Search
  • Redazione

Justice, in Sicily the law proposal to establish Guarantor for victims of crimes

Updated: Jun 24



The regional deputy Giorgio Assenza (of the group Diventeràbellissima) presented a law proposal that determines the establishment of the regional guarantor for the protection of victims of crime. «A sign of civilization is undoubtedly having established the figure of the Guarantor of the detainee, but it is necessary to think about who has suffered that violent or fraudulent action for which the detainee is such: the victim».


«The crimes against the person, even more than those against the patrimony - he adds - leave indelible signs in those who have suffered them and, all too often, long and painful events of media exposure, interminable times of justice and, in borderline but not too infrequent cases, even reactions and intimidation despite the efficient work of the police forces».


«We therefore create a reference figure - explains Assenza - who is the owner of an office dedicated and open to citizens, which provides prompt and free assistance, starting from the time and the process of filing complaints; a structure able to provide psychological and sociomedical support in advance of the very long time of the courts». The second paragraph of article 2 of the law proposal specifies that «the victim is the person offended by the crime and, if the latter is deceased, the relatives in the first degree, the spouse, who is linked to the person offended by the obligation of adoption and who, although not legal spouse, was cohabiting with him/her».




(ITA) Giustizia: in Sicilia ddl per Garante vittime di reati


PALERMO - Il deputato regionale Giorgio Assenza (del gruppo Diventeràbellissima) ha presentato un ddl che stabilisce l'istituzione del Garante regionale per la tutela delle vittime di reato. "Segno di civiltà è senza dubbio l'aver istituito la figura del Garante del detenuto, ma occorre pensare a chi ha subito quella azione violenta o truffatrice per la quale il detenuto è tale: la vittima".


"I delitti contro la persona ancor più che quelli contro il patrimonio - aggiunge - lasciano segni indelebili in chi li ha subiti e, troppo spesso, all'avvenuto si succedono lunghi e dolorosi strascichi fatti di esposizione mediatica, di interminabili tempi della giustizia e, in casi limite ma non troppo infrequenti, perfino di reazioni e intimidazioni malgrado l'efficiente opera delle forze dell'ordine".


"Creiamo dunque una figura di riferimento - spiega Assenza - che sia titolare di un ufficio dedicato e aperto ai cittadini il quale fornisca assistenza pronta e gratuita a cominciare da tempi e iter della presentazione delle denunce; una struttura in grado di fornire anche sostegno psicologico e sociosanitario in anticipo sui tempi lunghissimi dei tribunali". Il secondo comma dell'articolo 2 del ddl specifica che "si intende per vittima la persona offesa dal reato e, qualora questa sia deceduta, i parenti in primo grado, il coniuge, chi è legato alla persona offesa dal vincolo di adozione e chi, pur non essendo coniuge legale, era con essa stabile convivente".