Search
  • Redazione

Death threats, the commissioner Razza under surveillance


Death threats to the regional Councilor for Health Ruggero Razza. The regional government official received a threatening letter and was supervised by the Order and Public Safety Committee of the prefecture of Catania. The letter was delivered to the headquarters of the councilorship in Palermo, where a complaint was lodged with the carabinieri, on April 14 last, a few days after the Razza's car had been damaged. The news, however, only leaked today.

«Councilor we sincerely hope that you do not take this writing lightly - reads the letter - otherwise a beautiful coffin awaits you, too bad because you are very young. But living is only up to her...». The letter also speaks of the "destruction process" launched against the hospital in Noto (Sr). Investigations are underway on a damage to the water network at the Avola hospital (Sr). The Prosecutor of Syracuse investigates the latter episode. Meanwhile, the "full solidarity" of the President of the Region, Nello Musumeci, and all the regional government "for the ignoble threat it has suffered. If someone thinks, with these methods, of curbing the reorganization and remediation action carried out by Razza in the Sicilian health world, he has made a mistake in time and objective. I very much hope that the investigators will soon be able to clarify the identity of these vile and fearful characters ». Razza is also an important exponent of Musumeci's political movement, "Diventerà Bellissima".


Solidarity also from politics, from the PD group to the Regional Assembly and its group leader Giuseppe Lupo: «Nothing can justify the serious intimidation». For the deputy of the League, Marianna Caronia, «nobody and I underline anyone can think that expressing their disappointment with violence their disapproval of the political and administrative choices made in these days»). Also Salvo Pogliese and Giampiero Cannella, respectively regional coordinators for eastern and western Sicily of Fratelli d'Italia: «Knowing Razza well, not only that he will not be intimidated at all, but that on the contrary, he will continue with even more strength, rigor and passion in his political and administrative activity». Also for Claudio Fava, president of the regional Anti-Mafia Commission, the intimidation is «a hateful and in a very delicate phase of the contrast to the covid-19 emergency».


Solidarity also CGIL, FP and CGIL doctors: «This is the time when all democratic institutions are engaged in a common struggle - write Alfio Mannino, Gaetano Agliozzo and Renato Costa - and the intimidations are, in this context, even more execrable and intolerable. The commissioner serenely continues his work, aware that all democratic organizations, the CGIL in the lead, are at his side».



(ITA) Minacce di morte, l'assessore Razza sotto vigilanza


Minacce di morte all'assessore alla Salute Ruggero Razza. L'esponente del governo regionale ha ricevuto una lettera minatoria ed è stato sottoposto a vigilanza da parte del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica della prefettura di Catania.

La lettera è stata recapitata alla sede dell'assessorato a Palermo, dove è stata presentata una denuncia ai carabinieri, il 14 aprile scorso, alcuni giorni dopo che l'auto di Razza aveva subito dei danneggiamenti. La notizia, però, è trapelata soltanto oggi.


«Assessore ci auguriamo di vero cuore che non prenda alla leggera questo scritto - si legge nella lettera - altrimenti la aspetta una bella bara, peccato perché lei è molto giovane. Ma vivere sta solo a lei...». Nella missiva si parla anche del «processo di distruzione» avviato nei confronti dell'ospedale di Noto (Sr). Accertamenti sono in corso su un danno alla rete idrica al nosocomio di Avola (Sr). Su quest'ultimo episodio indaga la Procura di Siracusa.


Intanto giunge la «piena solidarietà» del presidente della Regione, Nello Musumeci e di tutto il governo regionale «per la ignobile minaccia subìta. Se qualcuno pensa, con questi metodi, di frenare l’azione di riordino e di bonifica portata avanti da Razza nel mondo sanitario siciliano ha sbagliato tempo e obiettivo. Spero tanto che gli inquirenti possano fare presto chiarezza sulla identità di questi vili e pavidi personaggi». Razza è anche esponente di rilievo del movimento politico di Musumeci, "Diventerà bellissima".


Solidarietà anche dalla politica, dal gruppo del PD all'Assemblea regionale e dal suo capogruppo Giuseppe Lupo: «Nulla può giustificare la gravissima intimidazione». Per la deputata della Lega, Marianna Caronia, «nessuno e sottolineo nessuno può pensare che esprimere con la violenza il proprio disappunto la propria disapprovazione verso le scelte politiche e amministrative fatte in questi giorni»). Anche Salvo Pogliese e Giampiero Cannella, rispettivamente coordinatori regionali per la Sicilia orientale e occidentale di Fratelli d’Italia: «Conoscendo bene Razza, non solo che non si farà per nulla intimidire, ma che al contrario, continuerà ancora con più forza, rigore e passione nella sua attività politica e amministrativa». Anche per Claudio Fava, presidente della Commissione regionale antimafia, si tratta di «un'odiosa intimidazione ricevuta, peraltro, in una fase delicatissima del contrasto all'emergenza covid-19».


Solidali anche Cgil, Fp e Cgil medici: «Questo è il tempo in cui tutte le istituzioni democratiche sono impegnate in una comune lotta – scrivono Alfio Mannino, Gaetano Agliozzo e Renato Costa - e le intimidazioni sono, in questo contesto, ancora più esecrabili e intollerabili. L’assessore prosegua serenamente il proprio lavoro conscio che tutte le organizzazioni democratiche,  la Cgil in testa, sono al suo fianco».

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com