Search
  • Redazione

Lampedusa, the Door to Europe by the sculptor Paladino has been "packed"

A symbol and a work of art. The Door to Europe, the work by sculptor Mimmo Paladino, has been packed and sealed. It is not known by whom, but the gesture has a disturbing symbolic value.



It was the mayor of Lampedusa, Totò Martello, who denounced the "case", «a petty action that hurts the image of Lampedusa and above all hurts the people of Lampedusa: I immediately filed a complaint with the competent authorities, I hope that those responsible will be identified».


Of course it's strange how it could happen without anyone noticing. For this reason too, Mayor Martello says that «the State must reaffirm its presence on the island and must do so also through concrete actions to support a community that continues to 'keep that door open' in the name of respect for human rights, despite enormous sacrifices and despite the fact that someone is planning to close it».


Solidarity comes from the regional secretary of the PD, Anthony Barbagallo. «To have 'sealed' the Door to Europe of Lampedusa, symbol of peace and welcome, in protest against the policies of integration and respect for human rights, is a gesture to be condemned. This episode - Barbagallo adds - highlights a climate of tension linked also to the difficulties that the island is experiencing because of the Coronavirus, which has paralyzed tourism and the local economy. Lampedusa has particular characteristics, and precisely for this reason specific instruments of support for the community are needed, to be adopted in agreement with the Municipal Administration, which is engaged daily in the difficult task of managing three emergencies at the same time: economic, health and humanitarian».


For Leoluca Orlando, mayor of Palermo and president of Anci Sicilia, «the Door to Europe is the symbol of Lampedusa on an international level and the cowardly gesture perpetrated against it cannot leave us indifferent».


On social media, the story was read as a tribute to Christo, the artist who died three days ago in New York, one of the major representatives of Land art. But Attilio Lucia, one of the citizens of Lampedusa who had promoted the protests in recent weeks, asking to have a real hospital and to close the migrants hotspot, published a post on his Facebook profile with the Door to Europe packed. «Lampedusa is getting tired of migrant landings and an immigration-friendly government!» And again: «The Door to Europe properly packed and sent to the EU and this pro-immigration government! We want to live on tourism and not on immigration». His position is clear. But it is also a sign of the discontent of a part of the population.


In any case, after mayor Martello's denunciation and the intervention of the Municipal Police, the Door to Europe was "freed" from the wrappers that had been put on during the night and became again the "symbol of Lampedusa".



(ITA) Lampedusa, "impacchetta" la Porta d'Europa opera dello scultore Paladino


Un simbolo e un''opera d'arte. La Porta d’Europa, opera dello scultore Mimmo Paladino, è stata impacchettata e sigillata. Non si sa da chi, ma il gesto una valenza simbolica inquietante. E' stato il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, a denunciare lo "scempio", «un’azione meschina che fa male all’immagine di Lampedusa e soprattutto fa male ai lampedusani: ho immediatamente sporto denuncia alle autorità competenti, mi auguro che i responsabili vengano individuati».


Certo è strano come sia potuto accadere senza che nessuno se ne accorgesse. Anche per questo il sindaco Martello dice che «lo Stato deve riaffermare la sua presenza sull’isola e lo deve fare anche attraverso azioni concrete di sostegno ad una comunità che continua a ‘tenere aperta’ quella porta in nome del rispetto dei diritti umani, nonostante enormi sacrifici e nonostante qualcuno abbia intenzione di chiuderla».


Solidarietà arriva dal segretario regionale del PD, Anthony Barbagallo. «Avere ‘sigillato’ la Porta d’Europa di Lampedusa, simbolo di pace ed accoglienza, per protesta contro le politiche di integrazione e rispetto dei diritti umani, è un gesto da condannare. Questo episodio – aggiunge Barbagallo– evidenzia un clima di tensione legato anche alle difficoltà che l’isola sta attraversando a causa del Coronavirus, che ha paralizzato il turismo e l’economia locale. Lampedusa ha caratteristiche particolari, e proprio per questo servono strumenti specifici di sostegno alla comunità da adottare d’intesa con l’Amministrazione Comunale, che è impegnata quotidianamente nel difficile compito di gestire tre emergenze allo stesso tempo: economica, sanitaria ed umanitaria».

Per Leoluca Orlando, sindaco di Palermo e presidente di Anci Sicilia, «la Porta d’Europa è il simbolo di Lampedusa a livello internazionale e il gesto vile perpetrato ai suoi danni  non può lasciarci indifferenti.


Sui social la vicenda è stata letta come un omaggio a Christo, l'artista morto tre giorni fa a New York, uno dei maggiori rappresentanti della Land art. Ma Attilio Lucia, uno dei cittadini lampedusani che nelle scorse settimana avevano promosso le proteste in piazza nelle scorse settimane, chiedendo di avere un vero ospedale e di chiudere l'hotspot, sul suo profilo facebook ha pubblicato un post con la Porta d'Europa impacchettata. «Lampedusa comincia a essere stufa di sbarchi e di un governo che favorisce l'immigrazione!». E ancora: «La Porta d'Europa impacchettata a dovere e spedita alla Ue e a questo governo pro-immigrazione! Vogliamo vivere di turismo e non di immigrazione». La sua posizione è chiara. Ma è anche un segno del malcontento di una parte della popolazione.


In ogni caso, dopo la denuncia del sindaco Martello e l'intervento della Polizia Municipale, la Porta d'Europa è stata "liberata" dagli involucri che erano stati messi durante la notte ed è tornata ad essere il "simbolo di Lampedusa".