Search
  • Redazione

Migrants, Musumeci's order for clearing hotspots sparks controversy

The governor of Sicily confirms the hard line by ordering the clearing of hotspots and first reception centers for migrants within 24 hours and controversy breaks out. Also institutional, with the Ministry of the Interior.



The Ministry warns that that of migrants is a matter of State competence, a regional ordinance cannot affect it. In the meantime, the leader of the Lega, Matteo Salvini, fully supports the ordinance and says: «if I had been in government I would have closed the ports», and then let himself escape to be the inspirer of the ordinance.


Needless to say, the ordinance has triggered an avalanche of reactions,. The centre right, compact, applauds the decision of the president, Pd, M5S and the left-wing parties harshly criticize the measure.


"Sharing and full support for President Musumeci's initiative and his order to clear all the hotspots and reception centres on the island. Enough with the laxity and disregard of Conte and his government", says the Councillor for Local Authorities of Forza Italia, Bernardette Grasso. "The choice to close the hotspots and reception centers for migrants made with the prompt determination of President Musumeci is the right response of Sicily to the national government that together with Europe have decided to leave our island alone in the extraordinary management of the emergency migrants," agrees Manlio Messina, Councillor for Tourism, Sport and Entertainment of the Sicilian Region and exponent of Fratelli d'Italia. "President Musumeci's order puts the Conte government against the wall: Rome can no longer wash its hands in the face of the migrants' emergency!", comments Giusi Savarino of #divenetràbellissima, the party of Musumeci. And alongside Musumeci is also the Councillor for Formation Roberto Lagalla: "If the national government, following the Musumeci ordinance, only now felt it had to claim its prerogatives in matters of immigration and management of migrants, it would at least incur a fall in style, as well as substance".


"It is time for Rome and Europe to move from words to deeds. Full solidarity with President Musumeci, it is time to break the silence on a situation that affects the human dignity of hundreds of people amassed in inhuman conditions with serious risks for their safety," says the regional councillor for Energy and Public Utilities, Alberto Pierobon. "Of many heartfelt words - Pierobon says - nothing has been done and Sicily continues to remain isolated in this difficult challenge of reception. It is an intolerable situation that brings us back to a tragic past, when decades ago our emigrants were stopped en masse and checked at Ellis Island in a place where, afterwards, waste was treated, a terrible assonance".


Of different opinion the M5S. "Real problems, phony solutions, as always. After the cardboard Finanziaria, built with the money of the monopolies and of which the Sicilians have not yet seen a euro, the President of the Region, pulls out of his hat the umpteenth genetically modified rabbit, useful only to capture a few headlines in the newspapers and a handful of like on the social, certainly not to solve the problem of landings," is the harsh comment of the group leader of M5S at Regional Assembly, Giorgio Pasqua. While Rifondazione Comunista hopes for a mobilization of progressive and democratic political and social forces for the immediate withdrawal of the ordinance. Netly contrary to the governor's measure, even the PD: "If Covid is back in Sicily it is only because Musumeci, after being sheriff for the months of the lockdown, has let the island summer was without rules", comments Carmelo Miceli, Head of Security of the National Secretariat of the party.

For Giuseppe Lupo, leader of the PD group at the Sicilian Regional Assembly, "the issue of migrants must be tackled effectively and urgently by all institutions, not with electoral spots like the Musumeci ordinance. State and Region must work together to protect the rights, safety and health of all, responding to the right concerns of citizens and mayors. Musumeci immediately denies having acted on the 'indication and suggestion of the League', as Salvini stated: it would be very serious to have a President of the Region remote-controlled by the leader of the Lega".


And the governor's order does not even please the mayor of Pozzallo Roberto Ammatuna. "Although leaving aside for a moment the obvious appeal of the Council of Ministers - says the first citizen of Pozzallo - an Ordinance can be considered feasible that in just 24 hours provides for the movement - to where it is not known - of all migrants in the territory and imposes a ban - in what way is not understood - on their entry to the island?».


On the foot of war also the MP of the PD Fausto Raciti. "Whoever doesn't respect this prediction will be punished. But punished who? And this ordinance is addressed to whom?", he writes on Facebook. "To the prefects, who are a government body and can only take orders from the Minister of the Interior? To the municipalities or the region, who do not have the power to derogate from a matter of exclusive state legislation, such as the status of migrants? To whom then?", he continues. Fabrizio Ferrandelli, town councillor of Più Europa in Palermo, defines Musumeci's decision as "serious and senseless", while Cgil speaks of "pure propaganda".



(ITA) Migranti, l'ordinanza di sgombero di Musumeci scatena le polemiche


Il governatore della Sicilia conferma la linea dura ordinando lo sgombero degli hotspot e dei centri di prima accoglienza dei migranti entro 24 ore e scoppia la polemica. Anche istituzionale, con il ministero degli Interni.


Il ministero avverte che quella dei migranti é una materia di competenza statale, un'ordinanza regionale non può incidervi. Intanto il leader della Lega, Matteo Salvini, appoggia a tutto campo l'ordinanza e dice «se io fossi stato al governo avrei chiuso i porti», per poi lasciarsi scappare di essere l'ispiratore dell'ordinanza.


