Search
  • Redazione

Migrants, Musumeci: «Where is politics? No to the business of reception and quarantine»

No to the «reception business», as before the closure of the ports when Matteo Salvini was in the government, and no to the «quarantine business». The President of the Sicily Region is pressing Rome on the issue of migrants, given the continuous landings in the last few hours. And he poses a political problem.


Nello Musumeci

The governor of Sicily, Nello Musumeci, also intervenes on the hot topic of migrants. «In Sicily - he says - it is an emergency without respite on landings. And I would like to make it clear that this is not just a health emergency, for which the Region is doing everything to ensure the safety of Sicilian citizens and anyone arriving on the island. There is an unprecedented political emergency: why, with the same weather conditions as last year, are arrivals increasing so significantly? I want to acknowledge the efforts of the last few hours. But now it's a matter of managing an emergency and we need facts!».


«In recent months - the governor continues - a political action should have been activated whose lack of effect today is paid for by Sicily. And Europe? Quiet and silent. I will repeat this on Wednesday to the Schengen Committee, which will audit me with Mr Santelli (Calabria governor) and Mr Solinas (Sardinia governor). And I will reiterate that I see bright eyes in those who rub their hands in order to manage a new reception business, which may become the quarantine business. That's not going far. Perhaps a summit in Sicily should summon him directly to the Premier Conte. We'll wait for him. Meanwhile, today a full hotspot in Lampedusa and migrants arriving in Pozzallo. In fleets and without respite».



(ITA) Migranti, Musumeci: «No al business dell'accoglienza e della quarantena»


No al business dell'accoglienza, come prima della chiusura dei porti quando al governo c'era Matteo Salvini, e no anche al «business della quarantena». Il presidente della Regione Sicilia incalza Roma sul tema dei migranti, visti i continui sbarchi delle ultime ore. E pone un problema politico.


Sul tema caldo dei migranti interviene anche il governatore della Sicilia, Nello Musumeci. «In Sicilia è emergenza senza tregua sugli sbarchi. E vorrei fosse chiaro che non si tratta solo di una emergenza sanitaria, per la quale la Regione sta facendo di tutto per assicurare la sicurezza dei cittadini siciliani e di chiunque arriva nell’Isola. C’è una emergenza politica senza precedenti: perché a parità di condizioni climatiche rispetto allo scorso anno gli arrivi aumentano in modo così sensibile? Io voglio dare atto degli sforzi di queste ultime ore. Ma adesso si tratta di gestire una emergenza e servono fatti!».

«Nei mesi scorsi - prosegue il governatore - si sarebbe dovuto attivare un’azione politica i cui mancati effetti oggi li paga la Sicilia. E l’Europa? Zitta e silente. Lo ribadirò mercoledì alla commissione Schengen che mi audirà con i colleghi Santelli e Solinas. E ribadirò che intravedo occhi sgargianti in chi si sfrega le mani per gestire un nuovo business dell’accoglienza, che magari diventerà il business della quarantena. Così non si va lontano. Forse è il caso che un vertice in Sicilia lo convochi direttamente il premier Conte. Lo aspettiamo. Intanto oggi hotspot pieno a Lampedusa e migranti in arrivo a Pozzallo. A flotte e senza tregua».