Search
  • Redazione

Sicilian day for Salvini: «The mafia can be defeated by giving work»

Matteo Salvini at full speed on his Sicilian day. Fight against the mafia, bridge over the Strait of Messina, Alitalia flights. Arrived in Palermo in the morning for a tour with several stops in Sicily, the leader of Lega, has a word "politics" on each of the topics of the moment. And what he says, of course, is a political indication also to his own parties fellows.


Salvini during the press conference in Bagheria

«The fight against the mafia - said Salvini, meeting the journalists after depositing a laurel wreath in Capaci, on the site of the massacre in which Judge Falcone, his wife and the escort agents died - has not yet been won. Fighting the mafia means helping the police but also giving work. Today is a day based on work. We meet fishermen, artisan traders, unemployed workers. While others organise catwalks with VIPs, I have chosen to dedicate today's day to work in Sicily and tomorrow's day to work in Calabria». A clear lunge against the "general states" promoted by the Conte government, in which the centre-right refused to participate.


Then the Messina Bridge. «The infrastructure - Salvini said - is fundamental to the work. A bridge that unites Sicily and Calabria serves Italy, the Sicilians and the Calabrians. And it gives work to thousands and thousands of people». Then he also expressed an opinion on Alitalia. «Expensive routes and cancelled routes, I'm thinking of Trapani. But also the problems for Sardinia. With all the billions that Italians have given to Alitalia it is not possible that in such a delicate season for tourism there are such cuts or high prices. For this reason - added Salvini - we have already asked the government to intervene because the Italians put money into it but then they want to be able to fly at decent prices».



(ITA) Giornata siciliana per Salvini: «La mafia si sconfigge con il lavoro»


Matteo Salvini a tutto campo nella sua giornata siciliana. Lotta alla mafia, ponte sullo Stretto di Messina, voli Alitalia. Giunto in mattinata a Palermo per un tour con varie tappe in Sicilia, il leader della Lega, ha una parola "politica" su ciascuno dei temi del momento. E quello che dice, naturalmente, è una indicazione politica anche ai suoi.


«La lotta alla mafia - ha detto Salvini incontrando i giornalisti dopo avere deposto una corona di alloro a Capaci, sul luogo della strage in cui morirono il giudice Falcone, la moglie e gli agenti di scorta - non è ancora stata vinta. Lotta alla mafia significa aiutare le forze dell'ordine ma anche dare lavoro. Oggi è una giornata fondata sul lavoro. Incontriamo pescatori, artigiani commercianti, disoccupati operai. Mentre altri organizzano passerelle coi vip io ho scelto di dedicare la giornata di oggi al lavoro in Sicilia e la giornata di domani al lavoro in Calabria». Un chiaro affondo contro gli "stati generali" promossi dal governo Conte, a cui il centrodestra ha rifiutato di partecipare.


Poi il Ponte di Messina. «Le infrastrutture - ha detto Salvini - sono fondamentali per il lavoro. Un ponte che unisca Sicilia e Calabria serve all'Italia, ai siciliani ai calabresi. E dà lavoro a migliaia e migliaia di persone». Per poi esprimere un parere anche su Alitalia. «Tratte care e tratte cancellate, penso a Trapani. Ma anche ai problemi per la Sardegna. Con tutti i miliardi che gli italiani hanno dato ad Alitalia non è possibile che in una stagione così delicata per il turismo ci siano tagli o prezzi così elevati. Per questo motivo - ha aggiunto Salvini - abbiamo già chiesto al governo di intervenire perché gli italiani ci mettono i soldi ma poi vogliono poter volare a prezzi decenti».