Search
  • Gianluca Reale

Catania, the plan, rejected, to reopen the Fera o' Luni

Catania comes to life again with the start of Phase 2. Bars reopened, albeit in a reduced number and without large crowds of patrons. You enter one at a time, mandatory routes entrance exit, sanitizing gel dispenser at the entrance. So this morning one of the historic bars of Catania, Savia, appeared in via Etnea, an exercise that also sold more than 3000 arancini a day. No tables outside, no customers in the lounge. Takeaway only. There are those who come in and take two espressos away, those who buy pieces of rotisserie, some mama with their children who came to buy an ice cream. «We are here, we start slowly, we try to work with the delivery too», says one of the owners, at the checkout with a mask.



At the Fera or Luni of Piazza Carlo Alberto,

Via Etna is not as crowded as ever. The clothing stores remain closed, even if someone is inside the room to make some arrangements. Many bars are still closed. Via Pacini, which leads to the "Fera o' Luni" market, is more crowded, the food shops are open, there is more crowd as you approach Piazza Carlo Alberto. The vans of some street vendors are also beginning to be seen. In the square there is a certain disorder, many have masks, but in front of the food shops, butchers, greengrocers, fishmongers there is a little crowd. There are also those who shop safely, with the traditional "panaro" method, even if the wicker basket is replaced by a plastic bag.

From 6 o'clock this morning there are municipal police patrols trying to enforce rules and safety distances. Six men, complete with uniform or plain clothes with the badge on display. They say to respect distances, they push people away when they are too crowded. But they can't do that much. Some licensed street vendors are allowed to stay a couple of hours near the shops, «they too must work, how can I send them away. Another thing is the total squatters», explain the municipal police officials, raising some fines to those who park in the square.


Tension, those who make videos and photos are seen badly


We are far from the confusion of "normality", there is also a lot of tension among operators. You must also be careful to take photos or videos with your mobile phone. On Saturday, a former city councilor posting critical videos about the situation on social media risked being beaten. The municipal police protected him. But even journalists are not well received. Of course, it could be better to regulate the access of people, even to this very small version of the fair. But there is no ordinance that establishes procedures for accessing to market area or queuing up in front of food stores. The prefect asked only to maintain the presence of municipal police patrols on the spot. «But we are few - say the traffic police - and being here we must leave out the control of squatters in other parts of the city».


The municipal police plan to reopen safely

The Councilor for Productive Activities, Ludovico Balsamo, had proposed a temporary movement of the market in Piazza Spedini, in front of the stadium, where the fences would allow easy access control. Proposal rejected by the trade associations of the traders, representing those who have a license and the place assigned. They await proposals from them, which currently do not seem to find an agreement. Difficult to put together many heads and many interests. Normally there are about 800 authorized stands at the fair, around each of which gravitate around three families of merchants. Just make a small calculation to understand which tank of votes is the Fera or Luni, a basin of 10 thousand votes contexts from the politics of the shift. This is also why everything is more difficult here.


Yet there was a proposal to reopen the market, at least only for all authorized food operators, less than 200. A division of the stations throughout the square had also been prepared. The road could have been kept clear, the distances would have been maintained, market access would have been contingent, providing for an entry and exit route thanks to portable barriers that would have been provided by a construction company, controls on maintaining the distances entrusted to a sort of "order service" organized by the merchants themselves. But this proposal, put forward by municipal police officials and probably also liked in the department, although it was considered "difficult to control all access to Piazza Carlo Alberto", was wrecked when it was discussed in the department, for a series of cross winds of associations of category and city councilors.


Difficult rules to follow, starting with waste recycling

The fact is that there is still no solution. And it lives in small dimensions, without too much order. Relying only on the common sense of citizens. Still, requiring operators to regulate queues in front of their shops would not even be such a complex hypothesis. But here, in Piazza Carlo Alberto, the rules are difficult to respect. It is no coincidence that it has never been possible to organize a separate collection of waste, always left on the ground by traders. Yet it would be a very easy thing to do. But nothing changes here, all folklore remains.



