Search
  • Redazione

Stop quarantine and free mobility to and from Sicily from June 3

Green light to mobility among Regions and stop quarantine also in Sicily. It is established by a ministerial decree and an order of the President of the Sicilian Region.


The Minister for Infrastructure, in agreement with the Minister for Health, has regulated mobility throughout the national territory and health checks in ports and airports.


With his order, Musumeci has confirmed the opening of the bathing season from next June 6; he has given green light to all activities already authorized, but above all he has put an end to the mandatory quarantine for those who return to Sicily starting tomorrow (June 3). In this case the health surveillance and the obligation to inform the family doctor, in case of onset of symptoms attributable to Covid-19, remain.


These are some of the most important measures contained in the order of the Governor of Sicily, which in fact significantly relaxes the restrictions provided for to contain the Coronavirus, without neglecting the importance of controls and registration on dedicated portals for all those who return to the island.


«We conform to national directives - Musumeci said - not without claiming the specificity of some regional measures. Which are important above all to give serenity to those who arrive on the Island. The health system must be the engine of the restart, but we have the task of instilling security and serenity to the citizens, without forgetting the epidemic, but trying to restart productive and tourist activities».


In Sicily, therefore, the go-ahead for intra and interregional travel is accompanied by precise rules that will be contained in the SiciliaSiCura project, which will be presented at Palazzo Orleans tomorrow at 11.30 am by President Musumeci with Guido Bertolaso and in the presence of Councillors Manlio Messina, Ruggero Razza and Mimmo Turano. Shortly before the Governor will meet with the trade associations.


The ordinance published today, moreover, contains news for those who work in Sicily and must move around the national territory (and vice versa): even if quarantine is no longer mandatory, the controls by the departments of Prevention of territorial Asp remain high.


Among the new features, also the green light from tomorrow to swimming pools and spa facilities that provide the so-called Lea (Essential Levels of Assistance). Also practical lessons for driving schools and for obtaining nautical licences are allowed. The order also confirmed the restart of the catering activity, starting from next June 8th.


Obviously, there are still obligations to comply with the measures to contain the contagion, such as the availability of the mask, which every citizen will have to keep with him/her at all times and use when interpersonal distancing ceases.


As far as shopping centers and supermarkets are concerned, opening on public holidays will be regulated, by Saturday 6 June, according to the indications that employers' and trade unions' organizations, already activated, will provide to the regional department of productive activities.


(ITA) Stop alla quarantene e via libera alla mobilità da e per la Sicilia dal 3 giugno


Via libera alla mobilità tra Regioni e stop alla quarantena anche in Sicilia. Lo stabiliscono, appena firmati, un decreto ministeriale e una ordinanza del presidente della Regione Siciliana. Il ministro per le Infrastrutture, di intesa col ministro per la Salute, ha provveduto a regolamentare la mobilità su tutto il territorio nazionale e i controlli sanitari nei porti e aeroporti.


Con la sua ordinanza, Musumeci ha confermato la apertura della stagione balneare a partire dal prossimo 6 giugno; ha dato disco verde a tutte le attività già autorizzate, ma soprattutto ha posto fine alla quarantena obbligatoria per chi fa rientro in Sicilia a partire da domani (3 giugno). In questo caso permane la sorveglianza sanitaria e l’obbligo di avvisare il medico di famiglia in caso di insorgenza di sintomi riconducibili al Covid-19.


Sono alcune delle misure più importanti contenute nell’ordinanza del governatore della Sicilia, che di fatto allenta in maniera significativa le restrizioni previste per contenere il Coronavirus, senza tralasciare l’importanza dei controlli e della registrazione sui portali dedicati per tutti coloro che fanno rientro nell’Isola.


«Ci uniformiamo alle direttive nazionali - ha detto Musumeci - non senza rivendicare la specificità di alcune misure regionali. Che sono importanti anzitutto per dare serenità a quanti arrivano nell’Isola. Il sistema sanitario deve essere il motore della ripartenza, ma abbiamo il compito di infondere sicurezza e serenità ai cittadini, senza dimenticare l’epidemia, ma provando a rimettere in moto le attività produttive e turistiche».


In Sicilia, quindi, il via libera agli spostamenti infra ed interregionali si accompagna a precise regole che saranno contenute nel progetto SiciliaSiCura, che verrà presentato, a Palazzo Orleans, domani alle ore 11.30, dal presidente Musumeci con Guido Bertolaso e alla presenza degli assessori Manlio Messina, Ruggero Razza e Mimmo Turano. Poco prima il governatore incontrerà le associazioni di categoria.


L’ordinanza pubblicata oggi, inoltre, contiene novità per chi lavora in Sicilia e deve muoversi sul territorio nazionale (e viceversa): anche se non è più obbligatoria la quarantena, restano alti i controlli da parte dei dipartimenti di Prevenzione delle Asp territoriali.


Fra le novità, anche il via libera da domani a piscine e strutture termali che erogano i cosiddetti Lea (Livelli essenziali di assistenza). Consentite pure le lezioni pratiche delle autoscuole e per il conseguimento delle patenti nautiche. Confermato anche il riavvio dell’attività di catering, a partire dal prossimo 8 giugno. 


Ovviamente, permangono gli obblighi di osservanza delle misure di contenimento del contagio, come ad esempio la disponibilità  della mascherina, che ogni cittadino dovrà tenere sempre con sé ed usare quando viene meno il distanziamento interpersonale.


Per quanto riguarda i Centri commerciali e i supermercati, l’apertura nei giorni festivi sarà regolamentata, entro sabato 6 giugno, in base alle indicazioni che organizzazioni datoriali e sindacali, già attivate, forniranno al dipartimento regionale delle Attività produttive.

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com