Search
  • Redazione

Covid-19, the song of Fud's owners and employees as a message of hope

A song never hurts. It also does marketing, in times of forced closure. So owners, employees and collaborators of Fud Bottega Sicilia, the "made in Sicily" food brand that landed in Palermo and Milan from Catania, decided to have a good song. In Sicilian. Singing together, in video, "Viri chi dannu chi fa pandemic".


A classic text of the popular tradition, "Viri chi dannu chi fannu i babbaluci", rewritten for the occasion by Angelo Daddelli, folk songwriter and scholar of Sicilian music, to celebrate the pride and obstinacy of a people who react with positivity and respect even in a difficult moment. «We wanted to bring a little joy in a very difficult and heavy moment for the lives of all of us - Andrea Graziano, founder of Fud Bottega Sicula and creator of the initiative, explains - so we tried to put our strengths together with all our people" Fud Pipol ", the guys who work in the shops of Catania, Palermo and Milan, and this musical project was born that tells a lot about the times we are living, but at the same time it is a message full of hope and pride for all of us. The song was created by singing all together in video chat, and then thanks to the precious work of the Indigo music production studio and the video production house Tokay Creative Studios we were able to make even the most out of tune sing!». Thus, "Viri chi dannu chi fannu i babbaluci" becomes "viri chi dannu chi fa sta pandemia" the text alternates more carefree verses and moments of reflection, prayer and superstition, reason and heart, all on a moving melody played by the band de "The Picciotti".

«I was inspired by a well-known text to rewrite the verses of this song and intone them as a collective message of hope - says Angelo Daddelli - it was fun to try this new production method that pushes us to play without sharing a space, a a beautiful challenge that technologies have helped us overcome in an unprecedented way. In the end, music, in one way or another, always overcomes all barriers».




Covid-19, la canzone di titolari e dipendenti di Fud come messaggio di speranza


Una cantata non fa mai male. E fa anche marketing, in tempi di chiusura forzata. Così titolari, dipendenti e collaboratori di Fud Bottega Sicilia, il brand del food "made in Sicily" che da Catania è sbarcato a Palermo e MIlano, hanno deciso di farsi una bella cantata. In siciliano. Cantando tutti assieme, in video, "Viri chi dannu chi fa sta pandemia".


Un testo classico della tradizione popolare, riscritto per l'occasione da Angelo Daddelli, cantautore folk e studioso di musica siciliana, per celebrare l'orgoglio e la caparbietà di un popolo che anche in un momento difficile reagisce con positività e rispetto. «Volevamo portare un po' di allegria in un momento molto difficile e pesante per le vite di tutti noi - spiega Andrea Graziano, founder di Fud Bottega Sicula e ideatore dell'iniziativa - così abbiamo provato a mettere insieme le forze con tutti i nostri "Fud Pipol", i ragazzi che lavorano nelle botteghe di Catania, Palermo e Milano, ed è nato questo progetto musicale che racconta molto dei tempi che stiamo vivendo, ma allo stesso tempo è un messaggio pieno di speranza e orgoglio per tutti noi. Il brano è stato realizzato cantando tutti insieme in video chat, e poi grazie al prezioso lavoro dello studio di produzione musicale Indigo e della casa di produzione video Tokay Creative Studios siamo riusciti a far cantare anche i più stonati!». Così, "Viri chi dannu chi fannu i babbaluci" diventa "viri chi dannu chi fa sta pandemia" il testo alterna strofe più spensierate e momenti di riflessione, preghiera e superstizione, ragione e cuore, il tutto su una trascinante melodia suonata dalla band de "I Picciotti". «Mi sono ispirato ad un testo molto noto per riscrivere le strofe di questa canzone e intonarle come un messaggio collettivo di speranza - racconta Angelo Daddelli - è stato divertente cimentarsi con questa nuova modalità di produzione che ci spinge a suonare senza condividere uno spazio, una bella sfida che le tecnologie ci hanno aiutato a superare in modo inedito. Alla fine la musica, in un modo o nell'altro, supera sempre tutte le barriere».

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com