Search
  • Redazione

Oranges and lemons, 10 ml from Sicilian Region against "Tristeza" and "malsecco"

An expected intervention, perhaps not sufficient, but which will certainly help many citrus fruits producers. The Sicilian Region has published the announcement that allocates 10 million euros to restore Sicilian citrus groves damaged by the Tristeza virus and malsecco.



The announcement was published on the website of the Department of Agriculture. The initiative falls under Measure 5.2 of the Rural Development Program.


Reconstruction of tree plants for production purposes, destruction and grubbing up of infected plants, disposal of the resultant material of the damaged tree plant, purchase and replanting of varieties of resistant or tolerant plants, are some of the interventions that can be carried out to bring the Sicilian citrus groves back to the conditions of efficiency in which they were before the spread of the virus. Farmers who have suffered damage of not less than 30 per cent may apply.


Farmers will be able to take advantage of the so-called rootstocks and varieties subject to a long research activity of the Research Center for Citrus Fruit and Mediterranean Crops (Crea) of Acireale, also to extend the maturation calendar of the red orange, notoriously concentrated in two months, but which can be extended from November to May, with consequent commercial advantages.


«Through this announcement we restore not only citrus groves damaged by the Tristeza virus - the Councilor for Agriculture, Edy Bandiera, says - but also the level of competitiveness and the losses of the productive potential of Sicilian citrus companies».


Funding requests can be submitted - from 15 June to 31 October 2020 - through the Sian portal of the Sicilian Region and forwarded via computer to the Provincial Inspectorate of Agriculture responsible for the territory.



(ITA) Arance e limoni, dalla Regione 10 ml contro danni da “Tristeza” e "malsecco"

Un intervento atteso, forse non sufficiente, ma che sarà di sicuro aiuto a tanti produttori di agrumi. La Regione Siciliana ha pubblicato il bando che stanzia 10 milioni di euro per ripristinare gli agrumeti siciliani danneggiati dal virus della Tristeza e dal malsecco. Il bando è stato pubblicato sul sito web dell'assessorato all'Agricoltura. L'iniziativa rientra nell'ambito della Misura 5.2 del Programma di sviluppo rurale.

Ricostruzione degli impianti arborei a destinazione produttiva, distruzione ed estirpazione delle piante infette, smaltimento del materiale di risulta dell’impianto arboreo danneggiato, acquisto e reimpianto di varietà di piante resistenti o tolleranti, sono alcuni degli interventi realizzabili, per riportare gli agrumeti siciliani nelle condizioni di efficienza nella quali si trovavano prima della diffusione del virus. Potranno presentare istanza gli agricoltori che hanno subito un danno non inferiore al 30 per cento.

Gli agricoltori potranno avvalersi dei cosiddetti portinnesti e delle varietà oggetto di una lunga attività di ricerca del Centro di ricerca per l’agrumicoltura e le colture mediterranee (Crea) di Acireale, anche per ampliare il calendario di maturazione dell’arancia rossa, notoriamente concentrato in due mesi, ma che può essere ampliato da novembre a maggio, con conseguenti vantaggi commerciali.

«Attraverso questo bando ripristiniamo non soltanto gli agrumeti danneggiati dal virus della Tristeza – afferma l’assessore per l’Agricoltura, Edy Bandiera – ma anche il livello di competitività e le perdite del potenziale produttivo delle imprese agrumicole siciliane».

Le istanze di finanziamento potranno essere presentate - dal 15 giugno al 31 ottobre 2020 - attraverso il portale Sian della Regione Siciliana e inoltrate per via informatica all'Ispettorato provinciale dell’agricoltura competente per territorio.