Search
  • Redazione

Fava: «Waste, the investigation confirms the conclusions of the Anti-Mafia Commission»

«Compliant governments, distracted councillors, corrupt bureaucrats and enriched private individuals are the narrative of the waste cycle in Sicily in these twenty years».


Claudio Fava, president Regional Anti-Mafia Commission

It's a bit like saying: we had already said and written it in our report. That is why Claudio Fava, president of the regional Anti-Mafia Parliamentary Commission, rightly points out the work done and written down in black and white in the final report of the inquiry conducted by the Sicilian deputies into the waste cycle.


«Long before the judicial evidence - Fava says - the Commission denounced the signs of subordination of the public to private individuals, which are perfectly visible but tolerated by politics. The operation conducted today by the Guardia di Finanza and the Catania Public Prosecutor's Office on the Sicula Trasporti landfill confirms the goodness of the work done to the Anti-Mafia Commission with the recent report on the waste cycle. In fact, the judiciary hypothesizes the enslavement of sectors of the public administration to private interests in the field of waste, exactly as in the conclusions we reached».


From the President of the Anti-Mafia, a reminder then to President Musumeci: «We expect the government to review the authorization quickly granted to Sicula Trasporti, just one month after its installation, for an extension of 1.8 million cubic meters. Perhaps to be built on the same site where the barrels full of cash were hidden». During the investigation, in fact, the Guardia di Finanza discovered buried bins full of bundles of money.



(ITA) Claudio Fava: «Rifiuti, le indagini confermano le conclusioni della commissione Antimafia»


«Governi compiacenti, assessori distratti, burocrati corrotti e privati arricchiti sono la narrazione del ciclo dei rifiuti in Sicilia in questi vent'anni». E' un po' come dire: l'avevamo già detto e scritto nella nostra relazione. Perciò Claudio Fava, presidente della commissione regionale antimafia giustamente sottolinea il lavoro fatto e messo nero su bianco nella relazione finale dell'inchiesta condotta dai parlamentari siciliani sul ciclo dei rifiuti.


«Ben prima delle evidenze giudiziarie - dice Fava - la Commissione abbia denunciato i segnali di subalternità del pubblico ai privati, perfettamente visibili ma tollerati dalla politica. L’operazione condotta oggi dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Catania sulle discariche della Sicula Trasporti conferma la bontà del lavoro svolto alla Commissione antimafia con la recente relazione sul ciclo dei rifiuti. La magistratura ipotizza infatti l'asservimento di settori della pubblica amministrazione agli interessi privati nel campo dei rifiuti", esattamente come nelle conclusioni a cui eravamo giunti».

Dal Presidente dell'antimafia, un sollecito quindi al Presidente Musumeci: «Ci aspettiamo che il governo riveda l'autorizzazione rapidamente concessa alla Sicula Trasporti, appena un mese dopo il suo insediamento, per un ampliamento da 1,8 milioni di metri cubi. Magari da realizzare nello stesso sito in cui si nascondevano i barili pieni di denaro in contante». Nel corso dell'inchiesta, infatti, la Guardia di Finanza ha scoperto dei bidoni sotterrati pieni di mazzette di denaro.