Search
  • Redazione

Migranti, il Tar di Palermo sospende l'ordinanza "svuota hotspot". Ed è scontro politico

Updated: Aug 28

Il governo nazionale impugna l'ordinanza "svuota hotspot" di Nello Musumeci e il Tar di Palermo la sospende. Uno stop che scatena ancora di più la polemica e lo scontro politico.



La notizia della sospensiva del Tar è giunta nel pomeriggio, quando il Tar di Palermo ha accolto l'istanza cautelare presentata dal Governo Conte, sospendendo l'esecutività dell'ordinanza del presidente della Regione Sicilia che prevede la chiusura di hotspot e centri di accoglienza per migranti sull'isola. Alla base dell'impugnazione la considerazione che la gestione del fenomeno migratorio è competenza dello Stato, non delle Regioni.


Se per il leader della Lega, Matteo Salvini, si tratta di «una vergogna», il presidente della Regione, Nello Musumeci, protesta perché la Regione non è stata ascoltata. «Nessuno pensi - ha detto Musumeci - che un ricorso possa fermare la nostra doverosa azione di tutela sanitaria. Compete a noi e non ad altri. E su questa strada proseguiremo". Ma la polemica, tutta politica, monta. LEGGI TUTTE LE REAZIONI


Il Viminale ha anche comunicayo i dati aggiornati sugli sbarchi: dal 1 gennaio al 25 agosto sono stati 17.504, più del triplo di quelli dell'anno scorso. Intanto stamattina, la nave quarantena Aurelia che ha caricato 273 migranti, 60 dei quali positivi al Covid, naviga verso Trapani. Resta a Cala Pisana, invece, la nave quarantena Azzurra con 575 migranti più 15 positivi. Da. ieri hanno lasciato Lampedusa 848 migranti. "Evidentemente serve alzare la voce", commenta soddisfatto Musumeci.


Eppure oggi ci sono stati nuovi sbarchi: altri due barchini - con 13 e 7 tunisini - sono stati intercettati e bloccati, nelle acque antistanti a Lampedusa, dalle motovedette della Guardia di finanza e della Guardia costiera. Tre, al momento, gli sbarchi - con un totale di 51 persone - che si sono registrati oggi. Ma altri barchini sarebbero stati già avvistati al largo. Nell'hotspot sono presenti, al momento, 406 migranti. Secondo l'agenzia Ansa, al momento, è stata sgomberata soltanto la Casa della fraternità: i locali parrocchiali messi a disposizione dal sacerdote dell'isola.