Search
  • Redazione

Fair Play Rwanda, Federazione Rugby e Cus Catania donano kit e palloni a 400 ragazzi africani

Il Comitato regionale Sicilia FIR e il CUS Catania impegnati a sostegno del progetto “Fair Play Rwanda”: donati kit e palloni da gioco a oltre 400 ragazzi africani di Kingali.


Aiutare i ragazzi meno fortunati del continente africano, incentivando al tempo stesso la pratica del gioco del rugby è l'obiettivo dell'iniziativa sposata dal Comitato regionale Sicilia FIR, insieme alla società CUS Catania, legata al progetto “Fair Play Rwanda”. Grazie a questa iniziativa, difatti, i ragazzi del centro salesiano “Don Bosco” di Gatenga a Kingali riceveranno presto i kit da gioco e numerosi palloni. Sarà Francesco Rechichi, volontario e responsabile del progetto che coinvolge più di 400 ragazzi dagli 8 ai 16 anni, a consegnare il materiale sportivo messo a disposizione.

«Sono particolarmente felice di poter sostenere e aiutare i ragazzi del Rwanda – ha sottolineato Orazio Arancio, presidente del Comitato regionale Sicilia FIR – attraverso la pratica del nostro sport. Ringrazio innanzitutto il responsabile del progetto Francesco Rechichi, che si dà da fare tantissimo per questa iniziativa di grande impegno sociale, ma ci tengo a ringraziare anche il CUS Catania del presidente Luigi Mazzone che non ha battuto ciglio e ha aderito immediatamente alla mia richiesta di sostegno. Grazie anche all’intero Consiglio regionale siciliano che ha risposto presente all’unanimità, affinché tale iniziativa potesse realizzarsi sin da subito. 70 mute da gioco e 20 palloni saranno presto a disposizione dei ragazzi di Kingali». «L'iniziativa Fair Play Rwanda – ha spiegato Luigi Mazzone, presidente del CUS Catania – ha un valore sociale e umano che risponde in pieno all'etica del CUS. Per questo siamo stati felici di sposare l'iniziativa del Comitato regionale Sicilia FIR. Il gioco e lo sport sono un ponte ideale per portare allegria a ragazzi che, quotidianamente, attraverso l'attività dei volontari e, in questo caso grazie alla palla ovale e le mute da gioco, trovano un sorriso che riempie il cuore». Soddisfatto e orgoglioso il responsabile del progetto, Francesco Rechichi: «Ringrazio sia il Consiglio regionale siciliano FIR che il CUS Catania per il sostegno unanime all'iniziativa. È sempre bello poter aiutare qualcuno a praticare lo sport».