Search
  • Redazione

Musumeci's mid-term report: «Here's what we've done, now we need a less poisoned climate»

Nello Musumeci returned to the Sicilian Regional Assembly to present the mid-term report, a few months after the well-known rant against the deputy Luca Sammartino, "guilty" of having asked for a secret vote.



On that occasion Musumeci became furious and left the Sicilian Parliament. The day before yesterday he returned, however, in a speech that lasted more than an hour and a half. In conclusion, he also bothered Giuseppe Mazzini: "Italy will be what the South will be", recalling the example of regional presidents such as Piersanti Mattarella and Rino Nicolosi.


«I can proudly affirm - he said - that many objectives have been achieved and that others are waiting to be implemented in the second half of this legislature. Needless to say, the terrible epidemic that has hit our country will weigh heavily on our intentions». Inevitably the reference to the epidemic that, «not yet defeated, has also produced disastrous effects in Sicily that we will pay for much longer and it is too early to calculate the damage on the fragile economy of our island. We must wait at least until the end of the year».


Then Musumeci got to the heart of the report by illustrating the balance of the government's activity from the settlement to the present day. From the «opening of a discussion with the national government on the financial relationship between the State and the Region, which has led, among other things, to spread the deficit over thirty years and not three" to the objectives that the governor believes have been achieved: to have identified 150 real estate assets to be disposed of, to have created an «investment plan for municipalities and ex-Province, activating a fruitful comparison with the ANCI», to have «established the Coordination Office for the smaller islands» and to have «implemented the provisions contained in the "Madia" law stabilizing 7. 746 precarious workers in local authorities», accelerated «the support measures for investments in the agricultural sector», so as to be «the first region in Italy for number of organic farms». Then the recent establishment by the Ministry for the South of the ZES, the Special Economic Zones.


SCHOOLS AND CULTURE. The governor recalled the allocation of "525 million euros to carry out 1,576 interventions for the safety of schools, we supported the strengthening between school and university and between the world of education and the world of work. We have restarted the archaeological excavations, we have contributed to the restoration of 40 churches and 10 historical buildings".


THE ENDORSEMENT TO COUNCILOR SAMONA'. The Councillor for Cultural Heritage, Alberto Samonà, was not lacking in public acclaim for «his competence, his sobriety and his enthusiasm». Which is tantamount to saying «I am at your side», despite the controversy over the alleged Nazi sympathies of the Leghista councillor.


TERRITORY AND GARBAGE. On the front of the territory Musumeci recalled that "we have launched the plan to combat drought and a plan for the maintenance and cleaning of about 80 rivers and waterways", reiterating on the subject of waste also the firm will to "avert" the issue of permits for new landfills. In recent years, Musumeci stressed, there has been "an emergency that serves only those close to the Mafia and unfaithful bureaucrats", which has given rise to a "perverse intertwining" of interests and "a dangerous oligopoly that controls about 80% of waste treatment". In this framework, he added, politics has played a "absent and sometimes acquiescent" role. The governor reiterated, on the contrary, that since 2017 separate waste collection in Sicily has increased from 16% to 42%, and therefore from "less waste in landfills and less revenue for individuals". This last point, all to be verified.


HEALTH. Musumeci then recalled the recruitment of about 7,500 Sicilian health care workers, and assured the commitment to stabilize, in the same sector, about 250 precarious historians, also confirming that the government is considering the possibility of building a hospital in Lampedusa, an island called "outpost of Europe".


PORTS AND INFRASTRUCTURES. There was also room in the report for a list of interventions for Sicilian ports and infrastructure launched by the regional government. The governor then announced his government's commitment to modernising Sicily with the construction of a hub port capable of intercepting commercial traffic in the Mediterranean and the necessary start of construction of the bridge over the Strait of Messina.


THE FINAL APPEAL. Finally, after quoting Giuseppe Mazzini with his historic warning "Italy will be what the South will be", and recalling the example of the Presidents of the Region Rino Nicolosi and Piersanti Mattarella, he launched an appeal to Parliament and the political forces: "We need a less poisoned climate, a less violent language inside and outside the Palace. I say this to everyone and, first of all, to myself, without prejudice or preconceptions. Everyone in their role, but all aware that we have a duty to change Sicily and to do so we still have time ahead of us, to waste it would be suicide".


DEBATE SCHEDULED ON JULY 7. Afterwards, however, there was no debate in the classroom. The government said it will file an 11-page report, the opposition - which had protested for not receiving the report five days earlier, as required by the regulations - and the other parliamentary forces will have a week to study it. The debate is scheduled for July 7.



(ITA) La relazione di mid-term di Musumeci: «Ecco cosa abbiamo fatto, adesso serve clima meno avvelenato»


Nello Musumeci è tornato all'Assemblea regionale siciliana per esporre la relazione di metà mandato, a qualche mese di distanza dalla ormai nota sfuriata contro il deputato Luca Samamrtino, "colpevole" di avere chiesto il voto segreto per una votazione.


In quell'occasione Musumeci si infuriò e abbandono il parlamento siciliano, L'altro ieri è tornato, invece, , in un intervento durato più di un'ora e mezza. In conclusione ha scomodato anche Giuseppe Mazzini: "L'Italia sarà quel che il Mezzogiorno sarà", ricordando l'esempio di presidenti di Regione come Piersanti Mattarella e Rino Nicolosi.


