Search
  • Redazione

Palermo, hundreds protesting to say no to Lega in the Sicilian government

They will not have been almost fifty thousand as the members of Facebook group "No to the cultural heritage to Lega - Musumeci resign". But surely there were hundreds of protesters who participated in the flash mob in front of Palazzo dei Normanni, the building of Sicilian Regional Assembly, in Palermo.



The appointment was for 6 pm and they demonstrated paying attention to the distance and wearing masks. Many were the Sicilian flags with the Trinacria. Images of composure that clash with those of the centre-right demonstration in Rome, where people crowded without the slightest respect for safety distances.


The response of the Palermo square was important. The mobilization was born from the facebook group created the day after the nomination of Alberto Samonà aa councilor for Cultural Heritage and Sicilian identity, as successor of the late Sebastiano Tusa. The group immediately grew to almost 50 thousand members. From the web to the square the step was short.


For the protesters, Musumeci's decision to bring Lega into the government was arbitrary. «In the last regional elections - the organizers said to the newspaper La Repubblica - Lega had obtained a derisory percentage, barely managing to elect a single deputy at the Regional Assmbley. There is no widespread consensus in Sicily towards the northern party».



(ITA) Palermo, in centinaia in piazza per dire no alla Lega nel governo siciliano


Non saranno stati quasi cinquantamila come gli iscritti al gruppo Facebook "No ai beni culturali alla Lega - Musumeci dimettiti. Ma sicuramente erano in centinaia i manifestanti che hanno partecipato al flash mob davanti a Palazzo dei Normanni, sede dell'Assemblea Regionale Siciliana, a Palermo.

L'appuntamento era per le 18 e in tantissimi si sono presentati, hanno manifestato facendo attenzione al distanziamento e indossando le mascherine. Molte le bandiere siciliane con la Trinacria. Immagini di compostezza che stridono con quelle della manifestazione del centrodestra a Roma, dove la gente si è ammassata senza il minimo rispetto delle distanze di sicurezza.

La risposta della piazza palermitana è stata importante. La mobilitazione è nata dal gruppo facebook nato all'indomani della nomina di Alberto Samonà alla guida dell'assessorato ai Beni culturali e all'identità siciliana, come successore del compianto Sebastiano Tusa. Il gruppo è subito cresciuto raggiungendo quasi 50 mila iscritti. Dal web alla piazza il passo è stato breve.


Per i manifestanti la decisione di Musumeci di fare entrare la Lega nel governo è stata arbitraria. «Nelle ultime elezioni regionali - hanno detto gli organizzatori al quotidiano La Repubblica - la Lega aveva ottenuto una percentuale irrisoria, riuscendo a eleggere a stento un solo parlamentare. Non esiste alcun consenso diffuso in Sicilia nei confronti del partito nordista».