Search
  • Redazione

Siracusa, Magna Grecia and Archimede

Sites to be discovered by children, up to the Vendicari reserve


THE GREEK THEATRE Entering the Park of the Neapolis is like stepping into a time machine, passing through centuries of history not only to discover how the Greeks built theatres, but also learning about a legend that will peak the interest of our young visitors: the story of Dionysus’ ear, a cave located in Latomie del Paradiso where the Despot held prisoners. The tale tells how Dionysus could listen to every word of the prisoners thanks to the unique acoustics of the cave, which amplify the sounds inside. Even today, try asking the children to sing, whistle, or shout, and you’ll be surprised with the extraordinary effects of their voice!


ARCHIMEDE’S TECNOPARCO Right next to the Neapolis there is another park worth visiting with children, especially those who love inventing and scientific technology. Archimedes, a mathematician and inventor from Siracusa, is considered one of the greatest scientists in history, and this science park offers wonderful reproductions of some of his most famous inventions, such as the endless screw and a number of catapults.


ORTIGIA The heart of Siracusa is without a doubt the old town of Ortigia, a wonderful maze of alleys and narrow streets where you can wander without a precise destination, in search of the most colourful and interesting courtyards. In the Giudecca quarters, there is the “Piccolo Teatro dei Pupi e delle Figure” (The Little Theatre of Marionettes and Drawings), which stages the heroic campaigns of the Paladins of Charlemagne. Here, in addition to seeing the show, you can also visit the museum and the workshop to discover how these handmade puppets magically come to life. This neighbourhood is also home to the Museum of the Papyrus. Upon reservation, the museum organizes special workshops on the making of papyrus paper, hieroglyphic writing, and more. You shouldn’t miss out on a quick stop at the beautiful Duomo (Cathedral) square, where you can enjoy an excellent cannolo while sitting at the tables of one of the bars in the square, while our young explorers can go to the search of the lizard that the architect Giovanni Vermexio left as a final signature upon completion of the construction of the municipal building, located next to the Duomo. If you are in Ortigia during a weekday, it is worth visiting the market (closed on Sundays), a jubilee of scents and colours that the children will enjoy. During the orange season, they can also taste the fresh squeezed orange juice, made right there on the moment.


THE RESERVE OF VENDICARI Just a few kilometres south of Siracusa, you’ll find this beautiful reserve that certainly deserves a visit, even in the off-season. The beauty of this protected reserve isn’t just white beaches and crystal clear sea. From the entrance to the beach, you walk along a path immersed in the lush Mediterranean flora, which crosses the old saltpans, and where during certain times of the year you can see flamingos and other migratory birds. The trail arrives at the historical tuna-fishing building, a symbol of the reserve, where children can run and go on adventures around the pillars of this wonderful landmark.




La Magna Grecia e Archimede


Siracusa, i luoghi da far scoprire ai bambini, sino alla riserva di Vendicari


Il Teatro Greco Entrare al Parco della Neapolis è come entrare in una macchina del tempo, è possibile attraversare secoli di storia per scoprire non solo come i greci costruivano i teatri ma anche una leggenda davvero interessante per i piccoli visitatori: quella dell’orecchio di Dionisio, una grotta sita nelle Latomie del paradiso nella quale il Tiranno rinchiudeva i prigionieri. Il racconto vuole che Dioniso riusciva ad ascoltare ogni parola dei prigionieri grazie alla particolare acustica della grotta che amplifica i suoni al suo interno. E’ così anche oggi, provate a chiedere ai bambini di cantare, bisbigliare o gridare, sentirete gli straordinari effetti della loro voce!


Il tecnoparco di Archimede Proprio nei pressi della Neapolis si trova questo altro parco che vale la pena di essere visitato con i bambini, soprattutto quelli più grandicelli appassionati di marchingegni e tecnologia scientifica. Archimede, matematico e inventore siracusano, è considerato uno dei più grandi scienziati della storia e in questo piccolo parco scientifico sono state riprodotte alcune delle sue invenzioni più famose come la vite senza fine e diverse catapulte.


Ortigia Il cuore di Siracusa è senza dubbio il centro storico di Ortigia, un dedalo di vicoli e stradine nei quali perdersi senza un itinerario preciso, alla ricerca dei cortili più colorati e bizzarri. Nel quartiere della Giudecca si trova il “Piccolo Teatro dei Pupi e delle Figure”, che mette in scena le imprese eroiche dei paladini di Carlo Magno. Qui è possibile , oltre la visione dello spettacolo, la visita del museo e del laboratorio per scoprire come per magia si animano le marionette interamente costruite a mano. In questo quartiere si trova anche il Museo del Papiro, che su prenotazione organizza dei laboratori particolarmente interessanti come quello della manifattura della carta papiro o di scrittura geroglifica. Tappa obbligata è senz’altro la bellissima piazza Duomo, dove potrete gustare un ottimo cannolo seduti ai tavolini di uno dei bar in piazza mentre i piccoli esploratori potranno andare alla ricerca della lucertola che l’architetto Giovanni Vermexio ha lasciato come sua firma al termine della costruzione del palazzo comunale, sito accanto al Duomo. Se siete ad Ortigia durante un giorno settimanale vale la pena visitare il mercato (chiuso la domenica), un trionfo di odori e colori che non lascerà indifferenti i bambini che, in periodo di produzione di arance, potranno assaggiare ottime spremute fatte sul momento.


La riserva di Vendicari Pochi km a sud di Siracusa si trova questa bellissima riserva che merita una visita anche fuori stagione, le sue bellezze infatti non sono solo le spiaggie bianche e il mare cristallino. Dall’ingresso alla spiaggia si percorre un sentiero, immerso nella rigogliosa flora mediterranea, che attraversa le vecchie saline dove periodicamente è possibile ammirare fenicotteri e altri uccelli migratori. Il sentiero arriva all’edificio della tonnara, simbolo della riserva, qui i bambini saranno liberi di scatenarsi in lunghe corse e slalom attorno ai pilastri. .