Search
  • marcellogiuffrida6

Etna, the tour of the castles

All around the volcano discovering ancient manors


Around Etna, you can imagine tracing a Castle Road, places of ladies and knights, testimony to the history of Sicily, from the Byzantine to the Arabs, and up to the Norman rule.


THE CASTLE OF ACI Our journey winds around the lands and towns of Mt. Etna, starting from Aci Castello, with the Castle of Aci that dominates what is now Piazza Castello. Located on a lava rock promontory, this castle was built to defend the Gulf and the city of Catania. The fortification, with a quadrangular tower in the middle, rises above the sea and was the fulcrum of the development of the Aci territory in the Middle Ages. The lava flow of 1169 eruption united the promontory to the coast. Currently, this castle is home to a Civic Museum with exhibits on marine and mineralogical archaeology. From the sea we move inland to reach the Simeto Valley where there are the donjons of Motta Sant’Anastasia, Paternò and Adrano.


THE TOWER OF MOTTA The Castle of Motta Sant’Anastasia is the smallest of the three. It stands on a “neck”, a volcanic formation created by the erosion of an ancient crater. The “Mocta” or the “tower of Motta” was considered generally a military-defensive building, which has been divided into three floors since 2010 and currently houses a historical educational museum enhanced by a beautiful Hall of Arms.


ON THE ROCK OF PATERNO’ In Paternò, we have the chance to visit the Castle that stands on the historical hill of the town. The large fortified building is made of lava-stone blocks. A particular chromatic effect is created by the limestone ashlars on the cantonal and the finely worked stones of the single and double lancet windows. The castle is divided into three floors – on the ground floor there is the chapel of San Giovanni Battista, Saint John the Baptist. In the beginning, it was a tower of defence and attack against the Arabs, later transformed into a residential building. It is probable that the castle, exploiting the promontory and its height, was used as an astronomical observatory. Under the emperor Frederick II of Swabia, the building hosted scientists, mathematicians and astronomers. In the 15th century it was turned into a prison and remained so until 1860.


THE DONJON OF ADRANO The castle-tower of Adrano was built in the years of the countyship of Ruggero I, Roger I (XI cent.), as a fortified outpost for the conquest of the plain and the city of Catania. The donjon has a rectangular layout and a height of 34 meters. The building is made up of lava rock and stones with varying sizes. The base is surrounded by a bastion with angular washers of the modern age. The internal space, divided into four floors, houses an archaeological museum, a library and historical-artistic collections.


IN THE DUCHY OF NELSON As we continue our trip around Etna, on the border between the towns of Bronte and Maniace, in that part of the land known as the Duchy of Nelson, we reach the Castle of Nelson. The building complex was built in the 12th century with the name of Abbazia di Santa Maria di Maniace. The 1693 earthquake destroyed it in part. After two centuries or so, this building was donated to the English admiral Horatio Nelson, from whom it then took its name. Of the ancient castle, today a museum, only the turrets and part of the walls remain – the rooms were readapted by Nelson’s heirs for housing or warehouses for agriculture. In the inner courtyard there is a Celtic cross dedicated to Admiral Nelson. Few ruins remain testimony to the existence of a fortification also near Maletto, whose elongated design fits the narrow summit of the rocky ridge. The castle was built on a pre-existing tower around 1263 by Count Manfredi Maletta and gave life to today’s small town. Partially destroyed by the earthquake of 1693, this building was left abandoned.


THE “MASCHIO” OF RANDAZZO The Tower-Castle of Randazzo, placed on a precipice of lava rock, is the sole survivor of the 7 towers of the walls. Known as the “Maschio”, it already existed at the time of Frederick II of Swabia and was the base of the “Giustiziere del Valdemone” [the Valdemone executioner], who in the 13th century transformed the basement into torture chambers. Later transformed into a permanent cultural centre, it hosts exhibitions and art exhibitions, a collection of Sicilian puppets and since 1998 this building has been the home of the Paolo Vagliasindi Archaeological Museum.


THE “GRANDE” AND THE “PICCOLO” OF CASTIGLIONE There are two castles in Castiglione, the Grande and the Piccolo [respectively, the Big and Small]. The Grande is located in the city centre and is also known as castrumleonis. From here you can see the Alcantara Valley and the Gurne nature trail. At the base of the castle cliff there is a medieval bridge over the Alcantara river and what remains of some mills. The castle, excavated in the sandstone rock, was built on two levels. The rest of the building is made of regular sandstone and lava blocks. The highest part is the isolated quadrangular tower (called Solecchia) from the Norman period. The quadrangular building offers the view of the slits in the earth caused by the earthquakes of 1693 and 1908. Today the castle is home to the Regional Wine Cellar. The Piccolo castle, on the other hand, is located on the other small cliff overlooking the small town. Also called Castelluccio [little castle], until the sixteenth century this building was connected to the Grande castle by a aerial passageway, presumably of wood and rope.


