Search
  • Redazione

Protected natural areas, Sicilian government release guidelines to increase security



From now on, the managers of the naturalistic sites and protected areas of Sicily will have to adopt some measures in order to continue to allow a regular use to the public.


The provisions, which aim to increase the level of safety of visitors, are contained in a document drafted and sent to the addressees by the Secretary General of the Basin Authority, Francesco Greco, on the input of the President of the Sicilian Region Nello Musumeci.


These are the measures to be taken: closure of the area in case of a weather alert, immediately after a seismic event or in the presence of rain-saturated ground. Installation of information signs, at the entrance and along the paths, which describe the conditions of risk and where the behaviour to adopt is reported.


"These are a series of guidelines - explains the governor of the island - which will oblige those responsible for many wonderful areas, but unfortunately fragile from a geomorphological point of view, to fill a dangerous void of information for those who enter them. They concern, in particular, areas of our territory that have a high risk classification and that, therefore, need constant attention and an adequate and timely disclosure of the conditions in which they find themselves and the correct behaviour to adopt in case of sudden critical situations. With the Basin Authority, established by us after thirty years, today we can also fill this dangerous gap".


Alongside the warning measures, "necessary - we read in the document sent to the managers of the Protected Areas - to allow free time activities", there are also some "suggestions" to be adopted to further increase the level of safety of visitors: from the invitation to avoid gatherings below areas at particular risk, to the constant monitoring with high resolution drone of the looming ridges to assess the evolution of the phenomena of disruption. And, again, the installation of sensors to detect the level of watercourses at least five kilometres away from the areas of use. The planned pre-alert actions can be immediately implemented without the need for any authorisation.


All communications and information concerning the safety of the public will also have to be disseminated through the institutional sites of the Parks, reserves and competent councillorships.





(ITA) Aree protette: da governo Musumeci le Linee guida per aumentare la sicurezza


Chiusura dell'area in caso di allerta meteo, subito dopo un evento sismico o in presenza di un terreno saturo di pioggia. Installazione di cartelli informativi, all'ingresso e lungo i sentieri, in cui vengono descritte le condizioni di rischio e dove sono riportati i comportamenti da adottare. D'ora in poi, i gestori dei siti naturalistici e delle zone protette della Sicilia dovranno adottare questi accorgimenti per continuare a consentirne una regolare fruizione al pubblico. Le disposizioni, che mirano a innalzare il livello di sicurezza dei visitatori, sono contenute in un documento stilato e trasmesso ai destinatari dal segretario generale dell'Autorità di bacino, Francesco Greco, su input del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.


«Si tratta di una serie di Linee guida - spiega il governatore dell'Isola - che obbligheranno i responsabili di tante zone meravigliose, ma purtroppo fragili dal punto di vista geomorfologico, a colmare un pericoloso vuoto di informazioni destinate a chi vi si addentra. Riguardano, in particolare, aree del nostro territorio che hanno una classificazione di rischio elevata e che, dunque, necessitano di un'attenzione costante e di un'adeguata e tempestiva divulgazione delle condizioni in cui si trovano e dei comportamenti corretti da adottare in caso di improvvise criticità. Con l'Autorità di bacino, da noi istituita dopo un trentennio, oggi possiamo colmare anche questo pericoloso vuoto».


Accanto alle misure di allertamento, «necessarie - si legge nel documento trasmesso ai gestori delle Aree protette - per consentire l'attività di tempo libero», sono indicati anche alcuni “suggerimenti” da adottare per innalzare ancora di più il livello di sicurezza dei visitatori: dall'invito a evitare assembramenti al di sotto di zone particolarmente a rischio, al costante monitoraggio con drone ad alta risoluzione dei costoni incombenti per valutare l'evolversi dei fenomeni di dissesto. E, ancora, l'installazione di sensori di rilevamento del livello dei corsi d'acqua ad almeno cinque chilometri di distanza dalle aree di fruizione. Le previste azioni di pre-allerta potranno essere immediatamente messe in atto senza bisogno di alcuna autorizzazione.

Tutte le comunicazioni e le informazioni che riguardano la sicurezza del pubblico dovranno, inoltre, essere divulgate attraverso i siti istituzionali dei Parchi, delle riserve e degli assessorati competenti.

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com