Search
  • Redazione

#inmanisicure: two women and anti-covid doctors tell emotions and fears of lockdown



The story between a cut and a fold offered by Salvo D'Amico, ambassador of Compagnia della Bellezza


They worked the front lines during the Covid-19 emergency, to protect the health of patients and offer comfort to their family members. Their names are Ilenia Bonanno and Daniela Nici, the two doctors from Catania who were on the front line during the lockdown, and they immediately joined the #inmanisicure project promoted by Compagnia della Bellezza. "They protected us during the lockdown, treated our loved ones and faced the fear of being on the front line. Until June I had only imagined their commitment, now that I was lucky enough to hear their stories live and share the empathy of their emotions, I am even more proud to be able to thank doctors, nurses and health workers".


Salvo D'Amico, the historical ambassador of the franchise co-founded by Salvo Filetti and Renato Gervasi, is enthusiastic about this initiative which includes, for all healthcare professionals who book, a cut and fold in a salon of their choice, among those associated with the national brand, and a kit of products offered by L'Oréal Professionnel. All this is skilfully seasoned with respect for the rules of hygiene and safety and a welcome strictly marked by the mask and the smile of the eyes.


"Being able to give our professionalism to those who have given us theirs deeply gratifies me - Salvo D'Amico continues, moved - some of them were really in the front line, engaged every day in Covid centres. I don't know how to express it, for me they are heroes. And I am proud that many of them, even more than the slots I had made available, have chosen my salon".


At the end of the month - the #inmanisicure project ends on July 30th - more than 20 health workers will have chosen Aci Castello di Salvo D'Amico's Scogliera salon, but it only took the very first few days to understand that each of them has an experience in their hearts, linked to Covid-19, that they will never forget.


Two of them have agreed to tell each other their story, they are called llenia Bonanno and Daniela Nici and under the DPI (Dispositivi di protezione di protezione) they hide soft, sinuous and well-groomed hair, an indelible sign of being a woman as well as a doctor: Ilenia has thick, crunchy caramel-coloured hair and a new mother's voice; Daniela's hair is thin with a sunflower heart shade and the voice gives the timbre to a strong and decisive character. Different women with similar fears who have known and had to tame in the name of their and our families' health.


"I've been working at 118 for years - says Daniela Nici -, ours is heavy work physically, psychologically and morally. We are in the front line any day of the year, but during Covid-19 it was worse, in the meantime because we had to face the fears of fears and then for the use of the PPE we had to wear at that time. Working almost without air was exhausting and it was almost as exhausting as getting these blessed PPE. It took a struggle to get them - continues Daniela Nici while admitting, slyly, that she is known to have a fighting character - but in the end they arrived. We were considered heroes, but our job is what we do every day. Maybe with Covid it was more exhausting... you can't imagine what it means to do resuscitation, even if trained, wearing all the anti-Covid PPE, from the suit to the mask... the air is really missing".


Daniela squints and continues to remember that lockdown period between empty E.R.s and Covid's dead. Then she opens her eyes again, the hairdryer no longer blows on her hair and adds: "I like this Compagnia della Bellezza initiative, it's like the things I believe in: concrete and palpable. Something you can touch and see," he admits while looking in the mirror.


Ilenia Bonanno is a medical anesthesiologist and resuscitator of the Anesthesia and Resuscitation Service of the Garibaldi Center and Local Coordinator Organ and Tissue Donation of the Arnas Garibaldi. She too has lived the Covid-19 in the front line and for her too fear has played an important role "not because of the work we do - she explained - but because of the risk of not being able to return home, if infected, to our families and to my son who is only two years old. The fear of being able to transmit the virus to him did not make me sleep at night, even though I always disinfected everything and we slept in separate rooms. No hugs, no cuddles, no comfort and no words that could explain why his mother stayed away from him.


"And yet we at the Garibaldi Centro were helped, and trained, by colleagues who are part of the Resuscitation Biocontainment group. That structure that was created a few years ago prepared us, perhaps more than the others - admits Ilenia Bonanno -, to face the pandemic. And not only that, the company has swabbed us every 15 days, taken the samples and has not made us miss any garrison. Perhaps that is also why no one in the resuscitation department got infected. But the ways back home were surreal, there was no one around during the day or night. The traffic lights were the colours of a life that no longer existed as it did before, nobody passed by even in green.


"In spite of everything we managed to resist and make an organ donation in the middle of an emergency Covid. Knowing that we were the only means that the relatives had with their loved ones gave us the strength not to give up. We were all the brother, sister, mother and father of our patients more than we were their doctors; for this I thank all those who worked in resuscitation: doctors, nurses, auxiliaries".


The story stops and Ilenia's hair fold has already taken shape, she looks at herself in the mirror and smiles behind the mask: "I discovered this initiative by chance, I had decided not to see news and TV anymore, but I am happy to have known. I felt cuddled and #inmanisicure".



(ITA) #inmanisicure: due donne e medici anti-covid raccontano emozioni e paure del lockdown


Hanno lavorato in prima linea, durante l’emergenza Covid-19, per tutelare la salute dei pazienti e offrire conforto ai loro familiari.