THE RUINS OF THE MANOR IN FRANCAVILLA The ruins of the Castle of Francavilla are found on an isolated relief and can be seen from the village of Motta Camastra. The upper part of the castle consists of a very narrow body with three elevations. In the central part, there is a mighty tower where they were once larger rooms. Another tower, where you can find a section of wall with a cantonal in lava stone at an obtuse angle, once closed the main body of the castle. Two outposts, respectively to the north and south on the rocky ridge, joined to the central part of the castle by low walls, were built to prevent the enemy from coming close to the castle, and also controlled access to the fortress.


THE BYZANTINE KASTRON OF CALATABIANO The Castle of Calatabiano rises up on the northern edge of this Etnean town on a hill 220 meters above sea level, dominating the eastern access to the Alcantara Valley. In the 5th century the Byzantines built a large Kastron, which later became the primitive nucleus of the current castle, originally considered a sacred place, which would later become a settlement. The remains of the outer wall include the complete perimeter and Guelph battlements. Among the most beautiful parts of the castle, you shouldn’t miss out on visiting the Salone Cruyllas. The rooms overlooking the courtyard also include a chapel with an apse. The upper part of the manor, where the first defensive nucleus was built, can be reached through a portal decorated with artistically crafted lava blocks. By going up a ladder cut into the rock, you can then reach the “Mastio”, made up of a rectangular central body delimited at the ends by two semi-circular towers. In the central part of the “Mastio”, there is a “pusteria”, an opening that allowed for a rapid emergency exit on the steep slope of the mountain.


Tiziana Abate (guida turistica, socio ARGS)



Etna, il tour dei castelli


Tutto intorno al vulcano alla scoperta di antichi manieri


Attorno all’Etna si può immaginare di tracciare una Via dei Castelli, luoghi di dame e cavalieri, testimoniano la storia della Sicilia, dall’epoca bizantina a quella araba sino alla dominazione normanna.


Il Castello di Aci Il nostro itinerario si sviluppa intorno al territorio dell’Etna, partendo da Aci Castello, con il Castello di Aci che domina quella che è oggi piazza Castello. Situato su un promontorio di roccia lavica, era posto a difesa del golfo e della città di Catania. La fortificazione, con al centro una torre quadrangolare, sorge a picco sul mare e fu il fulcro dello sviluppo del territorio delle Aci nel Medioevo. Le lave dell’eruzione del 1169 unirono il promontorio alla costa. Attualmente è sede di un Museo Civico con sezioni di archeologia marina e mineralogica. Dal mare ci spostiamo verso l’interno per raggiungere il territorio della Valle del Simeto dove si trovano i donjon di Motta Sant’Anastasia, Paternò e Adrano.


La Torre di Motta Il Castello di Motta Sant’Anastasia è il più piccolo dei tre. Sorge su un “neck”, formazione vulcanica dovuta all’erosione di un antico cratere. Alla “Mocta” o torre di Motta era attribuito un valore soprattutto militare-difensivo. L’edificio si divide in tre pianie dal 2010 ospita un museo storico didattico arricchito da una Aula Hostilium, ossia Sala delle armi.


Sulla rocca di Paternò A Paternò possiamo visitare il Castello che sorge sulla collina storica del paese. Il grande edificio fortificato è realizzato con conci di pietra lavica. Particolare effetto cromatico è dato dai conci di pietra calcarea presso i cantonali e quelli finemente lavorati delle monofore e delle bifore. Il castello è suddiviso in tre piani: al pianterreno trova posto la cappella di San Giovanni Battista. Fu all’inizio una torre di difesa e di attacco contro gli Arabi, per essere successivamente trasformato in palazzo residenziale. È probabile che il castello, sfruttando il promontorio e la sua altezza, fosse utilizzato come osservatorio astronomico. Sotto l’imperatore Federico II di Svevia era frequentato da scienziati, matematici e astronomi. Nel XV sec. fu trasformato in carcere e tale rimase fino al 1860.


Il donjon di Adrano Il castello-torre di Adrano venne edificato negli anni della contea di Ruggero I (XI sec.) come avamposto fortificato per la conquista della piana e della città di Catania. Il donjon è a pianta rettangolare ed ha un’altezza di 34 metri. L’edificio è composto da materiale lavico di varie dimensioni. Alla base è cinto da una bastionatura con rondelle angolari di età moderna. Lo spazio interno, ripartito in quattro piani, ospita un museo archeologico, una biblioteca e collezioni storico-artistiche.