The petition to move the Fair a little further


There are also those who (Antonello Toscano) launched a petition on Change.org to "move" the market for stalls for non-food products. "The ungovernable market in Piazza Carlo Alberto ('a fera' or luni) is about to reopen - the promoters write - and it is necessary and possible to have one organized and regulated where the commitment to cleanliness and order is guaranteed. Precise stalls and boundaries are needed; commercial activities should also be extended to other lots between via Maddem, via Teocrito and via Ventimiglia in order to lighten the portions of the market in front of the Carmine church and its convent from anything other than "food" (therefore according to original terms and more typical of the market itself), as well as to clear transit routes for the passage of residents, emergency vehicles ". This is also because the square is "a collection area in the event of an earthquake". Furthermore, the petition says, "the area must be enriched with sectors intended for recreational and aggregation functions. It is a unique opportunity to change our city and make it more livable for the inhabitants and tourists who will return to visit us as soon as possible ». Almost 600 have already signed the petition. The goal is to collect 1000 signatures and then deliver it to the mayor.



(ITA) Catania, il piano, bocciato, per riaprire la Fera o Luni

Catania si rianima con l’avvio della Fase 2. Bar riaperti, seppure in numero ridotto e senza grandi folle di avventori. Si entra uno per volta, percorsi obbligati entrata uscita, dispenser di gel sanificante all’ingresso. Così questa mattina si presentava uno dei bar storici di Catania, Savia, in via Etnea, un esercizio che vendeva anche più di 3000 arancini al giorno. Niente tavolini fuori, niente clienti in sala. Solo asporto. C’è chi entra e porta via due espressi, chi compra pezzi di rosticceria, qualche mama con i figli venuti a comprare un gelato. «Siamo qui, ripartiamo piano piano, proviamo a lavorare anche col il delivery», dice uno dei titolari, alla cassa con tanto di mascherina.



Alla Fera o Luni di Piazza Carlo Alberto,


Via Etna non è affollata come sempre. I negozi di abbigliamento restano chiusi, anche se qualcuno è dentro il locale a fare un po’ di sistemazioni. Molti bar sono ancora chiusi. Via Pacini, che porta al mercato della Fera o Luni è più affollata, gii esercizi di alimentari sono aperti, c’è più folla man mano che ci si avvicina a piazza Carlo Alberto. Si cominciano a veder anche i furgoncini di qualche ambulante. In piazza c’è un certo disordine, moltissimi hanno le mascherine, ma davanti alle botteghe di alimentari, macellerie, fruttivendoli, pescivendoli c’è un po’ di calca. C'è anche chi fa la spesa in tutta sicurezza, col tradizionale metodo del "panaro", anche se il cesto di vimini è sostituito da un sacchetto di plastica.



Dalle 6 di stamattina ci sono le pattuglie della polizia municipale a cercare di far rispettare regole e distanze di sicurezza. Sei uomini, con tanto di divisa o in borghese con il distintivo in bella mostra. Vanno a dire di rispettare le distanze, fanno allontanare le persone quando sono troppo ammassate. Ma più di tanto non si può fare. A qualche ambulante con licenza viene concesso di fermarsi un paio di ore vicino alle botteghe, «anche loro devono lavorare, come faccio a mandarli via. Un’altra cosa sono gli abusivi totali», spiegano i funzionari della polizia municipale, elevando qualche multa a chi parcheggia sulla piazza.


Tensione, chi fa video e foto è visto male

Siamo ben lontani dalla confusione della “normalità”, tra gli operatori c’è anche molta tensione. Bisogna stare attenti anche a fare foto o video col telefonino. Sabato un ex consigliere comunale che postava video critici sulla situazione sui social ha rischiato di essere picchiato. L’ha protetto la polizia municipale. Ma anche i giornalisti non sono ben visti. Certo, si potrebbe fare meglio per disciplinare l’accesso delle persone, anche a questa fiera in versione ridottissima. Ma non c’è nessuna ordinanza che disponga procedure per gli accessi o per mettersi in fila davanti agli esercizi alimentari. Il prefetto ha chiesto solo di mantenere la presenza sul posto di pattuglie della polizia municipale. «Ma siamo pochi - dicono i vigili urbani - e stando qui dobbiamo tralasciare il controllo degli abusivi in altre parti della città».


