Search
  • Redazione

Motorway Catania-Palermo, after 5 years today the Imera viaduct is reopened to traffic

After five years the Imera viaduct on the A19 "Palermo-Catania" motorway is reopened to traffic. This morning the ribbon was cut in the presence of the Minister of Infrastructure and Transport Paola De Micheli, the Deputy Minister Giancarlo Cancelleri and the CEO of Anas Massimo Simonini.



«The new Imera viaduct - Simonini said - allows the restoration of the dual carriageway of the motorway allowing the connection at full capacity between two important cities on the island, at a crucial time for summer mobility that will see most Italians moving within the country to reach their holiday destinations».  Nice words, even if the viaduct - which was decided to demolish and rebuild following the landslide that had affected the land - is just one of the many detours and narrowings that affect the A19.

The new Imera viaduct involved a total investment of 12.5 million and was built in steel, with three large spans for a total length of 270 metres. The central span, deliberately designed with a span of 130 metres, makes it possible to climb over the landslide affecting the area, while the two piles and the relative foundations were positioned at the edge of the same and sized to withstand the complex geomorphological framework existing on the slopes.  

The construction of the viaduct was a complex route that has seen the critical issues related to the authorization process, which lasted 37 months, to the financial crisis of the companies in charge of the works, and in the final phase to the difficulties in finding men and raw materials due to the lockdown. 


An acceleration has been impressed at the end of the lockdown period. «The construction of the new Imera viaduct - Simonini concluded - is part of the great 870 million euro maintenance plan underway along the entire motorway, a plan that is included in the total investments of Anas for Sicily, equal to 4.4 billion euros, both for scheduled maintenance and new works, as a sign of the great commitment of the Company for the island». 


These words are addressed to the regional government, which has engaged in a tough confrontation with Anas. So much so that the councillor for infrastructure Marco Falcone had announced that if the viaduct had really been inaugurated on 31 December he would have resigned. He presented his resignation to the President of the Region who, of course, will not accept it.



(ITA) Autostrada Catania-Palermo, dopo 5 anni oggi il viadotto Imera viene riaperto al traffico


Dopo cinque anni viene riaperto al traffico il viadotto Himera sull'autostrada A19 "Palermo-Catania". Questa mattina il taglio del nastro alla presenza della Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, del Viceministro Giancarlo Cancelleri e dell’Amministratore Delegato di Anas Massimo Simonini.


«Il nuovo viadotto Imera - ha dichiarato Simonini - consente il ripristino della doppia carreggiata dell’autostrada consentendo il collegamento a pieno regime tra due importanti città dell'isola, in un momento cruciale per la mobilità estiva che vedrà gran parte degli italiani spostarsi all’interno del Paese per raggiungere le mete delle vacanze».  Belle parole, anche se il viadotto - che si era deciso di abbattere e ricostruire in seguito alla frana che aveva interessato il terreno - è solo una delle tante deviazioni e restringimenti che interessano l'A19.

Il nuovo viadotto Imera ha comportato un investimento complessivo di 12,5 milioni ed è stato realizzato in acciaio, con tre campate di grande luce per uno sviluppo complessivo di 270 metri. La campata centrale, volutamente progettata con una luce di 130 metri, consente di scavalcare la frana che interessa l’area, mentre le due pile e le relative fondazioni sono state posizionate ai margini della stessa e dimensionate per resistere al complesso quadro geomorfologico esistente sui versanti.  

La realizzazione del viadotto è stato un percorso complesso che ha visto scontare le criticità legate all’iter per le autorizzazioni, durato 37 mesi, alla crisi finanziaria delle aziende incaricate dei lavori, e nella fase finale alle difficoltà di reperimento di uomini e materie prime a causa del lockdown. 

Un'accelerazione è stata impressa al termine del periodo di lockdown. «La costruzione del nuovo viadotto Imera - ha concluso Simonini - rientra nell'ambito del grande piano di manutenzione da 870 milioni di euro in corso lungo tutta l'autostrada, piano che è compreso nel totale degli investimenti complessivi di Anas per la Sicilia, pari a 4,4 miliardi di euro, sia per la manutenzione programmata che per le nuove opere, a testimonianza del grande impegno dell'Azienda per l'isola». Parole dirette al governo regionale, che con l'Anas ha ingaggiato un duro scontro. Tante che l'assessore alle infrastrutture Marco Falcone aveva annunciato che se il viadotto fosse stato davvero inaugurato il 31 dicembre si sarebbe dimesso. Le dimissioni le ha presentate al presidente della Regione che, naturalmente, non le accetterà.

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com