Search
  • Redazione

Palermo has a new "Genius", the statue by Domenico Pellegrino donated to the Botanical Garden

Palermo has a new "Genius Panormi". A new sculpture, all "made in Sicily", mythological symbol of the City, has been donated to the Botanical Garden of the University of Palermo by the Tommaso Dragotto Foundation.


The work, commissioned by the Tommaso Dragotto Foundation to the Sicilian artist Domenico Pellegrino, who has made the traditions of his land the leitmotiv of his artistic work, was inaugurated yesterday morning. The statue, placed permanently inside the Tropical Greenhouse, is in perfect and linear correspondence with the famous "Genius" made by Marabitti in 1778 and located in Villa Giulia.

«In these years the very strong bond between our University and the City - Fabrizio Micari, Rector of the University of Palermo, said - numerous collaborative projects have made more and more 'Palermo University City', open and multicultural. Today this relationship is sealed by the donation and installation of a new representation of the Genius that will be kept in an ideal place like the Botanical Garden, one of its most prestigious, suggestive and beloved spaces of the University».

«The University - the Minister for Equal Opportunities, Elena Bonetti, said - is the place of encounter, contamination and alliance of diversity. It is the place where knowledge is born, because there is the courage to reconcile, to reconnect the lived experience, the past, the tradition, the experience of knowledge and to affirm that all knowledge is never accomplished in itself, that there is an after that must be generated and that this after is the unprecedented encounter with the new generations. We have a wealth, a path and a vitality that permeate the places where we live and our knowledge, and which are therefore in the DNA of our country. This is the responsibility that our history gives us and that we must be able to interpret today. This day - the minister concludes - tells us that this city, Sicily, are able to do it».

For Tommaso Dragotto, President of the foundation, active in the promotion of the Sicilian cultural heritage, the realization of this work has a tangible value: «Here, today, we are not only celebrating art, but we have concretely realized something for the city, for its history and its citizens».

For the artist Domenico Pellegrino, «my Genius was from the beginning for the Botanical Garden, and therefore chose to live in this place. It is a statue that tells the future, tells the city, the Genius is Palermo».



(ITA) Palermo ha un nuovo Genio", la statua di Domenico Pellegrino donata all'Orto Botanico


Palermo ha un nuovo "Genius Panormi". Una nuova scultura, tutta "made in Sicily", mitologico simbolo della Città è stata donata all’Orto Botanico dell’Università di Palermo dalla Fondazione Tommaso Dragotto.

L’opera, commissionata dalla Fondazione Tommaso Dragotto all’artista siciliano Domenico Pellegrino, che ha fatto delle tradizioni della sua terra il leitmotiv del lavoro artistico, è stata inaugurata ieri mattina. La statua, posizionata in via permanente all’interno della serra Tropicale, si trova in perfetta e lineare corrispondenza con il famoso “Genio” realizzato da Marabitti, nel 1778 e situato a Villa Giulia.

«In questi anni il fortissimo legame tra il nostro Ateneo e la Città – dice Fabrizio Micari, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo numerosi progetti di collaborazione hanno reso sempre di più ‘Palermo Città Universitaria’, aperta e multiculturale. Oggi questo rapporto è suggellato dalla donazione e dall’installazione di una nuova rappresentazione del Genio che sarà custodito in un luogo ideale come l’Orto botanico, uno tra i suoi spazi più prestigiosi,  suggestivi ed amati dell'Ateneo».

«L’Università - ha detto la Ministra per le pari Opportunità, Elena Bonetti - è il luogo dell’incontro, della contaminazione e dell’alleanza tra le diversità. È il luogo in cui il sapere nasce, perché c’è il coraggio di riconciliare, di riconnettere il vissuto, il passato, la tradizione, l’esperienza del sapere e affermare che ogni sapere non è mai compiuto in se stesso, che c'è un dopo che deve essere generato e che questo dopo è l'incontro inedito con le nuove generazioni. Abbiamo una ricchezza, un percorso e una vitalità che permeano i luoghi del nostro vivere e del nostro sapere, e che quindi sono nel DNA del nostro Paese. Questa è la responsabilità che la nostra storia ci consegna e che dobbiamo essere in grado di interpretare oggi. Questa giornata – conclude la Ministra - ci dice che questa città, la Sicilia, sono in grado di farlo".

Per Tommaso Dragotto, Presidente dell’omonima fondazione, attiva nel settore della promozione del patrimonio culturale siciliano, la realizzazione di quest’opera ha un valore tangibile: «In questa sede, oggi, non stiamo soltanto celebrando l’arte, ma abbiamo concretamente realizzato qualcosa per la città, per la sua storia ed i suoi cittadini».

Per l’artista Domenico Pellegrino, «Il mio Genio è stato sin dall’inizio per l’Orto Botanico, e quindi ha scelto di vivere in questo luogo. E’ una statua che racconta il futuro, racconta la città, il Genio è Palermo».