Nella Ducea di Nelson Continuando a girare intorno all’Etna, al confine fra i comuni di Bronte e Maniace, in quella parte di terra conosciuta come Ducea di Nelson, giungiamo al Castello di Nelson. Il complesso sorse nel XII sec. con il nome di Abbazia di Santa Maria di Maniace. Il terremoto del 1693 lo distrusse in parte. Dopo due secoli circa, fu donato all’ammiraglio inglese Horatio Nelson, da cui poi prese il nome. Dell’antico castello, oggi museo, rimangono solo le torrette e una parte della cinta muraria; gli ambienti furono riadattati dagli eredi di Nelson a scopi abitativi o a magazzini al servizio dell’agricoltura. Nel cortile interno vi è una croce celtica dedicata all’ammiraglio Nelson. Pochi ruderi testimoniano ancora oggi l’esistenza di una fortificazione anche nei pressi di Maletto la cui struttura dalla forma allungata si adatta alla stretta sommità della cresta rocciosa. Il castello fu edificato su una torre preesistente intorno il 1263 dal conte Manfredi Maletta e diede vita al centro abitato. Distrutto parzialmente dal terremoto del 1693, fu abbandonato.


Il maschio di Randazzo La Torre-Castello di Randazzo, posta su uno strapiombo di roccia lavica, è l’unica superstite delle 7 torri della cinta muraria. Denominata il Maschio, esisteva già ai tempi di Federico II di Svevia e fu sede del Giustiziere del Valdemone, che nel XIII secolo, trasformò i sotterranei in camere di tortura. Trasformato in un centro culturale permanente, ospita mostre ed esposizioni d’arte, una collezione di pupi siciliani e dal 1998 è sede del Museo archeologico Paolo Vagliasindi.


Il Grande e il Piccolo di Castiglione Sono due i castelli di Castiglione, il Grande ed il Piccolo. Il Grande è ubicato nel centro urbano ed è conosciuto anche come castrumleonis. Da qui sono visibili la Valle dell’Alcantara e il sentiero naturalistico delle Gurne. Alla base della rupe del castello c’è un ponte medievale sul fiume Alcantara e ciò che resta di alcuni mulini. Il castello, scavato nella roccia arenaria, si sviluppa su due livelli; per il resto è realizzato in conci regolari di pietra arenaria e lavica. La parte più alta è la torre quadrangolare isolata (detta Solecchia) di epoca normanna. L’edificio a pianta quadrangolare, offre alla vista gli squarci causati dai terremoti del 1693 e del 1908. Oggi il castello è sede dell’Enoteca Regionale. Il castello Piccolo, invece, si trova sull’altra piccola rupe che domina il borgo etneo. Detto anche Castelluccio, fino al XVI secolo era collegato al castello Grande da un passaggio volante, presumibilmente di legno e corda.


I ruderi del maniero di Francavilla I ruderi del Castello di Francavilla si trovano su un rilievo isolato in comunicazione visiva con l’abitato di Motta Camastra. La parte sommitale del castello è costituita da uno strettissimo corpo di fabbrica con tre elevazioni. Nella parte centrale si erge una possente torre dove erano locali più ampi. Un’altra torre, della quale avanza uno spezzone murario con un cantonale in pietra lavica ad angolo ottuso, chiudeva il corpo principale del castello. Due avamposti, rispettivamente a nord e sud sulla cresta rocciosa, uniti alla parte centrale del castello da basse mura, impedivano l’accostamento e controllavano gli accessi alla fortezza.


Il Kastron bizantino di Calatabiano Il Castello di Calatabiano sorge al confine settentrionale della provincia etnea su una collina alta 220 metri s.l.m., dominando l’accesso orientale della Valle dell’Alcantara. Nel V sec. i Bizantini vi edificarono un grande Kastron, divenuto poi il nucleo primigenio dell’attuale castello, in origine considerato un luogo sacro per poi divenire insediamento abitativo. Delle mura di cinta rimane il perimetro completo con resti di merlature guelfe. Tra gli ambienti più pregevoli del castello c’è il Salone Cruyllas. Tra i vani che si affacciano sul cortile c’è una cappella con abside. Ad una zona più alta del maniero, dove fu costruito il primo nucleo difensivo, si arriva attraverso un portale decorato da conci lavici artisticamente lavorati. Salendo una scaletta intagliata nella roccia si accede al “Mastio” formato da un corpo centrale rettangolare delimitato alle estremità da due torrioni semicircolari. Nella parte centrale del Mastio vi è una “pusteria”, un’apertura che consentiva l’uscita d’emergenza sul pendio ripido del monte.


Tiziana Abate (guida turistica, socio ARGS)