Search
  • Redazione

The island of Mothia reopens, the cost of the ticket has been reduced

The island of Mothia, the ancient Phoenician colony in the middle of the nature reserve of the "Stagnone", reopened after the lockdown and lowered from 9 to 6 euros the cost of admission to the island. The cost of the crossing by boat has also been reduced to €4.



In addition, with more than two million euros of European funds already allocated, it is planned to implement projects for the alarm systems, the coverage of the wi-fi network throughout the island, the restoration of the archaeological excavations, the end of the renovation of the museum.


The reopening has also started a new museum layout, with updated posters, the purchase of two new showcases to complete the route, and the design of a special app that will give visitors the opportunity to receive information on archaeological finds. The projects should be completed by the end of the year.


The entrance ticket to the island also includes a visit to the Whitaker Museum, whose precious piece is the Greek marble statue of the Young Man in a Tunic, which on the occasion of the London Olympics in 2012 was exhibited at the British Museum and then also in the USA, at the "Paul Getty Museum" in Malibu. Previously, it was also exhibited in Venice (twice) and in Berlin. It was found in Mothia on 26 October 1979, during excavations carried out in the north-eastern sector of the island, the so-called "K" zone, between the Cappiddazzu sanctuary and the city walls. According to experts, it was carved by a pupil of Phidias.



(ITA) Riapre l'isola di Mothia, abbassato il costo del biglietto


L'isola di Mothia, l'antica colonia fenicia al centro della riserva naturale dello Stagnone, ha riaperto i battenti dopo il lockdown e ha abbassato da 9 a 6 euro il costo del biglietto d'ingresso sull'isola di Mothia. Anche il costo della traversata è stato ridotto a 4 euro.


Inoltre, con oltre due milioni di euro di fondi europei già stanziati, è prevista l'attuazione di progetti per i sistemi di allarme, la copertura della rete wi-fi su tutta l'isola, il restauro degli scavi archeologici, la fine dei lavori di rinnovamento del museo.


La riapertura è stata contrassegnata anche da un nuovo assetto museale, con una cartellonistica aggiornata, l'acquisto di due nuove vetrine per completare il percorso, e la progettazione di una particolare app che darà ai visitatori la possibilità di ricevere informazioni sui reperti archeologici. I progetti dovrebbero essere portati a termine entro la fine dell'anno.


Il biglietto d'ingresso sull'isola prevede anche la visita al Museo Whitaker, il cui pezzo pregiato è la statua in marmo di fattura greca del Giovinetto in tunica, che in occasione delle Olimpiadi di Londra del 2012 è stata esposta al British Museum e poi anche negli Usa, al "Paul Getty Museum" di Malibù. In precedenza, è stata esposta anche a Venezia (due volte) e a Berlino, è stata rinvenuta a Mothia il 26 ottobre del 1979, nel corso degli scavi effettuati nel settore nord-orientale dell'isola, la cosiddetta zona "K", tra il santuario di Cappiddazzu e la cinta muraria. Secondo gli esperti, sarebbe stata scolpita da un allievo di Fidia.

Subscribe to Our Newsletter

SicilianNews

Write to info@siciliannews.com

 

ABOUT

CONTACT

ADVERTISE

  • White Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco YouTube Icona

© 2020 by U.media Srl. - website created with Wix.com