Search
  • Redazione

Ramacca Biofactory in operation, Citrus District and Aiab: «Now get stronger»


The Ramacca biofactory did not stop with the coronavirus emergency. It has continued to produce insects for biological control and the sale to farmers who request it will start again shortly, next week by appointment. To make it known, a few days ago, was the board of directors of ESA, the Regional Agricultural Development Authority to which the structure belongs, with a note signed by the directors Giosuè Catania and Calogero Sardo. «We are happy - says Federica Argentati, president of the Citrus District of Sicily - that the Biofabbrica is operating albeit with the restrictions imposed by the Covid-19 emergency. The Councilor for Agriculture, Edy Bandiera, has shown sensitivity and has guaranteed that he will pay close attention to this instrument of exceptional importance for citrus growing and for all Sicilian organic agriculture. The Ramacca Biofactory is an authentic "jewel" of our agricultural system - adds Argentati - and we consider it strategic also for the future. It is a tool to be exploited to the maximum. It would be incredible, in fact, to see farmers forced to source antagonistic insects from outside Sicily. The Citrus District has in its heart the importance of a green development of our agriculture and in fact, in its Board of Directors there is a figure, represented by the agronomist specialist in organic Francesco Ancona, representing the associated organic farmers. We must support the "Made in Sicily", today more than ever since consumers are asking for quality products and certified territorial origin and are increasingly attentive to health. Organic products are increasingly in demand and are the right answer to this need of consumers. For this reason, the Biofabbrica represents an excellence that the District has also placed at the center of a communication action, with a large video document that tells about the functioning and commitment of those who work with it passionately in the service of organic products».


«Aiab - affirms the president of Aiab Sicily, Alfio Furnari - welcomes with satisfaction the communication of the resumption of the activity of the Biofabbrica for the supply of auxiliaries to organic farms in time so that they can start the release programs of the same for the biological control of some phytophages. He waits to know from those who have political responsibility, that is, the Department of Agriculture and ESA, what the program is for strengthening and developing it in order to overcome past and present critical issues, making this structure a Sicilian flagship that satisfies the needs of companies in producing with sustainable methods and with better quality».


The about Biofactory produced by Sicily Citrus District




(ITA) Biofabbrica di Ramacca operativa, Distretto Agrumi e Aiab Sicilia: «Adesso si potenzi»


La biofabbrica di Ramacca non si è fatta fermare dall'emergenza coronavirus. Ha continuato a produrre insetti per la lotta biologica e a breve ricomincerà la vendita agli agricoltori che ne faranno richiesta. A renderlo, noto, alcuni giorni fa, è stato il consiglio di amministrazione dell'Esa, l'Ente regionale Sviluppo agricolo a cui fa capo la struttura, con una nota firmata dai consiglieri Giosuè Catania e Calogero Sardo.


«Siamo contenti – afferma Federica Argentati, presidente del Distretto Agrumi di Sicilia - che la Biofabbrica sia operativa seppure con le restrizioni imposte dall’emergenza Covid-19. L’assessore all’Agricoltura, Edy Bandiera, ha dimostrato sensibilità e ha garantito che presterà la massima attenzione a questo strumento di eccezionale importanza per l’agrumicoltura e per tutta l’agricoltura biologica siciliana. La Biofabbrica di Ramacca è un autentico “gioiello” del nostro sistema agricolo – aggiunge Argentati - e la riteniamo strategica anche per il futuro. È uno strumento da valorizzare al massimo. Sarebbe incredibile, infatti, vedere agricoltori costretti ad approvvigionarsi degli insetti antagonisti da fuori Sicilia. Il Distretto Agrumi, ha nel cuore l’importanza di uno sviluppo green della nostra agricoltura e infatti, nel suo Cda è presente una figura, rappresentata dall’agronomo specialista in biologico Francesco Ancona, in rappresentanza degli agricoltori biologici associati. Dobbiamo sostenere il “Made in Sicily”, oggi più che mai visto che i consumatori chiedono prodotti di qualità e di provenienza territoriale certificata e sono sempre più attenti alla salute. I prodotti biologici sono sempre più richiesti e sono la giusta risposta a questa esigenza dei consumatori. Per questo la Biofabbrica rappresenta un’eccellenza che il Distretto ha posto anche al centro di un’azione di comunicazione, con un ampio documento video che ne racconta il funzionamento e l’impegno di chi vi lavora con passione al servizio del biologico».


«Aiab – afferma il presidente di Aiab Sicilia, Alfio Furnari - accoglie con soddisfazione la comunicazione della ripresa della attività della Biofabbrica per la fornitura degli ausiliari alle aziende agricole biologiche in tempo perché possano dare inizio ai programmi di rilascio degli stessi per il controllo biologico di alcuni fitofagi. Attende di conoscere da parte di chi ha responsabilità politica, ossia Assessorato all’Agricoltura ed ESA, quale sia il programma di potenziamento e sviluppo della stessa in modo da superare le criticità passate e presenti, rendendo tale struttura un fiore all'occhiello siciliano che soddisfi le esigenze delle aziende nel produrre con metodi sostenibili e con migliore qualità».