Search
  • Redazione

Sicily Region and Anci: «We ask for Alitalia tickets at a single guaranteed price»

«A guaranteed ticket, whether you book a month in advance or a day in advance». This is one of the requests pleased in the document that the Sicilian Region and Anci have prepared to deliver it on Tuesday to the Ministers for Infrastructure and Transport and for the South, in the meeting that has already been scheduled.


This was announced this morning by the President of the Region, Nello Musumeci, and the Mayor of Palermo and President of Anci Municipalities' Association, Leoluca Orlando, at the meeting held at Palermo airport, at the headquarters of Gesap, the company that manages the terminal. On the "dock" is Alitalia, the national airline that left Trapani airport cancelling all connections and is accused of selling tickets at too high a cost.


«We asked for and obtained a meeting on Tuesday morning, with the Minister of Transport and the Minister of the South because the air navigation emergency has become no longer postponable for Sicily», Musumeci said. «For us Sicilians - the President of the Region added - travelling by plane is not the emotion of flying, but a necessity. We are the largest island in the Mediterranean and when we go to Milan or Rome we don't do it for shopping, but for serious family problems. That's why we can't expect to maintain low fares if we book a month, two months in advance, but if we have to book the plane within 24 hours, we have fares that touch 700 euros. It is unimaginable and unthinkable».



(ITA) Regione Sicilia e Anci: «Biglietti Alitalia a prezzo unico e garantito»


«Un biglietto a prezzo garantito, sia che si prenoti un mese prima sia che si prenoti un giorno prima». E' questa una delle richieste contento nel documento che la Regione Siciliana e l'Anci hanno preparato per consegnarlo martedì ai ministri per le Infrastrutture e i Trasporti e per il Sud, nell'incontro che è già stato fissato.


Lo hanno annunciato questa mattina il presidente della Regione Nello Musumeci e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, nella riunione che si è tenuta all'aeroporto di Palermo, nella sede della Gesap, la società che gestisce l'aerostazione. Sul "banco degli imputati" c'è Alitalia, la compagna di bandiera che ha abbandonato l'aeroporto di Trapani cancellando tutti i collegamenti e che è accusata di vendere biglietti a costi troppo alti.


«Abbiamo chiesto ed ottenuto un incontro martedì mattina, con il ministro dei Trasporti e con il ministro del Sud perché l'emergenza navigazione aerea è diventata ormai per la Sicilia non più rinviabile», ha detto Musumeci. «Per noi siciliani - ha aggiunto il presidente della Regione - viaggiare in aereo non è l'emozione di volare, ma è una necessità. Siamo la più grande isola del Mediterraneo e quando andiamo a Milano o Roma non lo facciamo per shopping, ma per seri problemi di famiglia. Ecco perché non si può pretendere di mantenere tariffe basse se prenotiamo un mese, due mesi prima, ma se dobbiamo prenotare l'aereo nell'arco delle 24 ore abbiamo tariffe che lambiscono i 700 euro. E' inimmaginabile e impensabile»