«Posso con orgoglio affermare - ha detto - che parecchi obiettivi sono stati raggiunti e che altri attendono di essere attuati nella seconda metà di questa legislatura. Inutile dire che sui nostri intenti giocherà un peso la terribile epidemia che ha colpito il nostro Paese». Inevitabiel il riferimento all'epidemia che, «non ancora sconfitta, ha prodotto anche in Sicilia effetti disastrosi che pagheremo per molto tempo ancora ed è troppo presto per calcolare il danno sulla fragile economia della nostra isola. Bisogna attendere almeno la fine dell'anno».


Poi Musumeci è entrato nella vivo della relazione illustrando il bilancio dell'attività del governo dall'insediamento ad oggi. Dalla «apertura di un confronto con il governo nazionale sul rapporto finanziaria fra Stato e Regione che ha portato fra l'altro a spalmare il disavanzo in trent'anni e non in tre» sino agli obiettivi che il governatore ritiene raggiunti: avere individuato 150 beni immobiliari da dismettere, avere creato un «piano di investimenti per Comuni ed ex-Province, attivando un proficuo confronto con l'Anci», avere «istituito l'Ufficio di coordinamento per le isole minori» e avere «recepito le disposizioni contenute nella legge Madia stabilizzando 7.746 precari degli enti locali», accelerato «le misure di sostegno agli investimenti nel settore agricolo», tanto da essere «la prima regione in Italia per numero di aziende biologiche». Poi la recente istituzione da parte del ministero per il Sud delle Zes, le Zone economiche speciali.

SCUOLE E CULTURA. Il governatore ha ricordato lo stanziamento di «525 milioni di euro per eseguire 1.576 interventi per la messa in sicurezza delle scuole, abbiamo sostenuto il rafforzamento fra scuola ed università e fra mondo dell'istruzione e mondo del lavoro. Abbiamo fatto ripartire gli scavi archeologici, abbiamo contribuito al restauro di 40 chiese e 10 palazzi storici».


Non è mancato un pubblico plauso all'assessore Alberto Samonà ai Beni culturali per «la sua competenza, la sua sobrietà e per il suo entusiasmo». Il che equivale a dire «sono al tuo fianco», nonostante le polemiche sulle giovanili presunte simpatie naziste dell'assessore leghista.

TERRITORIO E RIFIUTI. Sul fronte del territorio Musumeci ha ricordato che «abbiamo varato il piano di contrasto alla siccità ed un piano per la manutenzione e pulizia di circa 80 fiumi e corsi d'acqua», ribadendo in tema di rifiuti anche la ferma volontà di "scongiurare" il rilascio di autorizzazioni per nuove discariche. In questi anni, ha sottolineato Musumeci, si è assistito a «una emergenza che serve soltanto a personaggi contigui alla mafia e a burocrati infedeli», che ha dato vita a un "intreccio perverso" di interessi e a "un pericoloso oligopolio che controlla circa l'80 per cento del trattamento dei rifiuti». In questo quadro, ha aggiunto, la politica ha avuto un ruolo «assente e talvolta acquiescente». Il governatore ha ribadito, al contrario, che dal 2017 la raccolta differenziata in Sicilia è passata dal 16 per cento al 42 per cento, e dunque da "meno rifiuti in discarica e meno introiti per privati». Punto quest'ultimo, tutto da verificare.

SANITA'. Musumeci ha poi ricordato l'assunzione di circa 7.500 operatori della sanità siciliana, ed ha assicurato l'impegno per la stabilizzazione, nello stesso settore, di circa 250 precari storici, confermando anche che il governo sta valutando la possibilità di realizzare un ospedale a Lampedusa, isola definita "avamposto d'Europa".

PORTI E INFRASTRUTTURE. Nella relazione c'è stato spazio anche per un elenco di interventi per i porti siciliani e per le infrastrutture avviato dal governo regionale. Il governatore ha poi annunciato l'impegno del suo governo per modernizzare la Sicilia con la realizzazione di un porto hub capace di intercettare il traffico commerciale nel Mediterraneo e il necessario avvio della costruzione del ponte sullo Stretto di Messina.


L'APPELLO FINALE. Infine, dopo aver citato Giuseppe Mazzini con il suo storico ammonimento "L'Italia sarà quel che il Mezzogiorno sarà", e ricordato l'esempio dei presidenti della Regione Rino Nicolosi e Piersanti  Mattarella, ha lanciato un appello al Parlamento e alle forze politiche: «Serve un clima meno avvelenato, un linguaggio meno violento dentro e fuori dal Palazzo. Lo dico a tutti e, per primo, a me stesso, senza pregiudizi né preconcetti. Ognuno nel proprio ruolo, ma tutti consapevoli che abbiamo il dovere di cambiare la Sicilia e per farlo abbiamo ancora del tempo davanti, sciuparlo sarebbe un suicidio».


A seguire però non c'è stato il dibattito in aula. Il governo ha detto che depositerà una relazione di 11 pagine, Le opposizioni - che avevano protestato per non aver ricevuto la relazione cinque giorni prima, come previsto dai regolamenti - e le altre forze parlamentari avranno una settimana di tempo per studiarle. Il dibattito è in calendario per il 7 luglio.