Search
  • Redazione

Coronavirus, a task force economic and social reconstruction


Launch as soon as possible a regional plan for social and economic reconstruction of the island and to make bureaucracy more efficient. This is the objective that the President of the Sicilian Region, Nello Musumeci, intends to pursue. Musumeci listened, together with the councilors Gaetano Armao, Toto Cordaro, Roberto Lagalla, Antonio Scavone, Mimmo Turano, Alberto Pierobon and Manlio Messina, the organizations by category, business associations and labour unions. More than three hours of meeting around a virtual table, since the meeting took place via videoconference in full compliance with the rules for containing contagion from Covid-19. Present the representatives of thirty acronyms: Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Cisal, Confsal, Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Copagri, Sicindustria, Condindustria Catania and Siracusa, Confapi, Ance Sicilia, Legacoop, Confcooperative, Unicoop Sicilia, Unci Sicilia, Agci Sicily, Casartigiani Sicily, Confartigianato Sicilia, Cna, Claai Sicilia, Confcommercio, Federalberghi, Confesercenti Sicily, Confimprese, Assoimprese and Anci Sicilia. A serene, but close confrontation during which the instances and critical issues that characterize the island's production fabric were represented in this launch of "Phase 2" after the lockdown of 9 March.


«The goal of the government - said the President of the Region - is to develop a shared document to accompany this period in Sicily, in support of businesses, production sectors and workers, but also to streamline bureaucratic processes as much as possible and accelerate the public expenditure on investments and infrastructures». At the end of the discussion, the governor asked the social partners to send by 12 May the proposals that will be collected and summarized by a special task force, led by the regional manager Benedetto Mineo, created to coordinate the financial and economic measures necessary to face the current crisis caused by the Coronavirus emergency. During the meeting: Nico Torrisi from Federalberghi, Giuseppe Messina from Ugl, Giovanni Grasso from Confindustria, Francesco Picarella from Confcommercio, Nicolò Scaglione from Cisal, Alfio Mannino from Cgil, Vittorio Messina from Confesarcenti, Ettore Pottino from Confagricoltura, Sebastiano Cappuccio of Cisl, Claudio Barone of Uil, Gaetano Mancini of Confcooperative, Deborah Mirabella of Confapi, Francesco Ferreri of Coldiretti, Giuseppe Pezzati of Confartigianato, Piero Giglione della Cna, Maurizio Pucceri of Casartigiani, Filippo Parrino of Legacoop, Mario Attinasi of Assoimprese Sicily, Giuseppe La Rosa dell'Ance, Rosa Giovanna Castagna of the Cia Sicilia and the mayor of Palermo Leoluca Orlando, as president of Anci Sicilia.


Coronavirus, una task force per fronteggiare la crisi


Varare nel più breve tempo possibile un Piano regionale per la ricostruzione economica e sociale dell'Isola e per rendere più efficiente la burocrazia. E' questo l'obiettivo che intende perseguire il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che nel pomeriggio ha ascoltato, insieme agli assessori Gaetano Armao, Toto Cordaro, Roberto Lagalla, Antonio Scavone, Mimmo Turano, Alberto Pierobon e Manlio Messina, le organizzazioni di categoria, le associazioni datoriali e i sindacati. Oltre tre ore di riunione attorno a un tavolo virtuale, dal momento che l’incontro si è svolto in videoconferenza nel pieno rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid-19.

Presenti i rappresentanti di trenta sigle: Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Cisal, Confsal, Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Copagri, Sicindustria, Condindustria Catania e Siracusa, Confapi, Ance Sicilia, Legacoop, Confcooperative, Unicoop Sicilia, Unci Sicilia, Agci Sicilia, Casartigiani Sicilia, Confartigianato Sicilia, Cna, Claai Sicilia, Confcommercio, Federalberghi, Confesercenti Sicilia, Confimprese, Assoimprese e Anci Sicilia. Un confronto sereno, ma serrato durante il quale sono state rappresentate le istanze e le criticità che caratterizzano il tessuto produttivo isolano in quest’avvio di “Fase 2” dopo il lockdown del 9 marzo scorso.

«L'obiettivo del governo - ha detto il presidente della Regione - è elaborare un documento condiviso per accompagnare questo periodo in Sicilia, a sostegno delle imprese, dei settori produttivi e dei lavoratori, ma anche snellire il più possibile i processi burocratici e accelerare la spesa pubblica destinata agli investimenti e alle infrastrutture». Al termine del confronto, il governatore ha chiesto alle parti sociali di inviare entro il 12 maggio le proposte che saranno raccolte e sintetizzate da una speciale task force, guidata dal dirigente regionale Benedetto Mineo, creata per coordinare le misure finanziarie ed economiche necessarie a fronteggiare l’attuale crisi provocata dall’emergenza Coronavirus. Nel corso dell’incontro sono intervenuti: Nico Torrisi di Federalberghi, Giuseppe Messina della Ugl, Giovanni Grasso di Confindustria, Francesco Picarella di Confcommercio, Nicolò Scaglione della Cisal, Alfio Mannino della Cgil, Vittorio Messina di Confesarcenti, Ettore Pottino di Confagricoltura, Sebastiano Cappuccio della Cisl, Claudio Barone della Uil, Gaetano Mancini di Confcooperative, Deborah Mirabella di Confapi, Francesco Ferreri di Coldiretti, Giuseppe Pezzati di Confartigianato, Piero Giglione della Cna, Maurizio Pucceri di Casartigiani, Filippo Parrino della Legacoop, Mario Attinasi di Assoimprese Sicilia, Giuseppe La Rosa dell’Ance, Rosa Giovanna Castagna della Cia Sicilia e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, nella qualità di presidente dell’Anci Sicilia. 


--

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com