Search
  • Redazione

Covid-19, stable situation, 20 infected more than yesterday


Stable situation, 30 new positives, in the overall balance the current positives are 20 more given today's 14 guarantees and only one death. However, hospitalizations (-13) and intensive care (-1) fell.

This situation at 17 today, (Tuesday 28 April), regarding the coronavirus emergency, as communicated by the Sicilian Region to the National Crisis Unit. The data is that the sharp drop in the positive results found two days ago does not resume. Since the beginning of the checks, 73,008 checked swabs (+2,358 compared to yesterday), out of 68,729 people: 3,120 (+35) were positive, while 2,143 (+20) are still infected, 745 have healed ( +14) and 232 died (+1). Of the current 2,143 positives, 462 patients (-13) are hospitalized - of which 34 in intensive care (-1) - while 1,681 (+33) are in home isolation. This division of the current positives in the various provinces: Agrigento, 69 (0 hospitalized, 65 recovered and 1 deceased); Caltanissetta, 125 (14, 22, 11); Catania, 670 (106, 220, 81); Enna, 295 (122, 81, 28); Messina, 373 (90, 112, 48); Palermo, 352 (69, 90, 28); Ragusa, 54 (6, 29, 6); Syracuse, 111 (49, 86, 24); Trapani, 94 (6, 40, 5). There are almost six million masks, three million gloves and one million gowns, shoes, suits and headphones: these are some of the individual protection devices distributed by the Sicilian Region, through the Civil Protection, used since the epidemic until yesterday. Beneficiaries were mainly healthcare facilities, rest homes for the elderly, assisted healthcare residences, municipalities, prefectures, law enforcement, the army, the former province, prisons, regional departments, Confcommercio and Confesercenti. Among the other materials, 45 thousand glasses and visors were also delivered, over 205 thousand pads and diagnostic kits and just under 40 thousand sanitary appliances. The distributed goods come from direct purchases from the Region and the National Civil Protection.



(ITA) Covid-19, situazione stabile, 20 contagiati in più rispetto a ieri


Situazione stabile, 30 nuovi positivi, nel saldo complessivo gli attuali positivi sono 20 in più viste le 14 guarigioni di oggi e un solo decesso. Scendono però i ricoveri (-13) e anche le terapie intensive (-1).

Questa la situazione alle 17 di oggi, (martedì 28 aprile), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale. Il dato è che la forte discesa dei positivi riscontrata due giorni fa non riprende.

Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 73.008 (+2.358 rispetto a ieri), su 68.729 persone: di queste sono risultate positive 3.120 (+35), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.143 (+20), 745 sono guarite (+14) e 232 decedute (+1).

Degli attuali 2.143 positivi, 462 pazienti (-13) sono ricoverati - di cui 34 in terapia intensiva (-1) - mentre 1.681 (+33) sono in isolamento domiciliare.


Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 69 (0 ricoverati, 65 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 125 (14, 22, 11); Catania, 670 (106, 220, 81); Enna, 295 (122, 81, 28); Messina, 373 (90, 112, 48); Palermo, 352 (69, 90, 28); Ragusa, 54 (6, 29, 6); Siracusa, 111 (49, 86, 24); Trapani, 94 (6, 40, 5).


Sono quasi sei milioni le mascherine, tre milioni i guanti e un milione tra camici, calzari, tute e cuffie: sono questi alcuni dei dispositivi di protezione individuale distribuiti dalla Regione Siciliana, tramite la Protezione civile, dall'inizio dell'epidemia fino a ieri. A beneficiarne sono state, principalmente strutture sanitarie, case di riposo per anziani, residenze sanitarie assistite, Comuni, prefetture, Forze dell'Ordine, Esercito, ex Province, carceri, dipartimenti regionali, Confcommercio e Confesercenti.

Tra gli altri materiali sono stati consegnati anche 45 mila tra occhiali e visiere, oltre 205mila tampini e kit diagnostici e poco meno di 40 mila apparecchi sanitari. La merce distribuita proviene da acquisti diretti della Regione e dalla Protezione civile nazionale.