Search
  • Redazione

From today, every first Sunday of the month free visits to museums and cultural sites in Sicily

Today and every first Sunday of the month the museums, archaeological parks and other places of culture in Sicily will remain open to the public free of charge to promote the enhancement and knowledge of the regional cultural heritage.



«Culture has no price - the Councillor for Cultural Heritage and Sicilian Identity, Alberto Samonà, says - and must be increasingly accessible to all. To give greater impetus and momentum to the restart after the stagnation caused by the Covid emergency we launched #Laculturariparte, and reopened for nine days free of charge the sites of the Region with an adhesion on the part of the Sicilians that has comforted us in our desire to continue on the road to promote initiatives aimed at beauty education».


«More than 40 thousand presences registered in a few days, despite the limitations due to the access quotas - Samonà says - represent a basis on which the Musumeci government intends to start a reflection to make the cultural experience more and more accessible and possible for everyone».



(ITA) Da oggi, tutte le prime domeniche del mese visite gratuite a musei e siti culturali


Oggi e tutte le prime domeniche del mese i musei, i parchi archeologici e gli altri luoghi della cultura della Sicilia resteranno aperti al pubblico gratuitamente per favorire la valorizzazione e la conoscenza del patrimonio dei beni culturali regionale.


«La cultura non ha prezzo - dice l'assessore dei Beni culturali e dell'Identità Siciliana, Alberto Samonà - e deve essere sempre più accessibile a tutti. Per dare maggiore impulso e slancio alla ripartenza dopo la stasi determinata dall'emergenza Covid abbiamo lanciato #Laculturariparte, e riaperto gratuitamente per nove giorni i siti della Regione con un'adesione da parte dei siciliani che ci ha confortato nella volontà di proseguire sulla strada di favorire iniziative volte all'educazione alla bellezza. Oltre 40 mila presenze registrate in pochi giorni, nonostante le limitazioni dovute al contingentamento degli accessi, rappresentano una base su cui il governo Musumeci intende avviare una riflessione per rendere sempre più accessibile e possibile a tutti l'esperienza culturale».