Search
  • Redazione

Taxi Driver Investigation, the Lega: «Migrant Reception Centers receptacle of crime»

Immediate political controversy in the light of the "Taxi Driver" investigation which carried out 11 precautionary measures on charges of aiding and abetting prostitution and drug trafficking around migrants residing in the Capo d'Orlando reception centre.


Stefano Candiani

The Lega attacks with the aim of criticizing the actions of the Conte government. «Operation Taxi Driver only confirms what we've been saying for a long time: the reception centers are a receptacle of crime and illegality». This is stated in a joint note by the regional secretary of the Lega, Stefano Candiani, the deputy regional secretary, Fabio Cantarella, the provincial commissioner of the Lega in Messina, Matteo Francilia, the leader of the Lega group in the Regional Assembly, Antonio Catalfamo, and the town councillor of Carroccio in Capo d'Orlando, Felice Scafidi.


«The story of Capo d'Orlando - the note says - brings out another side of the already dramatic Sicilian situation on illegal immigration and that is the exposure of these realities to the most varied criminal interests. The Sicilians do not deserve to have phantom reception centers in their cities that become places of crime and spread of the epidemic, we want immediate repatriations and a total stop to landings on our shores», the members of the Lega conclude.



(ITA) Indagine Taxi Driver, la Lega: «Centri di accoglienza migranti ricettacolo di criminalità»


Immediata la polemica politica alla luce dell'inchiesta "Taxi Driver" che ha portato a 11 misure cautelari con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione e di traffico di stupefacenti intorno ai migranti residenti nel centro di accoglienza di Capo d'Orlando.


La Lega attacca con l'obiettivo di criticare l'operato del governo Conte. «L’operazione Taxi Driver non fa altro che confermare quello che diciamo da tempo: i centri d’accoglienza sono un ricettacolo di criminalità e di illegalità». Lo affermano in una nota congiunta il segretario regionale della Lega, Stefano Candiani, il vicesegretario regionale, Fabio Cantarella, il commissario provinciale della Lega a Messina, Matteo Francilia, il Capogruppo all'Assemblea regionale Antonio Catalfamo e il consigliere comunale del Carroccio a Capo d’Orlando, Felice Scafidi.


«La vicenda di Capo d’Orlando - si legge ancora nella nota - fa emergere un altro lato della già drammatica situazione siciliana sull'immigrazione clandestina e cioè l’esposizione di queste realtà ai più svariati interessi criminali. I siciliani non meritano di avere nelle loro città fantomatici centri d’accoglienza che diventano luoghi di crimine e di diffusione dell’epidemia, vogliamo i rimpatri immediati e lo stop totale agli sbarchi sulle nostre coste», concludono gli esponenti della Lega.