Si chiamano Ilenia Bonanno e Daniela Nici, i due medici catanesi impegnati in prima linea durante il lockdown, e hanno subito aderito al progetto #inmanisicure promosso da Compagnia della Bellezza. «Ci hanno protetto durante il lockdown, hanno curato i nostri cari e affrontato la paura di trovarsi in prima linea. Fino a giugno avevo solo immaginato il loro impegno, adesso che ho avuto la fortuna di ascoltare, dal vivo, le loro storie e condiviso l'empatia delle loro emozioni sono ancora più orgoglioso di poter ringraziare medici, infermieri e operatori sanitari». Salvo D'Amico, ambasciatore storico del franchising co-fondato da Salvo Filetti e Renato Gervasi, è entusiasta di questa iniziativa che prevede, per tutti gli operatori sanitari che si prenotano, un taglio e una piega in un salone a scelta, tra quelli associati al brand nazionale, e un kit di prodotti offerti da L'Oréal Professionnel. Il tutto sapientemente condito dal rispetto delle regole di igiene e sicurezza e da un'accoglienza rigorosamente scandita dalla mascherina e il sorriso degli occhi.


«Poter regalare la nostra professionalità a chi ci ha donato la loro mi gratifica profondamente - continua commosso Salvo D'Amico -. Alcune di loro sono state davvero in prima linea, impegnate ogni giorno in centri Covid. Non so come esprimerlo, per me sono degli eroi. E sono orgoglioso che in tante, ancor più degli slot che avevo messo a disposizione, hanno scelto il mio salone».


A fine mese - il progetto #inmanisicure si conclude il 30 luglio - saranno più di 20 le operatrici sanitarie che avranno scelto il salone della Scogliera di Aci Castello di Salvo D'Amico, ma sono bastati i primissimi giorni per capire che ognuna di loro porta nel cuore un'esperienza, legata al Covid-19, che non potrà dimenticare.


Due di loro hanno accettato di raccontarsi, si chiamano llenia Bonanno e Daniela Nici e sotto i DPI (Dispositivi di protezione) nascondono chiome morbide, sinuose e curate, segno indelebile dell'essere donna oltre che medico: Ilenia ha i capelli spessi dal color caramello croccante e una voce da neo mamma; quelli di Daniela sono sottili con una nuance cuor di girasole e la voce dà il timbro a un carattere forte e deciso. Donne diverse con paure simili che hanno saputo e dovuto domare in nome della salute delle loro e delle nostre famiglie.

«Lavoro al 118 da anni - racconta Daniela Nici -, il nostro è un lavoro pesante fisicamente, psicologicamente e moralmente. Siamo in prima linea in qualunque giorno dell'anno, ma durante il Covid-19 è stato peggio, intanto perché abbiamo dovuto fronteggiare le paure delle paure e poi per l'utilizzo dei DPI che abbiamo dovuto indossare in quel periodo. Lavorare quasi senza aria era faticosissimo e lo è stato quasi quanto riuscire a ottenere questi benedetti DPI. C'è voluta una lotta per ottenerli - prosegue Daniela Nici mentre ammette, sorniona, che è nota per avere un carattere combattivo - ma alla fine sono arrivati. Siamo stati considerati degli eroi, ma il nostro lavoro è ciò che facciamo ogni giorno. Forse con il Covid è stato più massacrante... non si può immaginare cosa significhi fare una rianimazione, seppur allenato, indossando tutti i DPI anti-Covid, dalla tuta alla mascherina... manca l'aria davvero”.

Daniela socchiude gli occhi e continua a ricordare quel periodo del lockdown tra i pronto soccorsi vuoti e i morti, tutti di Covid. Poi riapre gli occhi, il phon non soffia più sui suoi capelli e aggiunge: «Mi piace questa iniziativa di Compagnia della Bellezza, è come le cose in cui credo: concrete e palpabili. Una cosa che si può toccare e vedere» ammette mentre si guarda allo specchio.


Ilenia Bonanno è dirigente medico anestesista rianimatore del Servizio di anestesia e rianimazione del Garibaldi Centro e Coordinatore locale Donazione organi e tessuti dell'Arnas Garibaldi. Anche lei ha vissuto il Covid-19 in prima linea e anche per lei la paura ha giocato un ruolo importante «non per il lavoro che facciamo - ha spiegato - ma per il rischio di non poter tornare a casa, se contagiati, dalle nostre famiglie e da mio figlio che ha solo due anni. La paura di potergli trasmettere il virus non mi faceva dormire la notte, anche se disinfettavo sempre tutto e dormivamo in stanze separate. Niente abbracci, niente coccole, niente conforto e nessuna parola che potesse spiegargli perché la sua mamma gli stava lontano.

«Eppure noi del Garibaldi Centro siamo stati aiutati, e formati, dai colleghi che fanno parte del gruppo del biocontenimento della Rianimazione. Quella struttura che è stata creata pochi anni fa ci ha preparato, forse più degli altri - ammette Ilenia Bonanno -, ad affrontare la pandemia. E non solo, l'azienda ci ha fatto i tamponi ogni 15 giorni, i prelievi e non ci ha fatto mancare alcun presidio. Forse è anche per questo che nessuno della rianimazione si è infettato. Ma le strade da percorrere per tornare a casa erano surreali, in giro non c'era nessuno né di giorno né di notte. Il semaforo scandiva i colori di una vita che non esisteva più come prima, non passava nessuno neanche con il verde.


«Nonostante tutto siamo riusciti a resistere e a fare una donazione di organi in piena emergenza Covid. Sapere di essere l'unico tramite che i parenti avevano con i loro cari ricoverati ci ha dato la forza di non mollare. Siamo stati tutti il fratello, la sorella, la mamma e il papà dei nostri pazienti più che essere stati i loro medici; per questo ringrazio tutti quelli che hanno lavorato in rianimazione: medici, infermieri, ausiliari».

Il racconto si ferma e la piega dei capelli di Ilenia ha già preso forma, lei si guarda allo specchio e sorride dietro la mascherina: «Ho scoperto questa iniziativa per caso, avevo deciso di non vedere più notizie e tv, ma sono felice di averlo saputo. Mi sono sentita coccolata e #inmanisicure».