Search
  • Redazione

Coronavirus, the shops: «Let us reopen immediately, free to make discounts»


Shopkeepers want to reopen immediately, especially those in the clothing sector. Without waiting for May 18th, free to make sales and promotions immediately. The proposal comes from Confimprese Sicilia who sent the president of the Nello Musumeci region to give the green light. The traders ask, 48 hours after the start of phase 2, the possibility to lift the shutters immediately and start selling. According to the association, sales should start again relieved of bureaucracy and regulation regarding promotions and sales.


«Waiting for May 18 for the reopening - says Giovanni Felice, coordinator of Confimprese Sicilia - will only aggravate the sector even more. It will not be a few days to make a difference. Furthermore, we ask President Musumeci that, from the moment of reopening, traders can sell freely, at least for the next six months, without the worry of applying the now inadequate rules».



(ITA) Coronavirus, i negozi: «Fateci riaprire subito, liberi di fare sconti»


Vogliono riaprire subito i negozianti, soprattutto quelli del settore abbigliamento. Senza aspettare il 18 maggio e partendo subito con saldi e promozioni. La proposta arriva da Confimprese Sicilia che ha inviato il presidente della Regione Nello Musumeci a dare il via libera. I commercianti chiedono, a 48 ore dall'inizio della fase 2, la possibilità di alzare le saracinesche subito e cominciare a vendere. Secondo l'associazione, le vendite dovrebbero ripartire alleggerite dalla burocrazia e dalla regolamentazione in fatto di promozioni e saldi.

«Attendere il 18 maggio per la riapertura - afferma Giovanni Felice, coordinatore di Confimprese Sicilia - non farà altro che aggravare ancor di più il settore. Non saranno pochi giorni a fare la differenza. Inoltre, chiediamo al presidente Musumeci che, dal momento della riapertura, i commercianti possano vendere liberamente, almeno per i prossimi sei mesi, senza la preoccupazione di applicare le ormai inadeguate norme».