Search
  • Redazione

Palermo, cybersecurity talents awarded the winners of the CyberChallenge.EN 2020

Competition with a look at the work to come. Or he can come. Today in Palermo were awarded to young talents between 16 and 23 years old, winners of CyberChallenge.it 2020, the training program aimed at young people to identify and recruit the next generation of cybersecurity professionals.



The ceremony took place in the Rectorate of the University of Palermo, in the presence of Rector Fabrizio Micari. The university, in fact, participated for the first time in the event with a team of 20 students who, despite the pandemic, had 12 intense weeks of online training on the most relevant issues of computer systems security.


The first phase of the initiative ended on 8 June with the competitions, held simultaneously in the 28 participating universities, which determined the winners of each venue. A team of 8 students from the Palermo venue will be selected in the coming weeks to compete in the national competition to be held in October.


«Computer security, as demonstrated by the health emergency - Rector Micari stressed - is increasingly a crucial element to ensure the proper execution of activities once carried out in the presence and now permanently pass through the cyberspace. The lockdown period has taught us even more how the information system and information technology are now the backbone of our world and of most of our work activities. These days we are talking a lot about south working, which can represent an extraordinary perspective to reduce intellectual migration. To achieve it - he concluded - it is therefore essential to focus on infrastructure and cybersecurity».


On the same line, Professor Giuseppe Lo Re, coordinator of the Degree Course in Computer Engineering and local manager of the initiative: «The enormous effort of the University which, meeting the requests of society and the world of work of professional figures with skills in cyber security, has extended with the 2020 training offer the number of places available for access to the Degree Course with a programmed number in Computer Engineering with a substantial modification of the training course of the Master's Degree which lays the foundations for a future double curriculum on the themes of Artificial Intelligence and Information Security».



(ITA) Palermo, premiati i talenti della cybersecurity vincitori della CyberChallenge.IT 2020

Competition con uno sguardo al lavoro che verrà. O potrà venire. Oggi a Palermo sono stati premiati i giovani talenti di età compresa tra i 16 e i 23 anni, vincitori della CyberChallenge.IT 2020, il programma di formazione rivolto a giovani per individuare e reclutare la prossima generazione di professionisti della cybersecurity


La cerimonia si è svolta nel Rettorato dell'Università di Palermo, alla presenza del Rettore Fabrizio Micari. L'ateneo, infatti, ha partecipato per la prima volta alla manifestazione con una squadra di 20 allievi che, nonostante la pandemia, hanno svolto 12 intense settimane di allenamenti online sui temi più rilevanti della sicurezza dei sistemi informatici.


La prima fase dell’iniziativa si è conclusa l'8 giugno con le gare, svolte in contemporanea nelle 28 università partecipanti, che hanno determinato i vincitori di ciascuna sede. Un team di 8 allievi della sede di Palermo sarà selezionato nelle prossime settimane per disputare la competizione nazionale che si svolgerà a ottobre.

«La sicurezza informatica, come dimostrato dall’emergenza sanitaria – ha sottolineato ilRettore Micari rappresenta sempre più un elemento cruciale per garantire la corretta esecuzione di attività un tempo svolte in presenza e ormai definitivamente transitate nel cyberspace. Il periodo di lockdown ci ha ancora di più insegnato quanto il sistema informativo e l’informatica siano ormai la spina dorsale del nostro mondo e di gran parte delle nostre attività lavorative. In questi giorni si sta parlando molto di south working, che può rappresentare una straordinaria prospettiva per ridurre la migrazione intellettuale. Per realizzarla – ha concluso – è quindi fondamentale puntare sulle infrastrutture e sulla cybersecurity».

Sulla stessa linea il professore Giuseppe Lo Re, coordinatore del Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e responsabile locale dell’iniziativa: «L’enorme sforzo dell'Ateneo che, venendo incontro alle richieste della società e del mondo del lavoro di figure professionali con competenze nella cyber security, ha ampliato con l’offerta formativa 2020 il numero di posti disponibili per l'accesso al Corso di Laurea a numero programmato in Ingegneria Informatica con una sostanziale modifica del percorso formativo della Laurea Magistrale che getta le basi per un futuro doppio curriculum sui temi dell’Intelligenza Artificiale e della Sicurezza Informatica».