Search
  • Redazione

Coronavirus, in Sicily intensive and sub-intensive care beds rise to 1070

Ready for new waves of coronavirus emergency. Sicily enhances intensive and sub intensive therapies. This is the strengthening measure, provided for by Decree Law No 34 of 19 May 2020, adopted by the regional government.


Intensive care bed

This brings the total number of beds between intensive and sub-intensive therapy to 1,070: about 200 new intensive therapy beds, which will increase from 529 in 2019 to 720 in the new measure; 350 sub-intensive therapy beds, half of which can be immediately converted into intensive care in case of need due to the pandemic.


The total investment is approximately 131 million euros, of which 56 million euros for intensive care and 53 million euros for sub-intensive care. A total of 21 million euros has been allocated for the restructuring of the Emergency Room, with the separation of care pathways and stay areas.


«It is the demonstration - the President of the Region, Nello Musumeci, comments - that we do not lower our guard. It deals, in fact, with the continuation of a more articulated action started from the beginning to fight the virus. In Sicily, I remember, doctors have never been on the point of choosing which life to save: during this emergency, in our hospitals there has always been a bed for those who needed it. Obviously, we hope never to have to use any of these new places, but in case of need we will be ready this time too».


The measure of the Councillor for Health, Ruggero Razza, in fact, transposes what has been defined at national level in the context of the constant fight against the Covid-19, but the new beds will still be available to the Sicilian Health Service even afterwards.


Specifically, the decree - prepared by Mario La Rocca, general manager of the Department of Strategic Planning - provides that the managers of the Regional Health Authorities will carry out the interventions taking into account the safety of doctors and health workers. The measure aims, of course, to strengthen the paths of containment of hospital infections for the most fragile subjects: in fact, patient reception areas will be diversified.


Here are the data of the beds in intensive care planned by province. Agrigento passes from 24 of the hospital network to 38 (and 30 in sub-intensive), Caltanissetta from 22 to 36 (18), Catania from 144 to 171 (88), Enna from 12 to 28 (8), Messina from 70 to 106 (48), Palermo from 164 to 212 (96), Ragusa from 30 to 40 (22), Syracuse from 37 to 53 (16), Trapani from 26 to 36 (24). Translated with www.DeepL.com/Translator (free version)


Coronavirus, in Sicilia i posti letto di terapia intensiva e sub-intensiva salgono a 1070


Pronti per eventuali nuove ondate dell'emergenza coronavirus. La Sicilia potenzia le terapie intensive e sub intensive. E’ questa la misura di rafforzamento, prevista dal decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020, adottata dal governo regionale.


Diventano così complessivamente 1.070 i posti letto tra terapia intensiva e sub-intensiva: circa 200 nuovi posti di terapia intensiva, che passano così da 529 previsti nel 2019 a 720 previsti dal nuovo provvedimento; 350 i posti di terapia sub-intensiva, di cui la metà potrà essere immediatamente convertita in cure intensive in caso di necessità a causa della pandemia.


L'investimento complessivo è di circa 131 milioni di euro, di cui 56 per le terapie intensiva e 53 per la sub-intensiva. Per la ristrutturazione dei Pronto soccorso, con la separazione dei percorsi assistenziali e le aree di permanenza, invece, sono stanziati 21 milioni di euro.

«E’ la dimostrazione  - commenta il presidente della Regione, Nello Musumeci - che non abbassiamo la guardia. Si tratta, infatti, del prosieguo di un’azione più articolata avviata fin da subito per contrastare il virus. In Sicilia, lo ricordo, i medici non sono mai stati sul punto di scegliere quale vita salvare: durante questa emergenza, nei nostri ospedali c’è sempre stato un letto per chi ne avesse bisogno. Ovviamente, ci auguriamo di non dovere mai adoperare nessuno di questi nuovi posti, ma in caso di necessità saremo pronti anche stavolta».

Il provvedimento dell'assessore alla Salute, Ruggero Razza, recepisce, di fatto, quanto definito a livello nazionale nell’ambito del contrasto costante al Covid-19, ma i nuovi posti letto potranno comunque restare nella disponibilità della Sanità siciliana anche successivamente.

Nello specifico, il decreto – predisposto da Mario La Rocca, dirigente generale del dipartimento della Programmazione strategica dell'assessorato - prevede che i manager delle Aziende sanitarie regionali realizzino gli interventi tenendo conto della sicurezza di medici e operatori sanitari. La misura punta, ovviamente, al potenziamento dei percorsi di contenimento delle infezioni ospedaliere per i soggetti più fragili: saranno, infatti, diversificate le aree di accoglienza dei pazienti.


Ecco i dati dei posti letto in terapia intensiva programmati per provincia.

Agrigento passa da 24 della rete ospedaliera  a 38 (e 30 in sub-intensiva), Caltanissetta da 22 a 36 (18), Catania da 144 a 171 (88), Enna da 12 a 28 (8), Messina da 70 a 106 (48), Palermo da 164 a 212 (96), Ragusa da 30 a 40 (22), Siracusa da 37 a 53 (16), Trapani da 26 a 36 (24).

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com