Search
  • Gianluca Reale

Messina: «Post on Conte was wrong, but now I am overwhelmed by insults»


«I published a cartoon, satirical for me, but probably as a Regional Councilor I should have avoided. A slide that with many thoughts I have not avoided, but I had to. But someone will be outraged by these insults and threats that I have received for 48 hours, everywhere!». Manlio Messina, the regional councilor for Tourism, Sport and Entertainment, made amends for the post published the day before yesterday on his facebook page with the photo of Prime Minister Conte flanked by two carabinieri. Post "satirical" for Messina, but which has sparked a flurry of controversy over the opportunity given that Messina holds an institutional position. The President of the Region, Musumeci, albeit minimizing, had detected the inopportunity by asking the member of his government team to remove the post. Yesterday, however, Councilor Messina pointed out that he was under attack by the network haters. «Who wishes cancer to me and my family. Who wants to hit me and who with lupara shots. Who wants to see me at the gallows. Will someone say or do something ?? Will everyone who is outraged by a cartoon without any insult have the face to say something ?? In the meantime I have sued all these cowards from the keyboard!», he wrote again on his facebook profile. Really terrible insults, disproportionate, absolutely unjustifiable. Messina announces lawsuits, asks for solidarity. Meanwhile, he receives from many friends and acquaintances, then from his political party, Fratelli d'Italia. Someone also re-post photos published by the M5S in which Salvini or Meloni portrayed that they aim a gun at the temple and the words "do the right thing". From political opponents, however, still nothing.



(ITA) Messina: «Post su Conte sbagliato, ma ora io sommerso da insulti»


«Ho pubblicato una vignetta, per me satirica, ma probabilmente da Assessore Regionale avrei dovuto evitare. Uno scivolone che con i tanti pensieri non ho evitato, ma dovevo. Ma qualcuno si indignerà per questi insulti e minacce che ricevo da 48 ore, ovunque!». Manlio Messina, l'assessore regionale a Turismo, Sport e Spettacolo, ha fatto ammenda per il post pubblicato l'altro ieri sulla sua pagina facebook con la foto del premier Conte affiancato da due carabinieri. Post «satirico» per Messina, ma che ha scatenato una ridda di polemiche sull'opportunità visto che Messina ricopre un incarico istituzionale. Lo stesso presidente della Regione, Musumeci, seppur minimizzando, aveva rilevato l'inopportunità chiedendo al componente della sua squadra di governo di rimuovere il post.


Ieri, però, l'assessore Messina ha fatto rilevare di essere sotto attacco dagli haters della rete. «Chi augura il cancro a me e alla mia famiglia. Chi vuole prendermi a mazzate e chi a colpi di lupara. Chi vuole vedermi alla forca. Qualcuno dirà o farà qualcosa?? Tutti quelli che si sono indignati per una vignetta senza alcun insulto avrà la faccia di dire qualcosa?? Io intanto li ho querelati tutti questi vigliacchi da tastiera!», ha scritto ancora sul suo profilo facebook.


Insulti davvero terribili, spropositati, assolutamente ingiustificabili. Messina annuncia querele, chiede solidarietà. Che riceve intanto da tanti amici e conoscenti, poi dal suo partito politico, Fratelli d'Italia. Qualcuno ri-posta anche foto pubblicate dal M5S in cui si ritrate Salvini o la Meloni che si puntano una pistola alla tempia e la scritta "fate la cosa giusta". Dagli avversari politici, però, ancora niente.