Quasi inutile dire che l'ordinanza ha scatenato una valanga di reazioni,. Il centro destra, compatto, plaude alla decisione del presidente, Pd, M5S e i partiti di sinistra criticano duramente il provvedimento.


«Condivisione e pieno sostegno all'iniziativa del Presidente Musumeci ed alla sua ordinanza di sgombero di tutti gli hotspot e i centri d'accoglienza presenti sull'isola. Basta col lassismo e col menefreghismo di Conte e del suo governo", dice l'assessore alle Autonomie Locali di Fi, Bernardette Grasso. "La scelta di chiudere gli hotspot e i centri di accoglienza dei migranti fatta con la pronta determinazione dal presidente Musumeci è la giusta risposta della Sicilia al governo nazionale che assieme all'Europa hanno deciso di lasciare la nostra Isola da sola nella straordinaria gestione dell'emergenza migranti", concorda Manlio Messina, assessore del turismo, dello sport e dello spettacolo della Regione Siciliana ed esponente di Fratelli d'Italia. "L'ordinanza del Presidente Musumeci mette il governo Conte con le spalle al muro: Roma non può più lavarsi le mani davanti all'emergenza migranti!", commenta l'onorevole Giusi Savarino di #diventeràbellissima. E a fianco di Musumeci si schiera anche l'assessore alla Formazione Roberto Lagalla: "Se il governo nazionale, a seguito dell'ordinanza Musumeci, ritenesse di dovere solo ora rivendicare le proprie prerogative in materia di immigrazione e gestione dei migranti, incorrerebbe almeno in una caduta di stile, oltre che di sostanza".

"È il momento che Roma e l'Europa passino dalle parole ai fatti. Piena solidarietà al presidente Musumeci, è ora che si rompa il silenzio su una situazione che colpisce la dignità umana di centinaia di persone ammassate in condizioni disumane con gravi rischi per la propria incolumità", dice l'assessore regionale all'Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon. "Di tante parole sentite - dice Pierobon - nulla è stato fatto e la Sicilia continua a restare isolata in questa difficile sfida dell'accoglienza. È una situazione intollerabile che ci riporta a un passato tragico, quando decenni fa i nostri emigrati venivano fermati in massa e controllati a Ellis Island in un luogo dove, successivamente, sono stati trattati i rifiuti, una terribile assonanza".


Di diverso avviso Il M5S. "Problemi reali, soluzioni farlocche, come sempre. Dopo la Finanziaria di cartone, costruita con i soldi del monopoli e della quale i siciliani non hanno ancora visto un euro, il presidente della Regione, tira fuori dal cilindro l'ennesimo coniglio geneticamente modificato, utile solo a catturare qualche titolo sui giornali e un pugno di like sui social, non certo a risolvere il problema degli sbarchi", è il duro commento del capogruppo del M5S all"Ars, Giorgio Pasqua. Mentre Rifondazione comunista auspica una mobilitazione delle forze politiche e sociali progressiste e democratiche per il ritiro immediato dell'ordinanza. Nettamente contrario al provvedimento del governatore anche il Pd: «Se il Covid è tornato a girare in Sicilia è solo perché Musumeci, dopo avere fatto lo sceriffo per i mesi del lockdown, ha lasciato che l'estate isolana fosse senza regole», commenta Carmelo Miceli, Responsabile Sicurezza della Segreteria nazionale del partito.

Per Giuseppe Lupo, capogruppo del PD all’Assemblea Regionale Siciliana, «il tema migranti deve essere affrontato con efficacia e urgenza da tutte le istituzioni, non con spot elettorali come la farlocca ordinanza Musumeci. Stato e Regione devono collaborare per tutelare diritti, sicurezza e salute di tutti, rispondendo alle giuste preoccupazioni dei cittadini e dei sindaci. Musumeci smentisca subito di avere agito su ‘indicazione e su suggerimento della Lega’, come dichiarato da Salvini: sarebbe gravissimo avere un presidente della Regione telecomandato dal leader della Lega».


E l'ordinanza del governatore non piace nemmeno al sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna. "Pur tralasciando per un attimo l'ovvia impugnativa del Consiglio dei Ministri - dice il primo cittadino di Pozzallo - si può ritenere attuabile una Ordinanza che in sole 24 ore prevede lo spostamento - verso dove non si sa - di tutti i migranti presenti nel territorio ed impone il divieto - con quali modalità non si capisce - di ingresso nell'isola agli stessi?".


Sul piede di guerra anche il parlamentare del Pd Fausto Raciti. "Chi non rispetta questa previsione sarà punito. Ma punito chi? E questa ordinanza è rivolta a chi?", scrive su Facebook. "Ai prefetti, che sono un organo del governo e possono prendere ordini solo dal ministro degli Interni? Ai comuni o alla regione, che non hanno la facoltà di derogare ad una materia di legislazione esclusiva dello stato, quale è quella inerente lo status dei migranti? A chi allora?", prosegue. Fabrizio Ferrandelli, consigliere comunale di Più Europa a Palermo, definisce "grave e insensata" la decisione di Musumeci, mentre di "pura propaganda" parla la Cgil.