Search
  • Redazione

Decree Relaunch, CGIL: 700,000 beneficiaries in Sicily, but speed is needed


A huge audience of beneficiaries. Even about 700,000 people in Sicily. This is the estimate of the CGIL Sicily on those who will benefit from the refinancing of the social safety nets provided for by the "Relaunch decree», launched by the Council of Ministers. To the 600,000 of the previous decree (250,000 for the layoff and 350,000 for the other measures) there is now added the number of those who will benefit from the emergency income and the caregiver bonus. On all these measures, the general secretary of the CGIL Sicily, Alfio Mannino, asks for «immediate enforceability». In short, you need to be faster in getting people the money, without all the hitches and delays found so far.

TOO MANY DELAYS ON BONUS AND CIG. In fact, Mannino notes that «under the previous decree, 50,000 bonuses are still stranded, as are 150,000 redundancy measures. The Relaunch decree is a step forward in the fight against the crisis triggered by the Covid-19 epidemic - the secretary of the regional CGIL underlines - but must be able to deploy its effects in certain and short times and this also applies to the measures adopted in the social and health field».


On the socio-health front, the secretary of the CGIL calls into question the regional government «whose action must move in synergy with the national government, also accelerating the measures of the regional budget, still largely a dead letter. On national measures - Mannino says - the Region must give indications to healthcare companies and districts. In this regard, we ask the Health and Work Departments to discuss the issues of strengthening home services, community nurses and strengthening the hospital network».


BUSINESSES AND REGULARIZATIONS. On the economic front, then, «it is also necessary to ensure that the resources to allow companies to restart safely are made immediately available». The regularization of migrants, moreover, according to the CGIL in Sicily should concern 20,000 people. Mannino asks that «the funds that the regional budget allocates for the ghettos of Cassibile and Campobello di Mazara, are made immediately available. Regularization - he says - is a measure of civilization destined to have positive effects on the entire agricultural labor market in terms of contrasting exploitation and not legal practices. In addition to decent working conditions - he specifies - migrants must also be assured of decent living conditions: we have the tools today, just activate them and immediately».



(ITA) Decreto Rilancio, la CGIL: in Sicilia 700,000 beneficiari, ma serve rapidità


Una vastissima platea di destinatari. Addirittura circa 700.000 persone in Sicilia. Questa la stima della CGIL Sicilia su quanti beneficeranno del rifinanziamento degli ammortizzatori sociali previsto dal decreto Rilancio, varato dal Consiglio dei ministri. Ai 600 mila del decreto precedente (250 mila per la cassa integrazione e 350 mila per le altre misure) si aggiunge adesso il numero di chi usufruirà del reddito di emergenza e del bonus badanti. Su tutte queste misure, il segretario generale della CGIL Sicilia, Alfio Mannino, chiede «l’esigibilità immediata». Insomma, serve essere più veloci nel fare arrivare alle persone i soldi, senza tutti gli intoppi e i ritardi sin qui riscontrati.


TROPPI RITARDI SU BONUS E CIG. Mannino rileva infatti che «a valere sul decreto precedente 50 mila bonus risultano ancora incagliati, così come 150 mila provvedimenti di cassa integrazione. Il decreto Rilancio è un passo avanti nel contrasto alla crisi innescata dall’epidemia di Covid-19 – sottolinea il segretario della Cgil regionale - ma deve potere dispiegare i suoi effetti in tempi certi e brevi e questo vale anche per le misure adottate sul terreno socio- sanitario».


Sul fronte socio-sanitario il segretario della Cgil chiama in causa il governo regionale «la cui azione deve muoversi in sinergia col governo nazionale accelerando anche le misure della Finanziaria regionale, in gran parte ancora lettera morta. Sulle misure nazionali - afferma Mannino la Regione deve dare indicazioni alle aziende sanitarie e ai distretti.  A tal proposito chiediamo agli assessorati alla Salute e al Lavoro il confronto sui temi del rafforzamento dei servizi domiciliari, dell’infermiere di comunità e del rafforzamento della rete ospedaliera».


IMPRESE E REGOLARIZZAZIONI. Sul fronte economico, poi, «occorre inoltre far sì che le risorse per consentire alle imprese di ripartire in sicurezza, siano rese subito disponibili». La regolarizzazione dei migranti, inoltre, secondo la Cgil in Sicilia dovrebbe riguardare 20 mila persone. Mannino  chiede che «i 700 milioni che la Finanziaria regionale stanzia per i ghetti di Cassibile e Campobello di Mazara, siano resi subito disponibili. Le regolarizzazione - afferma - sono una misura di civiltà destinata ad avere effetti positivi sul tutto il mercato del lavoro agricolo in termini di contrasto allo sfruttamento e di legalità. Oltre che condizioni di lavoro dignitose - specifica - ai migranti devono  però essere anche assicurate condizioni di vita dignitose: gli strumenti oggi ci sono basta attivarli e subito».

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com