motion by Scylla and Charybdis from Microbe (Italy-Catania), Cans by VladyArt (Italy-Catania) which ‘cans’ minotaurs, sirens and the artistic ego; Oraculo by Rosh 333 (Spain) depicting the explosive force of the volcano, Minotaur by Danilo Bucchi (Italy) and the Chestnut of the Hundred Horses by Lucamaleonte (Italy), paying homage to the legend of an ancient tree on Mt. Etna. On the side facing towards the sea, however, the silos become one large surface from which an intense stare facing East arises: this is the largest mural in the world, painted by the Portuguese artist Alexandre Farto, aka Vhils.


STREET ART IN SAN BERILLO In the historical centre of Catania, between Via Etnea and Corso Sicilia, the train station and the Teatro Massimo theatre, the collective group of artists Res Publica Temporanea leaves its indelible mark on the alleys of an area that is now nearly in complete ruins, once home to the artisan activities of some 30,000 inhabitants and in the past the largest red light district in the Mediterranean. The peaceful artistic ‘protest’ starts from the walled-in doors of a number houses, today becoming works dedicated to that part of humanity that lives in the shadows: a portrait of Coco Chanel (referring to the name of a prostitute), an octopus that refers to a transsexual (in Catania, the word puppo – similar to the Italian word for octopus, polpo – also means homosexual), a geisha with an umbrella (where the spokes correspond to the architectural elements of a door), a nude of Botero (referring to the Colombian origins of a prostitute), a flying fairy (which is actually a “lucciola” (meaning firefly, but also prostitute in slang), a swoon (conjuring up the image of an orgasm), Sant’Agata (Catania’s Patron Saint) with two holes made on the wall in place of her breasts, a mother with a little girl and a dark-skinned boy, and a keyhole from which we can see the Trinacria-origin of the world. In the outermost part of this square-shaped neighbourhood, there are two works that are more visible to the distracted passers-by. One is the “portrait” of San Berillo, complete with an I.D. card, created by the Fx artistic group and Luprete, on the side of a building at the intersection of Via delle Finanze and Via Di Prima. The other piece, in Piazza Goliarda Sapienza, created by Marco Mangione called Guè, depicts the old home-run brothels, roofs, beds and the bygone artisan craftsmen.


THE AMT DEPOTS (VIA PLEBISCITO) While we are still in the historical centre, we can find more recent works on the old Amt (Transport Company) depot of via Plebiscito, transformed into a parking lot (R1) and the large pavilions used in the past as bus depots have become large “canvas” painted by some street artists. In fact, the Amt Art Project involved internationally renowned artists such as CORN79 (Italy), Gomez (Venezuela), Salvo Ligama (Italy), Fabio Petani (Italy), Rasta (Iran) and Seikon (Poland). The result is there for all to see. In a small pavilion, you can also find the story behind the making of this project where art is used to redevelop and renew this part of the city.


Aurelia Nicolosi (guida turistica, socio AGRS)





Catania, l’energia della Street Art


Dal quartiere di Librino al centro storico, itinerario tra i murales


Catania, città dall’antica storia, culla di un barocco originale e autoctono, è anche location suggestiva e fonte d’ispirazione per l’arte contemporanea. Procedendo dall’aeroporto verso il centro storico si incontrano innumerevoli realtà, luoghi e non-luoghi, che grazie alla genialità creativa di artisti nazionali e internazionali hanno dato vita a processi di rinnovamento culturale e riscatto sociale.


Librino celebra la vera “Bellezza” Il nostro itinerario prende il via dalle porte della città, il quartiere di Librino. Progettato dal giapponese Kenzo Tange, grazie al mecenatismo di Antonio Presti è diventato teatro di spot, performances, set fotografici, che hanno visto come protagonisti indiscussi gli abitanti della zona. L’operazione di Presti è culminata nella realizzazione della Porta della Bellezza: un muro di cemento armato, spartitraffico tra viale Castagnola e viale Librino, che funge da supporto per enormi altorilievi ispirati al tema della Grande Madre. Le sculture sono state realizzate da dodici artisti italiani con il contributo di nove scuole primarie di Librino, due oratori, diecimila bambini e gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Catania. Le novemila formelle di terracotta apposte sul muro sono state modellate e firmate dagli studenti. Sempre a Librino, in Viale Moncada, sulla facciata dell’Istituto Case Popolari si erge «un vulcano che erutta una lava che rappresenta la città, fatta di forze e di energie, pronte a distruggere tutto il male che c’è qua». Così racconta BLU, il famoso streetartist autore dell’opera. Dal fiume di magma dipinto sulla facciata emergono rossi come il fuoco un elefante, simbolo di Catania e una lepre – da cui ha origine il nome del quartiere – che inseguono una folla di figurine terrorizzate in bianco e nero. Tra questi si possono scorgere uomini senza scrupoli in giacca e cravatta, e una piovra col volto di un teschio, chiaro riferimento al potere mafioso. A sorreggere il palazzo ci sono dei pilastri, tra cui quello con le figure di Penelope e Ulisse che guardano il paesaggio circostante recitando: «L’amore regge la famiglia» e «La famiglia regge il mondo». Questa rappresentazione è opera del collettivo Res Publica Temporanea.


