Search
  • Redazione

Phase 2, Catania restarts planting 2000 trees


Phase 2 in Catania also starts from the trees. The city desperately needs it. There are two thousand that the administration has "bought" with a recent tender, in accordance with the choice made by citizens with a survey on different options to spend the sum of 240 thousand euros, the sum tied to mechanisms of "participatory democracy using tools that involve citizenship for the choice of actions of common interest ". On Monday 4 May the first 8 will be planted in Piazza Dante, recently closed to traffic. It will be 8 plane trees. Then the planting should continue in trade, squares, gardens, roundabouts. The planting should have started earlier, at least a month, But the coronavirus emergency made everything slip. Now the knot of watering these new plants will remain, which will have to face the summer season. Will the municipality be able to take care of them and water them during the summer? In any case, the Municipal Administration has managed to conclude a simplified procedure, coordinated by the chief of staff of the mayor Giuseppe Ferraro. The award of the tender saw a 26% auction decrease.

"In addition to the extraordinary value of environmental protection of planting 2000 thousand trees in a few weeks - said the mayor Salvo Pogliese - we wanted to underline the symbolic meaning of a restart in the sign of ecological sustainability in Piazza Dante which two months ago we enhanced returned to the public fruition and which we hope will soon be populated by citizens and tourists again, with the splendid scenery of the Benedictine monastery ». The winning project of the public consultation to plant two thousand new trees in the city, obtained 40.7% of citizens' preferences in the consultation made by the Municipality. In second place, with a percentage of 22.9 of the voters, the redevelopment of Porta Garibaldi and the surrounding spaces; in third place, with 20.2%, the regeneration of the Plaia grove and, finally, with 15.9% of voters, the creation of a street art route in the port and Civita area.


(ITA) Fase 2, Catania riparte piantando 2000 alberi


La fase 2 a Catania riparte anche dagli alberi. La città ne ha un disperato bisogno. Sono duemila quelli che l'amministrazione ha "comprato" con una recente gara, in ossequio alla scelta fatta dai cittadini con un sondaggio su diverse opzioni per spendere la somma di 240 mila euro, somma vincolata a meccanismi di "democrazia partecipata utilizzando strumenti che coinvolgono la cittadinanza per la scelta di azioni di interesse comune".


Lunedì 4 maggio saranno piantati i primi 8 in piazza Dante, recentemente chiusa al traffico. Saranno 8 platani. Poi la piantumazione dovrebbe proseguire in trade, piazze, giardini, rotatorie. La piantumazione avrebbe dovuto essere avviata prima, almeno un mese, Ma l'emergenza coronavirus ha fatto slittare tutto. Adesso resterà il nodo dell'innaffiamento di queste nuove piante, che dovranno affrontare la stagione estiva. Riuscirà il Comune a prendersene cura e innaffiarle durante l'estate?


In ogni caso, l’Amministrazione Comunale è riuscita a concludere una procedura realizzata all'insegna della semplificazione, coordinata dal capo di gabinetto del sindaco Giuseppe Ferraro. L'aggiudicazione della gara d’appalto ha visto un ribasso d’asta del 26%.


«Oltre allo straordinario valore di tutela ambientale di piantare 2000 mila alberi in poche settimane - ha detto il sindaco Salvo Pogliese - abbiamo voluto sottolineare il significato simbolico di una ripartenza nel segno della sostenibilità ecologica in piazza Dante che due mesi addietro abbiamo valorizzato restituito alla pubblica fruizione e che speriamo torni a presto a essere popolata dai cittadini e dai turisti, con lo splendido scenario del monastero dei Benedettini».


Il progetto vincitore della consultazione pubblica di piantare duemila nuovi alberi in città, ha ottenuto il 40,7 % delle preferenze dei cittadini nella consultazione fatta dal Comune. Al secondo posto, con una percentuale del 22,9 dei votanti la riqualificazione di Porta Garibaldi e degli spazi circostanti; in terza posizione, con il 20,2 %, la rigenerazione del boschetto della Plaia e, infine, con il 15,9% di votanti la realizzazione di un percorso di street art nella zona del porto e della civita.