Il piano della polizia municipale per riaprire in sicurezza


L’assessore alle Attività produttive, Ludovico Balsamo, aveva proposto un momentaneo spostamento del mercato in piazza Spedini, davanti allo stadio, dove le recinzioni permetterebbero un facile controllo degli accessi. Proposta bocciate dalle associazioni di categoria dei commercianti, in rappresentanza di quelli che hanno una licenza e il posto assegnato. All'assessorato attendono proposte da loro, che al momento non sembrano trovare un accordo. Difficile mettere assieme tante teste e tanti interessi. Alla fiera nella normalità ci sono circa 800 postazioni autorizzate, attorno a ciascuna di essa gravitano circa tre famiglie di commercianti. Basta fare un piccolo calcolo per capire che serbatoio di voti è la Fera o Luni, un bacino di 10mila voti contesti dalla politica di turno. Anche per questo qui è tutto più difficile. Eppure una proposta per riaprire il mercato, almeno solo per tutti gli operatori alimentari autorizzati, meno di 200, c’era. Era anche stato predisposta una ripartizione delle postazioni in tutta la piazza. Si sarebbe potuta mantenere libera la strada, si sarebbero mantenute le distanze, gli accessi al mercato sarebbero stati contingentati, prevedendo un percorso di entrata e uscita grazie a barriere portatili che sarebbero state fornite da un’azienda edile, controlli sul mantenimento delle distanze affidate a una sorta di “servizio d’ordine” organizzato dagli stessi commercianti. Ma questa proposta, avanzata dai funzionari della polizia municipale e probabilmente piaciuta anche in assessorato, seppure si ritenesse «difficile controllare tutti gli accessi a piazza Carlo Alberto», è naufragata quando se ne discusse in assessorato, per una serie dei venti incrociati di associazioni di categoria e di consiglieri comunali.



Regole difficili da rispettare, a cominciare dalla raccolta differenziata

Fatto sta che una soluzione ancora non c’è. E vive in dimensioni ristrette, senza troppo ordine,. Affidandosi solo al buon senso dei cittadini. Eppure, imporre agli esercenti di disciplinare le code davanti alle loro botteghe non sarebbe neanche una ipotesi così complessa. Ma qui, in piazza Carlo Alberto, le regole sono difficili da rispettare. Non è un caso che non si è mai riusciti a organizzare una raccolta differenziata dei rifiuti, lasciati sempre in terra dai commercianti. Eppure sarebbe una cosa molto facile da realizzare. Ma qui non cambia nulla, rimane tutto folclore.



La petizione per spostare la Fiera un po' più in là


C’è anche chi (Antonello Toscano) ha lanciato una petizione su Change.org per “spostare” la il mercato delle bancarelle di prodotti non alimentari. «L’ingovernabile mercato di Piazza Carlo Alberto (‘a fera ‘o luni) sta per riaprire – scrivono i promotori - ed è necessario e possibile averne uno organizzato e regolamentato dove sia garantito l’impegno alla pulizia e all’ordine. Sono necessari stalli e delimitazioni precise; è opportuno estendere le attività commerciali anche su altri lotti tra via Maddem, via Teocrito e via Ventimiglia in modo da alleggerire le porzioni di mercato antistanti la chiesa del Carmine e il suo convento da tutto ciò che non sia “generi alimentari” (quindi secondo i termini originari e più tipici del mercato stesso), nonché per liberare vie di transito per il passaggio dei residenti, mezzi di soccorso». Questo anche perché la piazza è «un’ area di raccolta in caso di sisma». Inoltre, dice la petizione, «si deve arricchire l’area con settori destinati a funzione ricreativa e di aggregazione. É un occasione unica per cambiare la nostra città e renderla più vivibile per gli abitanti e per i turisti che al più presto torneranno a visitarci». In quasi 600 hanno già firmato la petizione. L’obiettivo è raccogliere 1000 firme e poi consegnarla al sindaco.