I murales sui silos del porto Entrando in città da Sud, al porto si stagliano le opere colossali di otto streetartist di fama internazionale. Con mille chili di colore e settecento bombolette spray hanno dato vita a un racconto contemporaneo di miti e leggende della tradizione locale sui silos destinati al deposito di granaglie: Triskelion e La fuga di Ulisse da Polifemodi InteresniKazki (duo ucraino), La storia non scritta di Colapesce di Bo130 (Italia) che esorta alla tolleranza attraverso il mito di Colapesce, La bella di Bellini di Okuda (Spagna) che rende omaggio al compositore catanese, Il moto perpetuo di Scilla e Cariddi di Microbo (Italia-Catania), Barattoli di VladyArt (Italia-Catania) che ‘inscatola’ minotauri, sirene e l’ego artistico; Oraculo di Rosh 333 (Spagna) che dipinge l’esplosiva forza del vulcano, Minotauro di Danilo Bucchi (Italia) e il Castagno dei Cento Cavalli di Lucamaleonte (Italia) che rievoca l’omonima leggenda di un albero secolare sito nel parco dell’Etna. Dalla parte del mare, invece, i silos diventano un’unica grande superficie da cui affiora uno sguardo intenso che volge ad oriente: è il murales più grande del mondo, dipinto dall’artista portoghese Alexandre Farto, in arte Vhils.


Street art a San Berillo Nel centro storico di Catania, tra la via Etnea e corso Sicilia, la Stazione e il Teatro Massimo, il collettivo Res Publica Temporanea lascia il segno tra i vicoli di un’area ormai semidistrutta, che un tempo ospitava le attività artigianali di 30.000 abitanti e costituiva la zona a luci rosse più vasta del Mediterraneo. La ‘protesta’ pacifica dell’arte parte dalle porte murate di tante case che si convertono in opere dedicate a quell’umanità che vive nell’ombra: un ritratto di Coco Chanel (in riferimento al nome d’arte di una ‘prostituta’), un polpo che accenna alla sessualità di un trans (in catanese il termine puppo indica l’omosessuale), una geisha che ha un ombrellino (dove la raggiera corrisponde agli elementi architettonici di una porta), un nudo di Botero (che si ricollega alle origini colombiane di una prostituta), una fatina volante (che è in realtà una “lucciola”), un’estasi (che richiama un orgasmo), una Sant’Agata con due fori praticati alla parete al posto dei seni, una madre con una bimba e un bambino di colore, un buco della serratura da cui si scorge una Trinacria-origine del mondo. Nella parte più esterna del quadrilatero si trovano due opere più visibili ai passanti distratti. Una è il “ritratto” di San Berillo, con tanto di carta d’identità, realizzata dal collettivo Fx e da Luprete, sul lato di un palazzo all’incrocio tra via delle Finanze e via Di Prima; l’altra, in piazza Goliarda Sapienza, progettata da Marco Mangione in arte Guè, rappresenta le case chiuse, i tetti, i letti e gli antichi mestieri di bottega.


I depositi AMT in via Plebiscito Rimanendo dalle parti del centro storico, più di recente il vecchio deposito Amt (Azienda metropolitana trasporti) di via Plebiscito è stato trasformato in parcheggio (R1) e i grandi padiglioni utilizzati un tempo come officine degli autobus sono diventati delle grandi “tele” dipinte da alcuni streetartist. Amt Art Project, infatti, ha coinvolto artisti di fama internazionale come CORN79 (Italia), Gomez (Venezuela), Ligama (Italia), Fabio Petani (Italia), Rasta (Iran) e Seikon (Polonia). Il risultato è sotto gli occhi di tutti. In un piccolo padiglione è raccontato anche il making of del progetto di riqualificazione attraverso l’arte.


Aurelia Nicolosi (guida turistica, socio AGRS)

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com