Search
  • Gianluca Reale

Palermo, 58 ml for urban regeneration


Now there is the signature. Affixed this morning by videoconference, the 58 million euro Program Agreement for the urban redevelopment of the city of Palermo, launched by the Musumeci Government in synergy with the municipal administration, is done. To sign it, at a distance, the regional councilor for infrastructure Marco Falcone, delegated by the president of the Region Nello Musumeci, the director of the Infrastructure Department Fulvio Bellomo, the mayor of Palermo Leoluca Orlando, the deputy mayor Fabio Giambrone, the councilor for urban regeneration Maria Prestigiacomo. «The Region - declared councilor Falcone - puts in place a substantial financial envelope to be invested in 28 projects for the recovery of real estate, schools, roads and green spaces in neighborhoods such as Sperone, Borgo Nuovo and Zen. These are assets that have been immobilized for decades and are now being unlocked for the necessary redevelopment of important areas of the city, thus creating construction sites and jobs for the next few months, that is, the recovery from the coronavirus crisis. Two projects will be competing by the summer: the 10 million project for the restoration of the Baglio Mercadante in Zen neighborhood and the 8 million project for urban redevelopment in via De Felice in Sperone area. The goal we have set ourselves with the Municipality - continues Falcone - is to make all the other projects in the plan executive within 18 months and, for this purpose, we are ready to make available to the organization the support of our civil engineering offices». «With this ambitious plan - added Mayor Leoluca Orlando - we are recovering former Gescal funds dating back to the early nineties, demonstrating how important the institutional collaboration between the Municipality of Palermo and the Region is to move investments and create development. That this signing takes place as we are about to restart the economy of our city and our region, even if random is certainly significant. We will also start with a quality building aimed at the redevelopment of urban suburbs where important structures and infrastructures for the community will be built. A big thank you - Orlando concludes - goes, besides obviously to the Government of the Region, to all the officials and technicians who have worked to make it possible to recover and unlock these important resources».



(ITA) Palermo, 58 ml per la rigenerazione urbana


Adesso c'è la firma. Apposta stamattina in videoconferenza, L'Accordo di Programma da 58 milioni di euro per la riqualificazione urbana della città di Palermo, varato dal Governo Musumeci in sinergia con l’amministrazione comunale, è cosa fatta. A firmarlo, a distanza, l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, delegato dal presidente della Regione Nello Musumeci, il direttore del Dipartimento Infrastrutture Fulvio Bellomo, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il vicesindaco Fabio Giambrone, l’assessore alla Rigenerazione urbana Maria Prestigiacomo. 

«La Regione - ha dichiarato l’assessore Falcone - mette in campo una corposa dotazione finanziaria da investire su 28 progetti di recupero di beni immobili, scuole, viabilità e spazi verdi in quartieri come Sperone, Borgo Nuovo e Zen. Si tratta di risorse immobilizzate da decenni che oggi sblocchiamo per la necessaria riqualificazione di importanti zone della città, creando così cantieri e lavoro per i prossimi mesi, quelli cioè della ripresa dalla crisi del coronavirus. Due sono i progetti che andranno in gara entro l’estate: quello da 10 milioni per il restauro del Baglio Mercadante allo Zen e quello da 8 milioni per la riqualificazione urbana in via De Felice allo Sperone. L’obiettivo che ci siamo posti con il Comune - prosegue Falcone - è di rendere esecutivi entro 18 mesi tutti gli altri progetti del piano e, a tal fine, siamo pronti a mettere a disposizione dell’ente il supporto dei nostri uffici del Genio civile». «Con questo ambizioso piano - ha aggiunto il sindaco Leoluca Orlando - stiamo recuperando fondi ex Gescal risalenti addirittura ai primi anni Novanta, dimostrando quanto sia importante, per muovere investimenti e creare sviluppo, la collaborazione istituzionale fra Comune di Palermo e Regione. Che questa firma avvenga mentre ci accingiamo a far ripartire l’economia della nostra città e della nostra regione, anche se casuale è certamente significativo. Ripartiremo anche con una edilizia di qualità volta alla riqualificazione di periferie urbane nelle quali si realizzeranno importanti strutture e infrastrutture per la comunità. Un grande ringraziamento - conclude Orlando - va, oltre ovviamente che al Governo della Regione, a tutti i funzionari e tecnici che hanno lavorato per rendere possibile il recupero e lo sblocco di queste importanti risorse».